EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Elezioni USA: quanti e quali Stati mancano a Biden e Trump per vincere

I due candidati parlano ai loro sostenitori mercoledì 4 novembre
I due candidati parlano ai loro sostenitori mercoledì 4 novembre Diritti d'autore Carolyn Kaster/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved
Diritti d'autore Carolyn Kaster/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved
Di Euronews, AP
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Cosa tenere d'occhio - e quando - per conoscere il nome del prossimo presidente degli Stati Uniti d'America.

PUBBLICITÀ

Il risultato delle elezioni presidenziali americane 2020 rimane ancora incerto, appeso all'esito dello scrutinio in alcuni Stati come Pennsylvania, Nevada, North Carolina e Georgia.

Dopo aver vinto Michigan e Wisconsin, a Biden mancano solo 6 grandi elettori per raggiungere quota 270 e trasferirsi alla Casa Bianca. Esattamente il numero di grandi elettori in palio in Nevada. 

Restano da assegnare in totale ancora 57 grandi elettori. 

In Georgia e North Carolina Trump è in vantaggio di un soffio, mentre in Pennsylvania guida di circa 3 punti. In Nevada invece avanti Biden ma con uno scarto di appena 0,6 punti. Occhio anche sull'Arizona (11 grandi elettori), che Fox News e Ap hanno già assegnato a Biden, ma contrariamente ad altri media come Cnn, Nbc e New York Times. Qui il vantaggio del candidato democratico si va assottigliando ma resta di circa 2 punti. 

Il Nevada dovrebbe aggiornare i suoi risultati verso giovedì a mezzogiorno, nel tardo pomeriggio in Europa. 

La Georgia potrebbe colorarsi di rosso o di blu, non c'è nulla di scontato. All'inizio sembrava che la vittoria andasse a Trump, ma ora il presidente ha un vantaggio di appena 0,5 punti con il 98% delle schede scrutinate. Se Biden dovesse vincere la Georgia, toccherebbe quota 280 voti nel collegio elettorale.

Trump invece ha bisogno della Pennsylvania e degli altri tre Stati contesi per vincere. Se non dovesse vincere la Pennsylvania, uno Stato chiave per lui, non riuscirà a raggiungere la tanto agognata quota 270.

Di sicuro non c'è stata la "valanga" democratica che alcuni commentatori si aspettavano alla vigilia del voto, e il margine di vittoria sarà risicato. Forse il più risicato di sempre. 

Non è chiaro, al momento di scrivere, quando si potrà dichiarare con certezza il vincitore finale. Forse stasera (in Italia), se il Nevada andrà a Biden, ma restano molti voti in sospeso anche in Pennsylvania, dove Trump è in testa.

Le più importanti elezioni americane di sempre, come le ha definite Trump, si svolgono nel bel mezzo di una storica pandemia che ha ucciso oltre 230mila americani. Più vittime rispetto ai militari americani caduti nella guerra del Vietnam, nella guerra di Corea e perfino nel primo conflitto mondiale, per intenderci. 

Gli elettori hanno risposto in gran numero alla chiamata alle urne: prima dell'Election Day avevano già votato 102 milioni di persone e in alcuni Stati, come la Georgia, ci sono state code anche di 10 ore per votare.

Elections Project prevede che, alla fine dello spoglio, saranno quasi 160 milioni le schede conteggiate, con un'affluenza del 66.5% - la più alta da 120 anni a questa parte (nel 1900 la platea di elettori era più ristretta, ma all'epoca votò il 73.7% degli aventi diritto).

Trump si prende la Florida, Biden l'Arizona

Il presidente uscente è riuscito ad aggiudicarsi la Florida, il più importante degli Swing States, mentre Biden - secondo l'agenzia AP - ha ribaltato le sorti in Arizona, ex roccaforte repubblicana. 

Trump ha prematuramente annunciato la sua vittoria, annunciando ricorsi fino alla Corte Suprema (dove i giudici conservatori sono in maggioranza). 

Biden, comparso brevemente davanti ai sostenitori nel Delaware, dove ha il quartier generale, ha esortato alla pazienza: "Non è finita finché non sarà stato conteggiato ogni voto, ogni scheda".

PUBBLICITÀ

"Non spetta né a me né a Donald Trump dichiarare chi ha vinto queste elezion. Questa decisione spetta al popolo americano".

La questione del voto per corrispondenza in Pennsylvania

Diversi stati permettono l'arrivo delle schede del voto per corrispondenza anche dopo l'Election Day - a patto che il timbro postale sia stato apposto prima della chiusura delle urne. Tra questi stati c'è anche la Pennsylvania, dove le schede elettorali con timbro postale datato 3 novembre saranno accettate anche in caso di arrivo entro il 6 nocembre. 

Il governatore della Pennsylvania, Tom Wolf, ha scritto su Twitter che rimanevano più di un milione di schede da conteggiare, promettendo ai cittadini della Pennsylvania di scrutinare fino all'ultimo voto.

Trump, per parte sua, ha seminato il dubbio affermando che queste schede non devono essere conteggiate e promettendo battaglia legale fino al più alto grado di giudizio. Tuttavia, a livello legale, quasi nessuno la pensa come il Presidente. 

PUBBLICITÀ

"Non vedo come possa rivolgersi direttamente alla Corte Suprema per fermare il conteggio dei voti. Ci potrebbero essere battaglie legali in alcuni stati, e alcune di queste battaglie potrebbero finire alla Corte Suprema, ma non è così che funzionano le cose", ha detto Rick Hasen, professore di diritto e scienze politiche all'Università della California-Irvine.

Trump ha nominato tre dei nove giudici dell'Alta Corte, tra cui, più recentemente, Amy Coney Barrett.

I democratici tendono a votare di più per corrispondenza dei repubblicani, mentre il partito conservatore cerca di recuperare terreno alle urne, nel giorno delle elezioni. 

Durante tutta la campagna elettorale, Trump ha messo in dubbio l'integrità del processo elettorale - senza fornire prova delle sue affermazioni - e ha ripetutamente suggerito di non tenere in conto le schede giunte per corrispondenza. 

PUBBLICITÀ

Entrambe le campagne elettorali hanno mobilitato squadre di avvocati pronte a muoversi negli Stati in caso di contestazioni legali.

Trump resiste in Texas, Iowa, Florida e Ohio

Trump ha saputo mantenere diversi stati della mappa elettorale americana, tra cui il Texas, l'Iowa e l'Ohio, dove Biden aveva fatto ha comunque ben figurato nelle fasi finali della campagna. 

Tuttavia, a Biden va il merito di aver saputo conquistare più cuori negli stati su cui Trump aveva puntato gli occhi, ovvero New Hampshire e Minnesota. 

Ma era la Florida il più grande campo di battaglia, e alla fine i suoi 29 grandi elettori sono andati a Trump. 

PUBBLICITÀ

Caduta la Florida, Biden si è ritrovato con meno "percorsi" disponibili per arrivare alla Casa Bianca rispetto a quanto sperato. 

In Florida - stato "adottato" da Trump - il presidente ha corteggiato la comunità latina, in particolare quella cubano-americana, e non ha mai smesso di tenere comizi. 

Da parte sua, Biden aveva puntato sul suo miglior surrogato - l'ex presidente Barack Obama - che nel Sunshine State ha parlato per ben due volte nei giorni finale della campagna elettorale. Sempre in Florida, Biden ha beneficiato di 100 milioni di dollari offerti da Michael Bloomberg, suo ex rivale alle primarie.

I democratici sono ora meno nervosi rispetto alle prime ore dello scrutinio, e sperano di poter strappare persino la maggioranza in Senato. Il partito conservatore però è riuscito a conservare diversi seggi considerati alla vigilia come vulnerabili in Iowa, Texas e Kansas. 

PUBBLICITÀ

La diretta

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Trump pronto ad adire la Corte suprema perché i democratici avrebbero truccato il voto

La debole "onda blu" democratica non sconvolge il parlamento a stelle e strisce

"L'Ue vorrebbe un presidente americano che non le faccia la guerra commerciale"