EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

La strategia dell'Ue per sviluppare un'industria delle alghe sostenibile

In collaborazione con The European Commission
La strategia dell'Ue per sviluppare un'industria delle alghe sostenibile
Diritti d'autore euronews
Diritti d'autore euronews
Di Denis Loctier
Condividi questo articolo
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Le alghe sono un alimento sano e sostenibile: la loro coltivazione è un'alternativa per i pescatori colpiti dal calo degli stock ittici e contribuisce a migliorare la salute degli oceani

Con il declino degli stock ittici e la sofferenza degli ecosistemi marini, è sempre più diffusa la convinzione che alcuni pescatori europei potrebbero contribuire a invertire questa tendenza diversificando l'attività di coltivazione delle alghe. In molte regioni questo settore emergente può offrire un reddito alternativo promettente, creando nuovi posti di lavoro per i professionisti della costa, fornendo allo stesso tempo frutti di mare locali salutari e contribuendo al recupero della biodiversità oceanica.

Questo spostamento verso un'agricoltura oceanica rigenerativa è al centro dell'Iniziativa Ue sulle alghe, che finanzia progetti pilota per aiutare i pescatori a passare a pratiche sostenibili. Questa iniziativa fa parte di una più ampia strategia dell'Ue per sviluppare un'industria delle alghe sostenibile e redditizia. Il mercato europeo delle alghe che dovrebbe raggiungere i 9 miliardi di euro entro il 2030, stimolato dalla forte domanda nei settori alimentare, cosmetico, farmaceutico ed energetico.

In occasione della recente conferenza "Seaposium-24" in Irlanda, "Ocean" ha parlato con Felix Leinemann, capo unità per i Settori dell'Economia blu, Acquacoltura e Pianificazione dello Spazio Marittimo presso la Direzione generale degli Affari marittimi e della pesca della commissione europea.

"L'iniziativa UE sulle alghe è un piano d'azione per aumentare la produzione e il consumo sostenibile di alghe in Europa - dice Leinemann -. E lo stiamo gestendo con 23 azioni in diverse aree. Guardiamo alle normative, guardiamo all'ambiente commerciale, a come aiutare il settore a migliorare. Guardiamo alla sensibilizzazione dell'opinione pubblica, alla consapevolezza dei consumatori e infine anche alle lacune di conoscenza, perché ci sono molte cose che ancora non sappiamo".

La domanda di alghe, sottolinea, potrebbe essere sei volte superiore entro questo decennio. "Quindi, è necessario produrre anche le nostre alghe - dice Leinemann -. L'Atlantico o il Mare del Nord hanno le condizioni ideali per coltivare le alghe. Ed è proprio lì che dovremmo fare di più. Naturalmente, non vogliamo costringere i pescatori a dedicarsi ad altro, ma la vediamo come un'offerta per diversificare le loro attività e il loro reddito. E questa è in realtà una delle azioni del piano d'azione che abbiamo con l'iniziativa UE sulle alghe: aiutare i pescatori a diventare agricoltori oceanici rigenerativi".

Condividi questo articolo