EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

I leader dell'Ue a Bruxelles per spartirsi le cariche più importanti. Ecco i candidati

Ursula von der Leyen e Kaja Kallas sono tra i candidati ai vertici dell'UE.
Ursula von der Leyen e Kaja Kallas sono tra i candidati ai vertici dell'UE. Diritti d'autore Europea Union, 2023.
Diritti d'autore Europea Union, 2023.
Di Jorge LiboreiroAida Sanchez Alonso
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

La delicata distribuzione dei posti di comando dell'Ue è il prossimo capitolo dopo le elezioni del Parlamento europeo

PUBBLICITÀ

Lunedì i leader dell'Unione Europea si incontreranno a Bruxelles per discutere, e possibilmente assegnare, le cariche di comando più importanti dell'Ue.

Il vertice informale vedrà i 27 capi di Stato e di governo contrattare su chi dovrà essere il prossimo presidente della Commissione europea, il presidente del Consiglio europeo e l'Alto rappresentante per gli affari esteri e la politica di sicurezza.

I negoziati sono tradizionalmente un delicato gioco di prestigio: la distribuzione dei posti al vertice deve tenere conto delle affiliazioni politiche, delle provenienze geografiche e dell'equilibrio di genere per garantire il massimo sostegno al tavolo.

Nel 2019, la selezione è avvenuta dopo diversi giorni di discussioni, compresa una maratona notturna che ha lasciato i leader visibilmente esausti. Questa volta, Bruxelles potrebbe avere un percorso più facile.

La nomina delle alte cariche dovrebbe aver un iter più facile questa volta

All'indomani delle elezioni, il consenso è emerso più rapidamente di quanto molti avessero previsto: Ursula von der Leyen per la Commissione, António Costa per il Consiglio e Kaja Kallas per l'Alto Rappresentante.

"Questa è la direzione di marcia", ha dichiarato un diplomatico, parlando a condizione di anonimato. "C'è un chiaro interesse nell' ottenere chiarezza e prevedibilità in tempi rapidi".

Un altro diplomatico ha suggerito che la rapidità con cui il pacchetto è stato messo insieme è dovuta principalmente alla mancanza di alternative credibili proposte dalle parti coinvolte. Sebbene le speranze di una rapida risoluzione siano alte, l'accordo finale potrebbe non essere siglato alla cena di lunedì e slittare al vertice formale del 27 giugno.

Ecco come si prospetta la situazione.

Commissione europea: Ursula von der Leyen

Ursula von der Leyen vuole guidare la Commissione europea per un secondo mandato
Ursula von der Leyen vuole guidare la Commissione europea per un secondo mandatoEuropean Union, 2024.

Da quando ha annunciato la sua candidatura per la rielezione a febbraio, von der Leyen è stata considerata l'indiscussa favorita per la Commissione europea. La 65enne tedesca ha guidato l'esecutivo attraverso crisi consecutive negli ultimi cinque anni, assicurando al contempo che l'attività legislativa mantenesse le sue ambizioni originarie.

Il suo modo di lavorare fortemente centralizzato, il suo Green Deal di vasta portata, la sua reazione impulsiva alle proteste degli agricoltori e, soprattutto, la sua risposta iniziale alla guerra tra Israele e Hamas, dove è stata fotografata mentre stringeva la mano al primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu, sono stati considerati ostacoli sulla sua strada verso un secondo mandato.

Ma la schiacciante vittoria del suo Partito Popolare Europeo (Ppe) di centrodestra alle elezioni europee di giugno, con 190 seggi, ha spazzato via queste preoccupazioni. La Von der Leyen ha già avviato i negoziati con i socialisti e i liberali per costruire una coalizione centrista per i prossimi cinque anni, senza coinvolgere formalmente i colleghi di destra di Giorgia Meloni.

La Von der Leyen, membro di diritto del Consiglio europeo, parteciperà al vertice di lunedì, ma si ricandiderà quando inizierà la discussione sui posti di comando. Se dovesse ottenere la benedizione dei leader, dovrà poi affrontare un esame al Parlamento europeo, dove avrà bisogno dell'appoggio della maggioranza dei membri appena eletti - 361 voti - per ottenere il posto.

Prima delle elezioni, a Bruxelles si sono moltiplicate le ipotesi di possibili alternative alla von der Leyen. Altri leader del Ppe, come il croato Andrej Plenković, il rumeno Klaus Iohannis e il greco Kyriakos Mitsotakis, sono stati indicati insieme a Roberta Metsola, attuale presidente del Parlamento europeo.

L'ex primo ministro italiano Mario Draghi è stata un'altra delle alternative che hanno attirato i maggiori titoli dei giornali. Ma la proposta, ampiamente attribuita ai funzionari francesi come stratagemma per strappare concessioni alla von der Leyen, è sempre stata inverosimile: Draghi non è affiliato ad alcun partito politico e la sua nomina sconvolgerebbe completamente il gioco delle trattative.

Consiglio europeo: António Costa

António Costa, ex primo ministro del Portogallo
António Costa, ex primo ministro del PortogalloEuropean Union.

I Socialisti e Democratici (S&D) si sono classificati al secondo posto alle elezioni europee, con 136 seggi. Ma il risultato non smorza le loro ambizioni.

PUBBLICITÀ

La famiglia di centrosinistra ha messo gli occhi sulla presidenza del Consiglio europeo, un incarico che non ha poteri legislativi ma che acquista una rilevanza particolare nei momenti di crisi, quando i leader si riuniscono in riunioni di emergenza per prendere decisioni cruciali.

L'attuale titolare è Charles Michel, un liberale belga, che non può essere rieletto dopo due mandati consecutivi di 2,5 anni. La leadership di Michel è stata divisiva: il suo tentativo fallito di candidarsi alle elezioni europee di quest'anno si è ritorto contro di lui e ha messo in luce i rischi di nominare una persona relativamente giovane (e ambiziosa) alla guida del Consiglio europeo.

I socialisti hanno percepito un'apertura e hanno proposto il nome di un veterano: António Costa, il politico 62enne che ha ricoperto il ruolo di primo ministro del Portogallo tra il 2015 e il 2024. Durante il suo mandato, Costa è stato ampiamente apprezzato dai suoi colleghi leader per il suo atteggiamento costruttivo e il suo carattere disponibile.

Ma la sua permanenza al potere si è interrotta nel novembre 2023, quando ha rassegnato le dimissioni dopo che diversi membri del suo gabinetto sono stati accusati di corruzione e traffico di influenze nella concessione di progetti di estrazione del litio, idrogeno verde e centri dati. Costa è sospettato di aver favorito alcuni di questi affari irregolari.

PUBBLICITÀ

Poco dopo le sue dimissioni, i pubblici ministeri hanno ammesso di aver confuso il nome di António Costa con quello del ministro dell'Economia António Costa Silva nella trascrizione delle intercettazioni. Questo e altri errori hanno minato il caso legale, creando l'impressione tra i diplomatici di Bruxelles che il nome di Costa sarà alla fine scagionato.

Se i leader dell'Ue dovessero ripensarci, un'alternativa socialista potrebbe essere la danese Mette Frederiksen, che però ha negato qualsiasi interesse per un incarico ai vertici. Anche Mario Draghi è stato proposto per il Consiglio, dove la sua autorevolezza sarebbe un vantaggio.

Alto rappresentante: Kaja Kallas

Kaja Kallas ha spinto l'Ue ad adottare sanzioni più dure contro la Russia
Kaja Kallas ha spinto l'Ue ad adottare sanzioni più dure contro la RussiaVirginia Mayo/Copyright 2023 The AP. All rights reserved.

Anche la famiglia liberale di Renew Europe, scesa da 102 a 80 seggi alle elezioni europee, vuole assicurarsi un posto di primo piano, nonostante i risultati deludenti.

I socialisti sono concentrati sul Consiglio, lasciando ai liberali l'Alto rappresentante per gli affari esteri e la politica di sicurezza. La carica è cresciuta d'importanza man mano che il blocco affronta le crisi globali, ma la sua efficacia rimane limitata dal principio dell'unanimità.

PUBBLICITÀ

L'attuale titolare è Josep Borrell, un socialista convinto che ha spesso frustrato i diplomatici per essere uscito dal copione e aver espresso punti di vista personali non condivisi dai 27.

La geografia sarà il fattore chiave nella scelta del suo successore. Poiché la Commissione e il Consiglio sono rispettivamente diretti verso l'Europa occidentale e meridionale, si pensa che l'Alto rappresentante debba andare a un rappresentante dell'Est.

Il doppio criterio dell'Europa liberale e dell'Est riduce notevolmente l'elenco dei candidati e spinge il primo ministro estone Kaja Kallas in prima linea. Negli ultimi due anni, Kallas è diventata una voce di spicco nella risposta dell'Ue all'invasione russa dell'Ucraina, esortando il blocco ad adottare sanzioni più dure contro il Cremlino e castigando gli alleati occidentali che non consegnano a Kiev le munizioni promesse.

In passato le sue politiche erano considerate troppo dure e centrate sul Baltico, ma la brutale realtà della guerra ha spostato il dibattito a suo favore. Ora è una seria candidata a diventare il prossimo capo della politica estera dell'Ue. Se sarà nominata, dovrà dimostrare di saper parlare in modo convincente anche di altre regioni, come l'Africa, il Medio Oriente e l'America Latina.

PUBBLICITÀ

"Non è una linea rossa per nessuno", ha detto un diplomatico. "La posizione di Alto rappresentante è in gran parte determinata dal mandato conferito dagli Stati membri".

Un altro candidato liberale è il belga Alexander De Croo, che si è recentemente dimesso da primo ministro, ma le sue origini europee occidentali potrebbero giocare a suo sfavore. Radosław Sikorski, un ex europarlamentare che ora ricopre la carica di ministro degli Esteri polacco ed è un convinto sostenitore dell'Ucraina, corrisponde alla figura dell'Alto rappresentante. Tuttavia, essendo affiliato al Ppe, la sua nomina rimanderebbe i leader al tavolo da disegno.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Ursula von der Leyen non parteciperà alle discussioni sui rinnovi delle cariche dell'Ue

A rischio il ruolo di Macron nell'elezione dei leader europei, se l'estrema destra vince in Francia

Francia, la candidata di Renaissance Yaël Braun-Pivet rieletta presidente dell'Assemblea nazionale