L'anno più caldo e le temperature oceaniche più elevate: I numeri da record del 2023 sul clima

Le temperature globali senza precedenti registrate a partire da giugno hanno portato il 2023 a diventare l'anno più caldo mai registrato, superando di gran lunga il 2016, il precedente anno più caldo.
Le temperature globali senza precedenti registrate a partire da giugno hanno portato il 2023 a diventare l'anno più caldo mai registrato, superando di gran lunga il 2016, il precedente anno più caldo. Diritti d'autore YODA Adaman
Di Rebecca Ann Hughes
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

Il rapporto dell'osservatorio Copernicus conferma che il 2023 sarà per la temperatura globale l'anno solare più caldo tra quelli mai registrati a partire dal 1850

PUBBLICITÀ

Il 2023 è stato un anno di tristi record per il clima e di conseguenza per la sopravvivenza della vita sulla Terra.

Tra questi angoscianti primati ci sono il mese più caldo mai registrato da quando è iniziato il monitoraggio e le medie giornaliere della temperatura globale che hanno superato i livelli preindustriali di oltre 2°C.

Le temperature globali senza precedenti registrate a partire da giugno hanno reso il 2023 l'anno più caldo mai registrato, superando di gran lunga il precedente record del 2016.

I dati sono stati confermati dall' Osservatorio sui cambiamenti climatici Copernicus - Copernicus Climate Change Service - (C3S) nel suo rapporto 2023 Global Climate Highlights, che sottolinea i pericoli ambientali che il nostro pianeta deve affrontare.

Inoltre, approfondisce i principali fattori alla base degli eventi climatici estremi del 2023, come le concentrazioni di gas serra e il fenomeno di El Niño.

Il 2023 si conferma l'anno più caldo della storia

Il rapporto C3S conferma che il 2023 è stato l'anno solare più caldo nei record di temperatura globale a partire dal 1850.

"Il 2023 è stato un anno eccezionale, in cui i precedenti record climatici sono caduti come tessere del domino", afferma Samantha Burgess, vicedirettore del C3S.

Copernicus ha registrato in questo anno una temperatura media globale di 14,98°C, 0,17°C in più rispetto al precedente valore annuale più alto, quello del 2016.

Il 2023 è stato più caldo di 0,60°C rispetto alla media 1991-2020 e di 1,48°C rispetto al livello preindustriale del 1850-1900.

È la prima volta che tutti i giorni dell' anno hanno superato di 1°C il livello preindustriale del 1850-1900.

Quasi il 50% dei giorni è stato più caldo di 1,5°C rispetto al livello del 1850-1900 e due giorni di novembre sono stati più caldi di 2°C per la prima volta in assoluto.

Il rapporto avverte inoltre che è probabile che in un periodo di 12 mesi, che termina a gennaio o febbraio 2024, si superi di 1,5°C il livello preindustriale.

"Questo non significa che abbiamo superato i limiti stabiliti dall'Accordo di Parigi (in quanto si riferiscono a periodi di almeno 20 anni in cui questa anomalia di temperatura media viene superata), ma costituisce un precedente terribile", scrive il C3S.

Aumento della temperatura superficiale globale dell'aria(1) rispetto alla media del 1850-1900, il periodo di riferimento preindustriale designato, basato su diversi dataset
Aumento della temperatura superficiale globale dell'aria(1) rispetto alla media del 1850-1900, il periodo di riferimento preindustriale designato, basato su diversi datasetC3S/ECMWF

In termini di temperature mensili, ogni mese da giugno a dicembre del 2023 è stato più caldo del mese corrispondente in qualsiasi anno precedente.

Il dicembre 2023 è stato il più caldo mai registrato a livello globale, con una temperatura media di 13,51°C, 0,85°C al di sopra della media 1991-2020 e 1,78°C al di sopra del livello 1850-1900.

In Europa, le temperature sono state superiori alla media per 11 mesi nel 2023 e il mese di settembre è stato il più caldo mai registrato.

Le temperature oceaniche del 2023 sono state insolitamente alte

Un fattore determinante delle insolite temperature dell'aria registrate nel 2023 è stato l'aumento senza precedenti delle temperature superficiali dell'oceano. L'aumento della temperatura del mare è notoriamente influenzato dalle emissioni di gas serra.

Secondo il rapporto, le temperature medie globali della superficie del mare (Sst) sono rimaste "persistentemente e insolitamente alte", raggiungendo livelli record per il periodo dell'anno da aprile a dicembre.

PUBBLICITÀ

Le alte Sst nella maggior parte dei bacini oceanici, e in particolare nell'Atlantico settentrionale, hanno giocato un ruolo importante nel record delle Sst globali.

Il principale fattore a lungo termine a determinare le alte temperature oceaniche è il continuo aumento delle concentrazioni di gas serra.

Ma un ulteriore fattore che ha contribuito ai record nel 2023 è stata l'Oscillazione Meridionale El Niño (Enso). L'Enso è un modello di variabilità climatica naturale che vede le temperature oceaniche nel Pacifico tropicale centrale e orientale passare da condizioni più fredde (La Niña) a condizioni più calde (El Niño) rispetto alla media.

Contributi latitudinali alle anomalie mensili della temperatura dell'aria superficiale globale rispetto al 1991-2020, mostrati divisi tra regioni terrestri e oceaniche
Contributi latitudinali alle anomalie mensili della temperatura dell'aria superficiale globale rispetto al 1991-2020, mostrati divisi tra regioni terrestri e oceanicheC3S/ECMWF

Questi eventi Enso influenzano la temperatura e i modelli meteorologici in tutto il mondo. Dopo che la La Niña si è conclusa all'inizio del 2023 e le condizioni per l'arrivo diEl Niño hanno iniziato a svilupparsi, l'Organizzazione meteorologica mondiale (Wmo) ha dichiarato l'inizio di El Niño a luglio.

Le Sst senza precedenti sono state associate a ondate di calore marino in tutto il mondo, anche in parti del Mediterraneo, del Golfo del Messico e dei Caraibi, nell'Oceano Indiano e nel Pacifico settentrionale e in gran parte dell'Atlantico settentrionale.

PUBBLICITÀ

Il ghiaccio marino antartico ha raggiunto un minimo storico

Il 2023 è stato significativo anche per il ghiaccio marino antartico. In 8 mesi ha raggiunto il minimo storico per il periodo corrispondente dell'anno. Sia l'estensione giornaliera che quella mensile hanno raggiunto i minimi storici nel febbraio 2023.

L'estensione del ghiaccio marino artico al suo picco annuale a marzo è stata tra le quattro più basse per quel periodo dell'anno nella documentazione satellitare. Il minimo annuale di settembre è stato il sesto più basso.

"Gli estremi che abbiamo osservato negli ultimi mesi sono una drammatica testimonianza di quanto siamo lontani dal clima in cui si è sviluppata la nostra civiltà", afferma Carlo Buontempo, direttore del C3S.

"Questo ha profonde conseguenze per l'Accordo di Parigi e per tutti gli sforzi umani".

I livelli di gas serra superano i record

Secondo il C3S e il Copernicus Atmosphere Monitoring Service (Cams), nel 2023 le concentrazioni di gas serra hanno raggiunto i livelli più alti mai registrati nell'atmosfera.

PUBBLICITÀ

Le concentrazioni di anidride carbonica nel 2023 erano superiori di 2,4 parti per milione (ppm) rispetto al 2022 e le concentrazioni di metano sono aumentate di 11 parti per miliardo (ppb).

Per il 2023, la stima annuale della concentrazione atmosferica di anidride carbonica è di 419 ppm, mentre quella del metano è di 1902 ppb.

Il tasso di aumento dell'anidride carbonica è simile a quello osservato negli ultimi anni. Il tasso di aumento del metano è rimasto elevato, ma inferiore a quello degli ultimi 3 anni.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Copernicus: il 2023 è l'anno più caldo mai registrato

Luglio 2023 è il mese più caldo di sempre (lo dice Copernicus)

Rete Copernicus: 'Il surriscaldamento avanza velocemente'