Stato dell'Unione: von der Leyen si candida alla rielezione, sanzioni alla Russia, crisi di Rafah

Ursula von der Leyen si candiderà per la rielezione a presidente della Commissione europea
Ursula von der Leyen si candiderà per la rielezione a presidente della Commissione europea Diritti d'autore Markus Schreiber/Copyright 2024 The AP. All rights reserved
Diritti d'autore Markus Schreiber/Copyright 2024 The AP. All rights reserved
Di Isabel Marques da Silva
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

La candidatura di Ursula von der Leyen alla rielezione, le sanzioni contro la Russia e la crisi di Rafah sono gli argomenti del nostro appuntamento settimanale con la politica europea.

PUBBLICITÀ

Ursula von der Leyen si ricandiderà e questa settimana ha dichiarato di essere entusiasta della possibilità di un secondo mandato come Presidente della Commissione europea. Un'eccitazione condivisa dal Partito popolare europeo (Ppe), vista la notorietà acquisita nell'Ue e nel resto del mondo.

Un altro momento saliente di questa settimana è stata l'approvazione del 13esimo pacchetto di sanzioni contro la Russia per l'invasione dell'Ucraina iniziata due anni fa. Le nuove misure prendono di mira le aziende che aiutano la Russia a procurarsi i prodotti sanzionati, comprese quelle con sede in Cina, Turchia eCorea del Nord.

Josep Borrell, capo della diplomazia dell'Ue, ha dichiarato che, in seguito alla morte in carcere del leader dell'opposizione russa Alexei Navalny, il regime di sanzioni per i diritti umani del blocco avrà ora il suo nome.

La proposta è stata discussa durante una riunione dei ministri degli Affari esteri dell'Unione, dove non c'è stato consenso su una dichiarazione che chiedeva un cessate il fuoco a Gaza. Ancora una volta, non sorprende che l'Ungheria sia stata l'unica dei 27 Paesi a opporsi, anche nel chiedere a Israele di non effettuare un'operazione di terra nella città di Rafah.

Circa 1,5 milioni di palestinesi si sono rifugiati nella città al confine con l'Egitto e in caso di attacco la catastrofe umanitaria già gravissima raggiungerebbe un nuovo livello, ha avvertito l'Onu. Achim Steiner, amministratore del Programma di sviluppo delle Nazioni Unite (Undp), ha avuto incontri con la Commissione europea all'inizio della settimana.

Invitato da Euronews a discutere di una possibile evacuazione dei palestinesi in Egitto in caso di un'operazione di terra israeliana a Rafah, Steiner l'ha considerata un grave rischio.

"L'unica risposta in questo momento è un cessate il fuoco umanitario. Affidarsi a un'evacuazione di forse un milione di persone che sono già sfollate all'interno del Paese, in queste circostanze, potrebbe portare, come molti hanno detto, a una perdita di vite umane assolutamente catastrofica", ha affermato.

"Pertanto, le speculazioni su dove le persone potrebbero spostarsi non sono, a mio avviso, fattibili e non vogliamo essere parte di un trasferimento forzato di persone", ha aggiunto.

Guarda l'intervista completa nel video qui sopra.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Nuove sanzioni a Mosca dopo la morte di Navalny: colpite aziende cinesi, indiane e turche

Accordo nell'Ue sul tredicesimo pacchetto di sanzioni alla Russia

Unione europea, l'eredità della Commissione di Ursula von der Leyen