EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Un alto funzionario di Hamas afferma che non ci sono stati progressi nei colloqui per il cessate il fuoco con Israele

Palestinesi arrivano a Khan Younis dopo essere fuggiti da un'offensiva aerea e di terra israeliana nella vicina città di Rafah, 28 giugno 2024
Palestinesi arrivano a Khan Younis dopo essere fuggiti da un'offensiva aerea e di terra israeliana nella vicina città di Rafah, 28 giugno 2024 Diritti d'autore Jehad Alshrafi/Copyright 2023, The AP. All rights reserved
Diritti d'autore Jehad Alshrafi/Copyright 2023, The AP. All rights reserved
Di Euronews Agenzie:  AP, EBU
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

Il ministero della Sanità gestito da Hamas afferma che quasi 38.000 palestinesi sono stati uccisi da quando Israele ha lanciato l'operazione militare in ottobre, ma non distingue tra civili e combattenti nel suo conteggio.

PUBBLICITÀ

Un alto funzionario di Hamas ha dichiarato che non sono stati fatti progressi nei colloqui per il cessate il fuoco con Israele per porre fine alla guerra a Gaza.

Parlando in una conferenza stampa nella capitale libanese Beirut, Osama Hamdan ha detto che il gruppo è pronto a "trattare positivamente" qualsiasi proposta di cessate il fuoco che porti alla fine dei combattimenti.

Gli sforzi dei mediatori arabi, sostenuti dagli Stati Uniti, non sono riusciti a raggiungere un'interruzione definitiva delle ostilità, con Hamas e Israele che si accusano a vicenda per la mancanza di progressi.

Hamas sostiene che qualsiasi accordo deve includere il ritiro completo dell'esercito israeliano da Gaza, ma Tel Aviv ha accettato solo in linea di principio una pausa temporanea nei combattimenti fino a quando Hamas non sarà completamente sradicato.

Hamdan ha anche attribuito parte della colpa a Washington, accusando i funzionari del Paese di aver esercitato pressioni sul gruppo affinché accettasse le condizioni di Israele.

"Ancora una volta, Hamas è pronto a trattare positivamente qualsiasi proposta che garantisca un cessate il fuoco permanente, un ritiro completo dalla Striscia di Gaza e un serio accordo per lo scambio degli ostaggi", ha dichiarato.

Ulteriori evacuazioni

Nel frattempo, altri palestinesi nel sud della Striscia di Gaza sono stati costretti a trasferirsi nuovamente per sfuggire all'operazione israeliana in corso nell'area che divide Rafah e Khan Younis.

È stata l'ultima evacuazione da una regione che ha resistito all'incursione israeliana dall'inizio di maggio, che ha costretto quasi tutti i palestinesi rifugiati a Rafah ad andarsene.

People protest in Tel Aviv against Israeli Prime Minister Benjamin Netanyahu's government and call for the release of hostages held in the Gaza Strip by Hamas, June 29, 2024
People protest in Tel Aviv against Israeli Prime Minister Benjamin Netanyahu's government and call for the release of hostages held in the Gaza Strip by Hamas, June 29, 2024Ohad Zwigenberg/Copyright 2024 The AP. All rights reserved.

Nel fine settimana, i palestinesi hanno caricato le loro cose su camion trainati da asini e sono partiti in direzione del centro di Gaza. Hanno detto di essere evacuati sotto il fuoco israeliano durante la notte e di essere tornati per prendere le loro cose prima di fuggire dalla città.

"Siamo usciti di notte sotto i proiettili e gli spari. I nostri figli sono stati dispersi. Non sappiamo dove siano. Dove dobbiamo andare?", ha chiesto Imad Asfour, un palestinese sfollato a est di Khan Younis.

Ghada Qudeh, un'altra palestinese sfollata che si è rifugiata a Rafah dopo essere fuggita dalla città meridionale di Khan Younis, ha raccontato che le forze israeliane hanno lanciato missili contro la casa dove lei e la sua famiglia si erano rifugiati giovedì.

"Non sappiamo dove andare", ha detto. "Da ieri non abbiamo trovato né cibo né bevande. Vogliamo solo una soluzione".

L'esercito israeliano ha dichiarato che due dei suoi soldati sono stati uccisi nei combattimenti nel nord di Gaza sabato, portando il bilancio a 318 vittime.

A più di otto mesi dall'inizio dell'operazione militare, i militanti continuano a sferrare attacchi contro le forze israeliane, operando in aree su cui l'esercito israeliano ha dichiarato di aver ottenuto il controllo mesi fa.

Il ministero della Sanità di Gaza ha dichiarato che 40 palestinesi sono stati uccisi e 224 feriti nell'ultimo periodo di 24 ore.

L'operazione iniziale israeliana a Rafah, che i funzionari di Washington hanno ribadito essere di portata "limitata", ha messo in fuga circa 1,3 milioni di palestinesi, secondo le stime delle Nazioni Unite.

Israele afferma di aver bisogno di operare lì per sconfiggere i restanti battaglioni di Hamas.

Il ministero della Sanità palestinese ha affermato che quasi 38mila palestinesi sono stati uccisi da quando Israele ha lanciato l'operazione militare in ottobre.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Israele, diversi feriti in attacco in Libano: pronti a guerra e a "danni enormi" a Hezbollah

Israele pensa a "possibile" de-escalation a Gaza, uccisa la sorella del leader di Hamas Haniyeh

Gaza, Israele attacca una scuola gestita dall'Onu. Almeno 14 i morti