ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Code di affamati a Madrid

euronews_icons_loading
Code di affamati a Madrid
Diritti d'autore  Euronews
Dimensioni di testo Aa Aa

Code di gente affamata a Madrid. Sarebbe stato abbastanza inverosimile pensare di avere situazioni del genere in piena Europa fino a pochi mesi fa. Eppure è la situazione provocata dal coronavirus.

Migliaia di persone nelle strade della capitale spagnola, oltre 100.000 secondo varie organizzaioni non governative, sono costrette a dipendere completamente dai banchi alimentari. Ogni giorno in migliaia si mettono in ila per ricevere un sacchetto con generi di prima necessità. Pasta, pane, latte, uova e altri generi di prima necessità.

Sulma per esempio lavorava a servizio da alcune famiglie che non possono permettersi di pagare un salario e l'assistenza sociale non ha i mezzi per evadere in tempo le richieste. "Non riesco a sfalare le mie figlie", dice.

00.41-00.50 (picking food's bags)

Poi ci sono tantissime ch, lavorando a nero, non hanno diritto ad accedere agli aiuti pubblici. E queste associazione sono l'unica possibilità di sopravvivere.

00.50-01.03 SOT ALBA DÍEZ, Neighbourhood Association of Aluche (Madrid):

"Ci sono persone che hanno provato a chiedere aiuto, ma il servizio pubblico è saturato oppure ci sono problemi legali. Ci sono persone che non hanno i documenti in regola".

01.03-01.14 (queue, people picking food and Sulma walking to her home)

Questa situazione di saturazione tuttavia sta facendo esplodere anche le ong, Qui in ALuche, un quartiere di Madrid. Le richieste sono quadruplicate in pochi gionri.

01.16-01.27 (Sulma's home, with her doughters)

La situazione di Sulma era già complicata prima della pandemia. Adesso è impossibile. Vive con due figlie in una cameretta.

01.27-01.39 SOT Sulma Cruz / Affected by the Covid 19 crisis :

"Se non fosse per la padrona di casa che non mi butta fuori non so come farei. Saremmo probabilmente in stretta".

01.39-02.04 STAND UP- JUAN CARLOS DE SANTOS / Euronews, Madrid

"Secondo il piano inviato dal gverno spagnolo a Bruxelles", afferma il nostro corrispondnente", oltre 7 milioni di persone hanno richiesto aiuto, sono in cassa integrazione o hanno perso il lavoro. Queste statistiche pero' non tengono in conto questo esercito di invisibili che non hanno un contratto di lavoro. Molti di loro languiscono in queste code.