Sindaco di Madrid a Euronews: "Non è una città pericolosa, siamo pronti a ripartire"

Sindaco di Madrid a Euronews: "Non è una città pericolosa, siamo pronti a ripartire"
Diritti d'autore Euronews
Diritti d'autore Euronews
Di Carlos Marlasca
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

José Luis Martínez-Almeida parla di necessità di "cambiamenti nell'uso dello spazio urbano e nelle abitudini di mobilità"

PUBBLICITÀ

La Spagna ha già allentato ormai da qualche giorno le restrizioni, ma a Madrid le cose sono diverse. Il sindaco della capitale, José Luis Martínez-Almeida, con cui Euronews ha potuto parlare in esclusiva, dice che la città è pronta a passare alla Fase 1, che corrisponde alla Fase 2 italiana.

"Abbiamo tutti i possibili scenari, poter passare dalla Fase 1, perché è importante per noi poter affrontare la crisi economica e l'emergenza sociale in cui siamo immersi", dichiara il primo cittadino. 

"Madrid è una città sicura"

Alcuni dei settori che contribuiscono maggiormente al PIL della città e generano più occupazione, come quello alberghiero e quello della ristorazione, hanno subito ingenti danni. Martinez-Almeida ha già annunciato un taglio delle tasse, ma c'è una priorità ora: "La sicurezza. Quello che dobbiamo trasmettere a tutti coloro che vogliono utilizzare le risorse alberghiere della città, a tutti i turisti che vogliono venire qui, è generare una sicurezza sufficiente e necessaria per capire che Madrid non è una città insicura, pericolosa né ci sono rischi di epidemie".

"Servono cambiamenti nell'uso dello spazio urbano e nella mobilità"

Il sindaco ha tenuto incontri con i suoi omologhi di Parigi, Londra e Berlino, per analizzare le cause e cercare soluzioni. Nonostante il lavoro non sia ancora terminato, qualche base è già stata messa. "Siamo tutti d'accordo che ci deve essere un cambiamento dal punto di vista dell'uso dello spazio urbano e nelle abitudini di mobilità", dichiara ai nostri microfoni. "Vogliamo andare verso una città dove non sia necessario fare viaggi così lunghi, dove tutto possa essere più a portata di mano".

AP Photo/Manu Fernandez
Servizio di noleggio biciclette elettriche BiciMAD di MadridAP Photo/Manu Fernandez

A Madrid si moltiplicano le proteste contro il governo di Pedro Sánchez. Nonostante il sindaco abbia sempre mantenuto un atteggiamento moderato nei confronti dell'esecutivo - di diverse convinzioni politiche (Martinez-Almeida è del Partito Popolare, ndr.) - ritiene legittime le proteste."Non sono preoccupato che i cittadini possano scendere in piazza e in una democrazia non dobbiamo preoccuparci che i cittadini possano esercitare il loro legittimo diritto di protesta. Ciò che mi preoccupa è che i governi non abbiano risposte sufficienti a questa protesta o che cerchino di stigmatizzare le proteste pacifiche".

Mentre Madrid è ancora una delle regioni con più restrizioni e al centro di una grande divisione politica in Spagna, il sindaco della capitale è una delle poche figure riconosciuta trasversalmente. L'opposizione in consiglio ha mantenuto un atteggiamento leale, che ha reso la situazione più facile da gestire.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Madrid: il famoso mercatino "El Rastro" protesta contro chiusura e spostamento

Spagna, la sinistra fa campagna elettorale sull'edilizia abitativa per conquistare i più giovani

Migranti, alle isole Canarie arrivano sempre più minori non accompagnati: si moltiplicano i centri