ULTIM'ORA
This content is not available in your region

QAnon diventa globale: cresce in Europa la teoria del complotto americana spinta dalla pandemia

euronews_icons_loading
QAnon diventa globale: cresce in Europa la teoria del complotto americana spinta dalla pandemia
Diritti d'autore  euronews
Dimensioni di testo Aa Aa

Una trama occulta di pedofili satanisti diretta da democratici di spicco è accusata di rapire, stuprare, mangiare bambini e berne il sangue per vivere per sempre.
__Il Presidente Donald Trump lotta contro questo gruppo malvagio fino al regolamento dei conti, con arresti di massa di politici e figure pubbliche come Hillary Clinton, Geroge Soros, Bill Gates, Tom Hanks and Oprah Winfrey.

Pinna, Monica/
Simbologia di QAnon alla manifestazione contro le misure anti-Covid - Costanza, Germania 3-4 Ottobre 2020Pinna, Monica/

Questo scenario da horror movie, ovviamente non basato su fatti dimostrati, è alla base di QAnon, una delle piu’ assurde teorie complottiste dei nostri tempi. Nata in rete negli Stati Uniti, si è rapidamente trasferita nel mondo reale ed è ormai diventata globale. E’ arrivata anche in Europa spinta dalla pandemia.

L’ormai noto simbolo Q ha fatto la sua prima grande entrata europea alle manifestazioni anti-Covid a Berlino, Londra e Parigi. A Berlino estremisti di destra hanno ostentato i simboli di QAnon assieme alle bandiere del Reich durante un tentato assalto al palazzo del Parlamento.

La nostra inviata Monica Pinna ha seguito la seconda grande manifestazione organizzata in Germania contro le misure anti-Covid.

"Siamo a Costanza, qui si sono dati appuntamento gruppi di ogni colore politico. Il divieto di ostentare simboli di estremismi è stato osservato, eppure le teorie e i principi di QAnon sono tuut'altro che assenti".

Pinna, Monica/
Manifestazione contro le misure anti-Covid - Costanza, Germania 3-4 Ottobre 2020Pinna, Monica/

Un partecipante alla manifestazione ci racconta di sostenere QAnon e ci spiega perché:

“Il Governo sta cercando di dividerci introducendo queste misure. C’è un enorme controllo da parte dello Stato. Io sono venuto qui perché vengano rispettati i diritti di tutti. Sono qui anche in nome di QAnon, perché QAnon ci mette in guardia sul fatto che le persone sono sempre piú divise”.

Gli esperti delle teorie complottiste sono convinti che la pandemia abbia agito come benzina sul fuoco nella diffusione di Qanon in Europa, complice l’incertezza portata dal COVID e la struttura tentacolare del movimento. Ce ne parla la Responsabile europea di NewsGuard, un'organizzazione che valuta l'affidabilità delle informazioni online:

Pinna, Monica/
Chine Labbe, Responsabile europea NewsGuardPinna, Monica/

Chine Labbe, NewsGuard: “É una sorta di meta-complotto. Racchiude idee molto diverse, teorie che si possono adattare a ogni realtà. L’idea che ci sia questo Stato Profondo gestito da un’élite mondiale che opera contro i salvatori è facilmente traducibile. In Francia Macron è descritto come una pedina dello Stato Profondo. In Germania è Merkel a essere considerata una marionetta”.

É così che Qanon in Europa ha attirato sostenitori con ideologie differenti. Chi si allinea lo fa scegliendo la narrativa che piu’ preferisce. Ci sono gli anti-sistema, gli anti-vaccino. Le motivazioni alla base delle proteste e quelle alla base di Qanon si sovrappongono.

Alcuni manifestanti ci raccontano perché sono scesi in piazza a Costanza:

“Si ha la sensazione che ci manipolino per mantenerci in uno stato di paura” racconta una ragazza sulla trentina.

“Penso che le misure anti-Covid siano totalmente eccessive. Penso che ci abbiano messo una museruola", si lamenta una manifestante. Sulla sua maglietta la scritta: "Gli stupidi indossano la mascherina, i furbi hanno un sistema immunitario resistente".

Pinna, Monica/
T-Shirt anti-mascherinePinna, Monica/

Sebbene QAnon si sia materializzato nel mondo reale, il suo primo incubatore sono stati i social media. I Tweets relativi a QAnon sono passati da 5 milioni nel 2017 a 12 milioni quest’anno a livello globale. La Germania è al quinto posto nel mondo per numero di tweet. Al secondo c’è il Regno Unito, dopo gli USA.

“Abbiamo identificato circa 450,000 followers in Europa, su account, gruppi e pagine web dichiaratamente pro-Qanon - spiega Chine Labbe, NewsGuard. Qui l’attività è cominciata tra la fine del 201 e l’inizio di quest’anno, ma in pochi mesi è riuscito a raccogliere un numero impressionante di sostenitori”.

Who is QAnon?

QAnon sta per Q-Anonimo, dove Q potrebbe essere qualcuno all’interno dell’amministrazione di Trump, o una figura dell’intelligence militare con accesso a informazioni top secret. I primi post sono apparsi nel 2017 su 4Chan, una bacheca di immagini anonima.

Pinna, Monica/
Who is QAnon?Pinna, Monica/

Twitter ha censurato settemila account legati a Qanon, ma altri 93 mila restano attivi. Anche Facebook ha preso provvedimenti, ma altre piattaforme prendono il sopravvento, come Telegram.

La dialettica della disinformazione

La disinformazione è al centro della dialettica di Qanon. Q e i suoi seguaci diffondono, volontariamente o no, informazioni prive di ogni fondamento. Gli esempio sono presenti ovunque sui social media, ma abbiamo trovato vari esempi anche alla manifestazione di Costanza, sebbene i dimostranti non si siano dichiarati seguaci di QAnon.

Pinna, Monica/
Tweet di una sostenitrice di QAnonPinna, Monica/

"Prima di tutto sono un medico, quindi quello che dico è provato scientificamente - ci spiega un manifestante. Non porto la mascherina e non l’ho mai portata. Quello che indossate qui è pericoloso. Uccide i bambini. In Germania ne sono morti tre praticamente perché indossavano le mascherine.

E’ stato provato? chiede la nostra giornalista. "Quasi. E’ stato quasi provato" risponde il medico.

La polizia tedesca ha ufficialmente negato una di queste morti e nessun altro documento prova che altri due bambini siano deceduti a causa delle mascherine.

Chi crede a QAnon?

Pia Lamberty, un psicologa sociale tedesca, spiega una tra le ragioni del successo di QAnon.

Pinna, Monica/
Pia Lamberty, psicologa sociale tedesca, esperta di teorie del complottoPinna, Monica/

“Ti puoi sentire unico diffondendo una teoria del complotto. Sei una presona capace di percepire la verità. Gli altri sono tutti naif, o parte del sistema. In Germania c’è un modo di dire molto diffuso ‘la pecora che dorme’. Cosi’ queste pesone chiamano chi non crede al complotto”.

Anche il sostenitore di Qanon incontrato alla manifestazione di Costanza ha evocato questa visione:

“Prego affinché ogni persona si allontani dalle convenzioni. Voglio che piu’ gente si risvegli”.

Nonostante le apparenze innocue di molti sostenitori di QAnon, il movimento è stato definito una minaccia terroristica nazionale negli USA. In Europa i suoi sostenitori sono spesso legati all’estrema destra e per gli epserti c’è da preoccuparsi.

“Sostenere teorie complottiste puo’ portare alla violenza - spiega la psicologa Pia Lamberty -puo’ agire da moltiplicatore della radicalizzazione. In Germania il 25% delle persone con mentalità cospirazionista dice di essere pronto all’uso dela violenza per conseguire i propri obiettivi”.

Pinna, Monica/
Il volto anonimo di QAnon - Costanza, Germania, 3-4 Ottobre 2020Pinna, Monica/

Con le elezioni americane alle porte, QAnon è apertamente sostenuta da oltre venti candidati repubblicani al Congresso. Il Presidente Trump non ha mai npreso le distanze dal movimento e i ricercatori sostengono che QAnon è ormai troppo pericoloso per essere ignorato, anche in Europa.