Quanto sono ecologici i veicoli elettrici rispetto alle auto a benzina o diesel?

Le auto elettriche stanno registrando un boom di vendite, ma sono davvero migliori per quanto riguarda l'impronta di carbonio?
Le auto elettriche stanno registrando un boom di vendite, ma sono davvero migliori per quanto riguarda l'impronta di carbonio? Diritti d'autore Canva
Di Geraldine Herbert
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

Le case automobilistiche stanno stanziando miliardi per sviluppare veicoli elettrici all'apparenza più ecologici, ma la loro produzione genera emissioni di carbonio. Come si confrontano con le auto dal motore a combustione?

PUBBLICITÀ

Le case automobilistiche stanno stanziando miliardi per sviluppare nuovi veicoli elettrici a batteria (Bev). Dietro alla decisione c'è l'aspettativa che più di 30 milioni di questi circoleranno sulle strade europee entro il 2030.

Le auto elettriche possono anche non generare emissioni allo scarico, ma la produzione dei veicoli e delle batterie contribuisce comunque alle emissioni di carbonio.

Quindi, quanto sono pulite le Bev e come si posizionano rispetto alle auto tradizionali con motore a combustione interna (Ice) che funzionano a benzina o diesel?

Qual è l'impatto ambientale del processo di produzione di un Bev?

Le emissioni in questione sono quelle generate dalla produzione, dall'uso e dallo smaltimento di un prodotto; per un'auto elettrica, quindi, si deve tenere conto di tutto, dalle materie prime, alle fonti di alimentazione delle batterie, fino al riciclo e al riutilizzo del veicolo a fine vita.

L'estrazione, la raffinazione, il trasporto e la fabbricazione delle batterie agli ioni di litio sono processi ad alta intensità energetica, il che significa che le emissioni sono più elevate nella fase di produzione delle auto elettriche a batteria rispetto alle auto Ice.

Anche se le emissioni generate nel processo di produzione delle auto Ice non sono così elevate, questi veicoli presentano comunque un'impronta di carbonio significativa.

All'inizio dell'anno, Reuters ha riferito che Volkswagen e Toyota puntano a diventare neutrali dal punto di vista delle emissioni di carbonio entro il 2050, mentre Hyundai Motor Group ha dichiarato che Hyundai Motor e Kia stanno "accelerando gli sforzi" per diventare neutrali dal punto di vista delle emissioni di carbonio.

Tutti i nuovi veicoli della casa Mercedes-Benz saranno a zero emissioni di carbonio lungo l'intera catena di produzione entro il 2039 e General Motors (Gm) prevede di arrivare a zero emissioni di carbonio entro il 2040 per i suoi prodotti e le sue operazioni globali.

L'azienda svedese Polestar, invece, punta a produrre un'auto a zero emissioni entro il 2030, identificando ed eliminando tutte le emissioni di carbonio, dall'estrazione delle materie prime alla produzione fino alla gestione del prodotto a fine vita.

Il divario di emissioni di carbonio tra le auto Bev e le auto Ice può essere significativo al momento della prima vendita, ma durante la vita su strada le auto ICE continuano a emettere CO2, mentre le auto elettriche non emettono emissioni, se non le particelle prodotte da pneumatici e freni.

Secondo uno studio di Transport & Environment (T&E), l'organo per la ricerca sulla mobilità delle Ong europee che promuovono la sostenibilità, un'auto elettrica media dell'Ue è quasi tre volte migliore, in termini di emissioni di carbonio, di un'auto equivalente a benzina o diesel - e questo divario continua ad aumentare.

I vantaggi dei Bev aumenteranno man mano che la rete elettrica diventerà più verde, ma anche un Bev guidato in Polonia con una batteria prodotta in Cina emette comunque il 37% di CO2 in meno rispetto alla benzina.

Una riduzione dell'83% può essere ottenuta con un'auto elettrica con batteria prodotta in Svezia e guidata in Svezia. Si prevede inoltre che le auto elettriche acquistate nel 2030 ridurranno di quattro volte le emissioni di CO2 grazie a una rete elettrica dell'Ue sempre più basata sulle energie rinnovabili.

Ma che dire della batteria?

Le materie prime utilizzate nella produzione delle batterie sono uno dei fattori chiave del prezzo dei Bev e del motivo per cui continuano a essere più costosi degli equivalenti Ice.

Con il miglioramento della tecnologia delle batterie, emergeranno nuove alternative alla chimica standard degli ioni di litio. Si stanno esplorando anche potenziali alternative a queste materie prime, come lo sviluppo di una nuova batteria agli ioni di sodio da parte di Catl, un gigante cinese delle batterie.

Byd, il più grande produttore di veicoli elettrici al mondo, riconosce l'importanza di ridurre l'uso di minerali rari nella tecnologia delle batterie e la sua unità Blade Battery è prodotta senza l'uso di cobalto.

Nel frattempo si potrebbe fare di più per contribuire a ridurre l'impatto ambientale dell'attività estrattiva. Reinvestire i profitti nelle comunità locali per sostenere l'istruzione e la formazione offrirebbe opportunità che troppo spesso sono fuori dalla portata delle popolazioni dei Paesi in via di sviluppo.

Un passo importante per ridurre le emissioni del ciclo di vita delle auto elettriche è il riciclaggio o il riutilizzo della batteria.

PUBBLICITÀ

Il regolamento proposto dalla Commissione europea per le batterie è la prima legge al mondo sulle batterie sostenibili, che mira non solo a garantire tecniche di estrazione etiche, ma anche a ridurre la domanda riciclando più efficacemente le materie prime.

A luglio, il Consiglio dell'Ue ha adottato un nuovo regolamento che stabilisce i requisiti per la fine del ciclo di vita, compresi gli obiettivi e gli obblighi di raccolta, gli obiettivi di recupero dei materiali e la responsabilità estesa del produttore. Ciò contribuirà a promuovere un'economia circolare.

Quando raggiungono la fine del loro ciclo di vita nei Bev, le batterie possono essere inadatte a essere riutilizzate nelle automobili, ma questo crea un'enorme opportunità di riconfigurarle per una "seconda vita", compreso l'immagazzinamento di elettricità nella rete, riducendo così l'impronta di carbonio complessiva della produzione di batterie.

Un'altra soluzione è il riutilizzo di ciò che già abbiamo: la scarsità di materie prime sta spingendo gli investimenti nel riciclaggio delle batterie. Tuttavia, non è ancora chiaro quanto questo si rivelerà sostenibile dal punto di vista ambientale ed economico, poiché anche il processo di riciclaggio ha un'elevata impronta di carbonio.

È dimostrato che, nell'arco della loro vita, i Bev producono meno emissioni di carbonio rispetto alle automobili Ice e sono quindi migliori per l'ambiente.

PUBBLICITÀ

La tecnologia delle batterie e le tecniche di produzione più avanzate continueranno a migliorare la durata di vita delle batterie, che si tradurrà anche in una durata di vita più lunga per i veicoli elettrici.

Le sfide sostanziali riguardano l'intero ciclo di vita dei Bev, ma vale la pena ricordare che l'impatto sull'ambiente dell'estrazione del petrolio per i carburanti è molto maggiore.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Scoperto da scienziati svedesi un nuovo metodo per il riciclaggio delle batterie EV

Via alla sfida tra moto e auto d'epoca in Normandia

Una start-up tedesca lancia un servizio di car-sharing con autista a distanza