EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Elezioni in Iran: ballottaggio tra Masoud Pezeshkian e Saeed Jalili

Elezioni in Iran
Elezioni in Iran Diritti d'autore AP
Diritti d'autore AP
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Sarà ballottaggio in Iran dopo il primo turno delle elezioni presidenziali. La sfida è tra Masoud Pezeshkian e Saeed Jalili, il vincitore prenderà il posto di Ebrahim Raisi, morto in un incedente in elicottero a maggio

PUBBLICITÀ

Ballottaggio in Iran per le elezioni presidenziali per sostituire il defunto presidente della linea dura Ebrahim Raisi. Lo ha dichiarato Mohsen Eslami, portavoce delle elezioni, dopo che il voto iniziale ha visto i candidati principali non assicurarsi una vittoria assoluta nel sondaggio con la più bassa affluenza mai tenuto nella Repubblica islamica per percentuale.

Come è andato il primo turno di elezioni in Iran

Le elezioni di venerdì prossimo opporranno il candidato riformista Masoud Pezeshkian al duro ex negoziatore nucleare e ultraconservatore Saeed Jalili. Eslami ha annunciato il risultato in una conferenza stampa trasmessa dalla televisione di Stato iraniana. Su 24,5 milioni di voti espressi, Pezeshkian ne ha ottenuti 10,4 milioni e Jalili 9,4 milioni. Lo speaker del Parlamento Mohammad Bagher Qalibaf ha ottenuto 3,3 milioni. Il religioso sciita Mostafa Pourmohammadi ha ottenuto oltre 206.000 voti.

La legge iraniana richiede che il vincitore ottenga più del 50% di tutti i voti espressi. In caso contrario, i primi due candidati della corsa passeranno al ballottaggio una settimana dopo. Nella storia dell'Iran c'è stato solo un ballottaggio per le elezioni presidenziali: nel 2005, quando l'integralista Mahmoud Ahmadinejad ebbe la meglio sull'ex presidente Akbar Hashemi Rafsanjani.

Eslami ha riconosciuto che il Consiglio dei Guardiani del Paese dovrà dare un'approvazione formale, ma il risultato non ha suscitato alcuna sfida immediata da parte dei contendenti in corsa.

Come accade dalla Rivoluzione islamica del 1979, alle donne e a coloro che chiedono un cambiamento radicale è stato impedito di candidarsi, mentre il voto stesso non avrà la supervisione di osservatori riconosciuti a livello internazionale.

Annullati oltre un milione di voti

Secondo i risultati, più di un milione di voti sono stati annullati, segno tipico di persone che si sentono obbligate a votare ma non vogliono scegliere nessuno dei candidati.

L'affluenza complessiva è stata del 39,9%, secondo i risultati. Le elezioni presidenziali del 2021 che hanno eletto Raisi hanno visto un'affluenza del 42%, mentre le elezioni parlamentari di marzo hanno visto un'affluenza del 41%.

Appelli al boicottaggio sono stati lanciati da parte di Narges Mohammadi, premio Nobel per la pace imprigionato. Anche Mir Hossein Mousavi, uno dei leader delle proteste del Movimento Verde del 2009, tuttora agli arresti domiciliari, si è rifiutato di votare insieme alla moglie, ha dichiarato la figlia.

L'Iran dopo la morte Raisi

Sono state sollevate anche critiche sul fatto che Pezeshkian rappresenti solo un altro candidato approvato dal governo. In un documentario sul candidato riformista trasmesso dalla TV di Stato, una donna ha detto che la sua generazione si sta "muovendo verso lo stesso livello" di astio con il governo che la generazione di Pezeshkian aveva nella rivoluzione del 1979.

Raisi, 63 anni, è morto nell'incidente in elicottero del 19 maggio che ha ucciso anche il ministro degli Esteri del Paese e altre persone. Era considerato un protetto della Guida suprema iraniana, l'ayatollah Ali Khamenei, e un potenziale successore. Tuttavia, molti lo conoscevano per il suo coinvolgimento nelle esecuzioni di massa condotte dall'Iran nel 1988 e per il suo ruolo nelle sanguinose repressioni del dissenso seguite alle proteste per la morte di Mahsa Amini, la giovane donna detenuta dalla polizia per aver presumibilmente indossato in modo improprio l'hijab obbligatorio.

Attacco a un furgone che trasportava le urne elettorali

Nonostante i recenti disordini, è stato segnalato un solo attacco in prossimità delle elezioni. Uomini armati hanno aperto il fuoco contro un furgone che trasportava le urne elettorali nella provincia sud-orientale del Sistan e Baluchestan, uccidendo due agenti di polizia e ferendone altri, secondo quanto riportato dall'agenzia di stampa statale Irna. La provincia è regolarmente teatro di violenze tra le forze di sicurezza e il gruppo militante Jaish al-Adl, oltre ai trafficanti di droga.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Iran: elezioni al via per sostituire il presidente deceduto Ebrahim Raisi

Elezioni presidenziali, l'Iran sceglie il riformista Pezeshkian: "Mano tesa a tutti"

Elezioni Iran, ballottaggio per presidente: uno tra Pezeshkian e Jalili al posto del defunto Raisi