EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

La virata a destra e il calo dei Verdi segnano la fine del Green Deal?

Il leader del Partito Popolare Europeo Manfred Weber affronta la stampa nella notte delle elezioni europee, il 9 giugno 2024.
Il leader del Partito Popolare Europeo Manfred Weber affronta la stampa nella notte delle elezioni europee, il 9 giugno 2024. Diritti d'autore Denis LOMME/ European Union 2024 - Source : EP
Diritti d'autore Denis LOMME/ European Union 2024 - Source : EP
Di Marta PachecoRobert Hodgson
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

Sebbene il Parlamento Ue sia destinato a tendere a destra, dopo le elezioni dello scorso fine settimana, è improbabile che le migliaia di pagine di nuove leggi sul clima, l'energia e l'ambiente introdotte con il Green Deal della Commissione von der Leyen stiano per essere stracciate

PUBBLICITÀ

Con l'emergere di un nuovo Parlamento europeo, orientato a destra dopo le elezioni dell'Ue, precedute da spinose discussioni diplomatiche tra gli Stati membri sui dossier riguardanti la politica ambientale, aumentano le speculazioni sul futuro del Green Deal, l'ambizioso programma della Commissione von der Leyen per raggiungere la neutralità delle emissioni di carbonio entro il 2050 e invertire la perdita di biodiversità.

I conservatori e l'estrema destra, gruppi politici che si sono dimostrati scettici o del tutto ostili al Green Deal, hanno guadagnato seggi in molti Paesi, a scapito del gruppo liberale Renew e, in particolare, dei Verdi. Il nuovo status quo probabilmente porterà a un intenso dibattito sull' attuazione delle politiche verdi durante la prossima legislatura.

Il crollo dei Verdi non indica un rifiuto diffuso delle politiche per il clima

Mentre l'Irlanda e l'Italia devono ancora completare il conteggio dei loro europarlamentari eletti, uno sguardo alla lista provvisoria dei deputati che compongono il gruppo politico Verdi/Alleanza libera europea mostra che nove Paesi dell'Ue - Bulgaria, Cipro, Estonia, Grecia, Ungheria, Malta, Polonia, Portogallo e Slovacchia - non hanno nemmeno un rappresentante al Parlamento europeo.

Per Chris Rosslowe, analista senior del think tank Ember Climate, la perdita di 18 dei 71 seggi dei Verdi al Parlamento europeo non significa necessariamente un "rifiuto diffuso" dell'azione per il clima. Ha attribuito il ritiro dell'"onda verde" del 2019, soprattutto in Francia e Germania, a "una combinazione di fattori nazionali", ma ha notato che i sondaggi "mostrano costantemente il sostegno" all'azione per il clima in tutta Europa, anche in questi Paesi.

"Sono fiducioso che non assisteremo a un'inversione di rotta del Green Deal, soprattutto per quanto riguarda gli aspetti della transizione energetica, che sono saldamente in fase di attuazione", ha dichiarato Rosslowe a Euronews. "I dossier chiave, come la Direttiva sulle Energie Rinnovabili, stanno già avendo un impatto misurabile, con l'anno scorso che ha visto aggiunte record di energia eolica e solare".

Facendo intendere un potenziale dialogo costruttivo, un funzionario dell'Ue che non ha voluto essere nominato ha osservato che i partiti politici che hanno formato le maggioranze per l'adozione del Green Deal europeo sono ancora "in linea di massima nella stessa posizione" in cui si trovavano nel Parlamento precedente. "Questi partiti non hanno messo in discussione l'Accordo di Parigi o la Legge sul clima dell'Ue, da cui derivano le nostre politiche", ha detto la fonte.

I Verdi valutano l'ingresso nella coalizione con il Ppe in cambio del sostegno a Von der Leyen

Nel corso della loro prima riunione di gruppo dopo le elezioni, mercoledì (12 giugno), i principali eurodeputati verdi hanno espresso la volontà di unirsi a un'ampia coalizione di partiti politici centristi in cambio del sostegno a Ursula von der Leyen nel suo tentativo di ottenere un secondo mandato come presidente della Commissione europea, anche se ciò comporta un compromesso su alcune delle posizioni più ambiziose del loro manifesto.

Commentando un potenziale "contraccolpo verde" sotto la pressione dei nuovi gruppi di destra in parlamento, Andreas Rasche, professore alla Copenhagen Business School, ha respinto l'idea che l'Ue sia sull'orlo di una completa inversione di rotta sulla politica ambientale.

"È probabile che assisteremo a un rallentamento delle politiche verdi e a una legislazione meno ambiziosa", ha affermato Rasche, sottolineando che diverse leggi sono già state indebolite, come le nuove leggi sulla due diligence di sostenibilità delle imprese e sugli imballaggi e i rifiuti di imballaggio.

C'è anche la fondamentale legge sul ripristino della natura, già adottata dal Parlamento ma bloccata da una minoranza di Stati membri. La presidenza belga uscente del Consiglio dell'Ue l'ha inserita nell'agenda di un vertice ministeriale che si terrà lunedì prossimo (17 giugno), nella speranza di ottenere una svolta dell'ultimo minuto prima che l'Ungheria prenda le redini a luglio.

I capi di governo dovrebbero adottare la prossima Agenda strategica quinquennale dell'Ue durante il vertice del Consiglio europeo del 27-28 giugno, un documento non legislativo che tuttavia è destinato a guidare l'elaborazione delle politiche della prossima Commissione. Rasche prevede che l'attenzione si sposterà dalle questioni ambientali alle preoccupazioni per la sicurezza e la competitività, in linea con i venti geopolitici prevalenti e con le fughe di notizie delle prime bozze.

Tuttavia Rasche ritiene "improbabile" che la minore propensione all'avvio di una nuova legislazione ambientale si estenda a un'inversione su larga scala della serie di leggi sul clima, l'energia e l'ambiente già varate negli ultimi cinque anni e ora in attesa di attuazione.

Alcune leggi per il clima potrebbero subire forti opposizioni dalla destra

L'accademico indica tuttavia alcune eccezioni che potrebbero subire "pressioni significative", in particolare il divieto de facto di vendita di nuove auto a benzina e diesel a partire dal 2035 e l'obiettivo del 2040 per le emissioni di gas serra. La legge sul clima richiede l'adozione dell'obiettivo intermedio di azzerare le emissioni entro il 2050, ma resta da vedere se ci sarà il sostegno politico per un taglio di almeno il 90 per cento rispetto ai livelli del 1990, come raccomandato dagli scienziati dell'Ue e dalla Commissione in carica.

Parlando con i giornalisti mercoledì, l'eurodeputato olandese dei Verdi Bas Eickhout ha sottolineato la simbiosi tra il portare avanti la transizione energetica e il garantire il futuro dell'industria manifatturiera europea: "Abbiamo anche presentato la nostra visione [per una] strategia industriale verde europea, e questo è anche, di proposito, una sorta di focus che vorremmo vedere".

Il co leader della campagna elettorale dei Verdi ha anche sottolineato l'arma segreta che il partito si è assicurato durante le elezioni, nella persona del commissario uscente per l'ambiente Virginijus Sinkevičius, che ha difeso strenuamente le proposte del Green Deal in Parlamento e in Consiglio durante il suo mandato. Sinkevičius è stato eletto come europarlamentare nella sua Lituania.

"È un deputato potente", ha detto Eickhout quando Euronews gli ha chiesto se il suo partito spera di spingere il suo nuovo legislatore lituano verso la presidenza della commissione parlamentare per l'ambiente. "Quindi ne discuteremo".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

L'estrema destra potrebbe mettere sotto pressione il mercato delle energie rinnovabili

Cosa è andato storto per i Verdi e i Liberali alle elezioni europee?

I risultati delle europee: vince Meloni, Pd secondo partito, M5s, FI e Lega sotto al 10