EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Iran: elezioni al via per sostituire il presidente deceduto Ebrahim Raisi

Una donna vota durante le elezioni presidenziali presso un seggio elettorale all'interno dell'ambasciata iraniana a Baghdad, Iraq, venerdì 28 giugno 2024.
Una donna vota durante le elezioni presidenziali presso un seggio elettorale all'interno dell'ambasciata iraniana a Baghdad, Iraq, venerdì 28 giugno 2024. Diritti d'autore Hadi Mizban/Copyright 2024 The AP. All rights reserved.
Diritti d'autore Hadi Mizban/Copyright 2024 The AP. All rights reserved.
Di Euronews
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Un potenziale successore come guida suprema, il 63enne Raisi è morto nell'incidente in elicottero avvenuto il 19 maggio, che ha causato anche la morte del ministro degli esteri del paese e di altri.

PUBBLICITÀ

Gli iraniani hanno votato venerdì in un'elezione anticipata per sostituire il presidente defunto Ebrahim Raisi, morto in un incidente in elicottero il mese scorso, mentre l'apatia pubblica è diventata pervasiva nella Repubblica Islamica dopo anni di problemi economici, proteste di massa e tensioni in Medio Oriente.

Gli elettori devono scegliere tra candidati estremisti e un politico poco conosciuto che appartiene al movimento riformista iraniano, che cerca di cambiare la teocrazia sciita dall'interno. Come è stato il caso sin dalla Rivoluzione Islamica del 1979, le donne e coloro che chiedono cambiamenti radicali sono stati esclusi dal voto, che non avrà alcuna supervisione da parte di osservatori internazionali riconosciuti.

Le elezioni si svolgono mentre più ampie tensioni hanno avvolto il Medio Oriente a causa della guerra tra Israele e Hamas nella Striscia di Gaza.

Ad aprile, l'Iran ha lanciato il suo primo attacco diretto contro Israele a causa della guerra a Gaza, mentre i gruppi di miliziani che Teheran arma nella regione, come Hezbollah libanese e i ribelli Houthi dello Yemen, sono coinvolti nei combattimenti e hanno intensificato i loro attacchi.

Affluenza elettorale ai minimi storici

Tuttavia, data l'affluenza record bassa nelle ultime elezioni, rimane incerto quanti iraniani parteciperanno alle elezioni di venerdì.

Il ministro dell'Interno Ahmad Vahidi, responsabile della supervisione delle elezioni, ha annunciato che tutti i seggi elettorali hanno aperto puntualmente alle 8 del mattino, ora locale. Khamenei ha espresso uno dei primi voti delle elezioni, esortando il pubblico a partecipare.

"La partecipazione entusiasta delle persone, e un numero maggiore di elettori, questo è un bisogno imprescindibile per la Repubblica Islamica," ha detto Khamenei.

Successivamente, la televisione di Stato ha trasmesso immagini di seggi elettorali in tutto il paese con file modeste.

Supporters of Iran's parliament speaker Mohammad Bagher Qalibaf, the most prominent hard-line candidate for the presidential election, attend his campaign gathering in Tehran.
Supporters of Iran's parliament speaker Mohammad Bagher Qalibaf, the most prominent hard-line candidate for the presidential election, attend his campaign gathering in Tehran.Vahid Salemi/Copyright 2024 The AP. All rights reserved.

Gli analisti descrivono la corsa elettorale come una competizione a tre tra due estremisti, l'ex negoziatore nucleare Saeed Jalili e il presidente del parlamento Mohammad Bagher Qalibaf, e il riformista Masoud Pezeshkian, allineato con figure come l'ex presidente Hassan Rouhani.

Cosa sapere sulle elezioni in Iran

Più di 61 milioni di iraniani di età superiore ai 18 anni hanno diritto di voto, di cui circa 18 milioni tra i 18 e i 30 anni.

La legge iraniana richiede che un vincitore ottenga più del 50 per cento di tutti i voti espressi. Se ciò non accade, i primi due candidati della corsa passeranno a un ballottaggio una settimana dopo.

Il 63enne Raisi è morto nell'incidente in elicottero del 19 maggio, che ha causato anche la morte del ministro degli esteri del paese e di altri. Era considerato un protetto di Khamenei e un potenziale successore come guida suprema.

Tuttavia, molti lo conoscevano per il suo coinvolgimento nelle esecuzioni di massa che l'Iran ha condotto nel 1988 e per il suo ruolo nelle sanguinose repressioni del dissenso seguite alle proteste per la morte di Mahsa Amini nel 2022, una giovane donna detenuta dalla polizia per presunto uso improprio del velo obbligatorio, o hijab.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

I due cittadini svedesi rilasciati dall'Iran si riuniscono con le famiglie a Stoccolma

Iran, funerali Raisi: migliaia di persone per sepoltura a Mashhad, a Teheran vertice con le milizie

Elezioni Iran, ballottaggio per presidente: uno tra Pezeshkian e Jalili al posto del defunto Raisi