EventsEventi
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Dall'Iraq missili contro base statunitense in Siria, Khamenei parla dell'attacco iraniano a Israele

Un fotoreporter osserva una parte del missile balistico intercettato che è caduto vicino al Mar Morto in Israele, domenica 21 aprile 2024
Un fotoreporter osserva una parte del missile balistico intercettato che è caduto vicino al Mar Morto in Israele, domenica 21 aprile 2024 Diritti d'autore Ohad Zwigenberg/Copyright 2024 The AP. All rights reserved.
Diritti d'autore Ohad Zwigenberg/Copyright 2024 The AP. All rights reserved.
Di euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Almeno cinque missili sono stati lanciati dall'Iraq verso una base militare statunitense in Siria. L'attacco non ha fatto vittime. Parlando alle forze armate del Paese, la guida suprema iraniana Khamenei ha indirettamente ammesso che l'attacco a Israele non ha colpito obiettivi significativi

PUBBLICITÀ

Cinque razzi sono stati lanciati dal nord dell'Iraq in direzione di una base della coalizione internazionale anti-jihadista a guida Usa in Siria: lo affermano le forze di sicurezza irachene, dicendo di aver ritrovato il veicolo usato per il lancio, aggiungendo che "una vasta operazione" per rintracciare i responsabili e di ispezione è stata avviata nella provincia di Ninive.  Fonti statunitensi hanno affermato che nessuno è rimasto ferito.

L'attacco è avvenuto dopo che un'enorme esplosione in una base militare in Iraq all'inizio di sabato ha ucciso un membro di una forza di sicurezza irachena che comprende gruppi sostenuti dall'Iran.

Si tratta del primo attacco di una qualche consistenza diretto contro le truppe della coalizione internazionale, anche se diversi droni e razzi sono stati diretti contro soldati statunitensi in Medio Oriente durante gli ultimi mesi.

Quest'inverno le fazioni armate filoiraniane hanno effettuato decine di attacchi missilistici e di droni contro i soldati statunitensi, sullo sfondo della guerra nella Striscia di Gaza tra Israele il movimento palestinese Hamas.

Nessuna rivendicazione ufficiale da parte di Kataib Hezbollah

Un post su un gruppo Telegram affiliato a Kataib Hezbollah ha affermato che le fazioni armate in Iraq hanno deciso di riprendere gli attacchi dopo una pausa di quasi tre mesi, dopo aver visto pochi progressi nei colloqui per porre fine alla coalizione militare guidata dagli Stati Uniti nel Paese. Mentre altro gruppo Telegram popolare vicino a Kataib Hezbollah, Sabreen News, ha poi affermato che non c'è stata alcuna dichiarazione ufficiale da parte della fazione sostenuta dall'Iran.

Dalla provincia di Ninive, nel nord dell'Iraq al confine con la Siria, "elementi fuorilegge hanno colpito con razzi una base della coalizione internazionale nel cuore del territorio siriano intorno alle 21:50" (le 22:50 in Italia), hanno annunciato le forze di sicurezza irachene in un comunicato stampa. È stata avviata una "vasta operazione di ricerca e ispezione" per individuare gli autori dei lanci, si legge nel comunicato in cui si specifica che la polizia ha dato fuoco al veicolo trovato.

Un funzionario della provincia di Ninive ha confermato che "gli attacchi missilistici" sono stati effettuati da un'area a nord di Mosul, nel distretto di Zummar. L'Osservatorio siriano per i diritti umani (Osdh) ha riferito di "diversi razzi lanciati dal territorio iracheno verso la base di Kharab al-Jir" che ospita "forze statunitensi" nel nordest della Siria.

Khamenei ammette indirettamente che l'attacco a Israele ha causato pochi danni

La Guida suprema dell'Iran, Ali Khamenei ha ribadito che Teheran ha mostrato la sua potenza durante l'attacco a Israele e che la questione chiave non è quanti obiettivi siano stati colpiti.

"I dibattiti su quanti missili sono stati lanciati, quanti hanno colpito il bersaglio e quanti no, sono di secondaria importanza. La questione principale è l'emergere della nazione iraniana e della volontà dell'esercito iraniano in un'importante arena internazionale. Questo è ciò che conta", ha affermato la guida suprema iraniana.

Khamenei, ha ringraziato le forze armate del Paese per l'operazione del 13 aprile contro Israele, invitandole a "perseguire incessantemente l'innovazione militare e ad apprendere le tattiche del nemico".

Venerdì Israele ha lanciato un attacco sul suolo iraniano, pochi giorni dopo che l'Iran aveva a sua volta lanciato un attacco senza precedenti contro Israele con una raffica di droni e missili, la maggior parte dei quali sono stati abbattuti.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Consiglio Affari Esteri Ue: Borrell, ok a estensione sanzioni per missili e droni iraniani

Iraq, attacco contro una base militare: un morto e otto feriti

Iran-Israele, il conflitto è diretto: il pericolo di missili, raid e arsenali nucleari