Cambiamento climatico: gli oceani più caldi hanno sbiancato i coralli anche a profondità-record

Gli scienziati hanno scoperto prove dello sbiancamento della barriera corallina, che si verifica a profondità superiori a 90 metri, sotto la superficie dell'Oceano Indiano.
Gli scienziati hanno scoperto prove dello sbiancamento della barriera corallina, che si verifica a profondità superiori a 90 metri, sotto la superficie dell'Oceano Indiano. Diritti d'autore University of Plymouth/Cover Ima via Reuters Connect
Di Euronews Green - Edizione italiana: Cristiano Tassinari Agenzie:  Reuters
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

Si pensava che i coralli delle profondità oceaniche fossero più resistenti ai cambiamenti climatici. Purtroppo, una nuova ricerca dell'Università di Plymouth ha dimostrato che non è così

PUBBLICITÀ

Lo sbiancamento dei coralli è stato scoperto a profondità record, oltre 90 metri sotto la superficie dell'Oceano Indiano.

In passato si pensava che queste profondità fossero resistenti agli effetti del riscaldamento degli oceani, ma ora gli scienziati hanno riscontrato gravi danni anche a questi ecosistemi vitali.
In alcune aree, la barriera corallina è stata danneggiata fino all'80%.

"È una rivelazione inequivocabile", afferma il dottor Phil Hosegood, professore associato di Oceanografia fisica presso l'Università di Plymouth (Regno Unito) e responsabile del progetto.

"I coralli più profondi sono stati convenzionalmente considerati impermeabili al riscaldamento degli oceani, principalmente perché i loro ambienti sottomarini sono più freddi della superficie e considerati più stabili. Tuttavia, ciò si è dimostrato errato e, di conseguenza, le barriere coralline a profondità simili in tutto il mondo potrebbero essere minacciate da cambiamenti climatici analoghi", spiega il professor Hosegood.

Perché i coralli si sbiancano a questa profondità?

Secondo i ricercatori della Plymouth University, lo sbiancamento è dovuto a un aumento del 30% delle temperature marine nell'Oceano Indiano.

Nel 2019, gli scienziati hanno utilizzato telecamere collegate a robot subacquei per valutare la salute dei coralli sotto la superficie dell'Oceano. Le immagini, trasmesse in diretta a una nave di ricerca in superficie, hanno rivelato i primi segni di sbiancamento a queste profondità.

In quel momento, le barriere coralline in acque poco profonde non mostravano gli stessi danni, evidenziando un netto contrasto nella loro vulnerabilità.

Lo sbiancamento dei coralli avviene anche in profondità.
Lo sbiancamento dei coralli avviene anche in profondità.University of Plymouth/Cover Ima via Reuters Connect

Durante il viaggio in profondità è stata raccolta un'ampia gamma di dati, oltre a quelli provenienti dai satelliti, che monitorano le condizioni e le temperature dell'Oceano. L'analisi ha rivelato che, mentre le temperature superficiali dell'Oceano sono rimaste relativamente stabili durante questo periodo, le temperature sotto la superficie sono aumentate in modo significativo, passando da +22°C a +29°C.

Secondo gli scienziati, il termoclino, uno strato dell'Oceano in cui le temperature cambiano rapidamente con la profondità, sta diventando più profondo.

"I nostri risultati dimostrano inequivocabilmente che questo sbiancamento è stato causato da un approfondimento del termoclino", afferma Clara Diaz, autrice principale dello studio.

La ricercatrice spiega che ciò è dovuto a modelli climatici, come l'equivalente di El Niño nell'Oceano Indiano, che si stanno intensificando a causa dei cambiamenti climatici.

"Di conseguenza, è probabile che lo sbiancamento nell'Oceano più profondo, sia in questa regione che altrove, diventi più frequente", aggiunge Clara Diaz.

La coautrice dello studio, Nicola Foster, aggiunge che i risultati "evidenziano la vulnerabilità" di questi ecosistemi corallini e forniscono "nuove prove dell'impatto di vasta portata del cambiamento climatico su ogni angolo del nostro Oceano".

Potrebbero verificarsi altrove eventi di sbiancamento simili e inosservati?

Anche se parti della barriera corallina sembravano essersi riprese da quando gli scienziati l'hanno visitata nuovamente nel 2020 e nel 2022, i ricercatori affermano che è necessario un monitoraggio più dettagliato per osservare le tracce dei coralli nell'Oceano profondo.

Poiché i danni alle barriere coralline in acque poco profonde aumentano in frequenza e gravità, si sperava che i coralli a profondità comprese tra i 30 e i 150 metri potessero contribuire a compensare questa perdita. Ma questa ricerca dimostra che potrebbe non essere così: i coralli di profondità, in gran parte inesplorati, potrebbero subire eventi di sbiancamento simili e inosservati in tutto il pianeta.

Il rischio è di non accorgersi dello sbiancamento dei coralli.
Il rischio è di non accorgersi dello sbiancamento dei coralli.University of Plymouth/Cover Ima via Reuters Connect

"L'oceanografia della regione è influenzata da cicli naturali che vengono esacerbati dai cambiamenti climatici", conclude il professor Hosegood.

"Attualmente la regione è alle prese con conseguenze simili, se non più gravi, a causa dell'impatto combinato di El Niño e del Dipolo dell 'Oceano Indiano ".

"Sebbene non si possa impedire l'approfondimento del termoclino", secondo Hosegood, "possiamo ampliare le nostre conoscenze sulle conseguenze di questo cambiamento all'interno di questi ambienti che rimangono in gran parte inesplorati. Dato il rapido ritmo del cambiamento globale, questo non è mai stato così necessario".

Video editor • Aisling Ní Chúláin

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

The Cube: le eruzioni vulcaniche producono più anidride carbonica di tutte le emissioni umane?

Brasile, caldo e siccità provocano tremila incendi in quindici giorni

Tempesta Ciaran, vittime e danni in Europa (in Italia martoriata la Toscana)