EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Ucraina: droni kamikaze su Odessa e il porto di Izmail

Attacchi con droni
Attacchi con droni Diritti d'autore Efrem Lukatsky/Copyright 2023 The AP.
Diritti d'autore Efrem Lukatsky/Copyright 2023 The AP.
Di Debora GandiniGianluca Martucci
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

La Russia lancia attacchi anche sui porti alternativi a quelli già fortemente coinvolti dalla guerra. Secondo Kiev 180 mila tonnellate di grano sono andate perse in pochi giorni

PUBBLICITÀ

I droni kamikaze sono la nuova arma per vincere la guerra in Ucraina. Quelli russi ora prendono di mira i porti del Mar Nero alternativi a quello di Odessa per il trasporto del grano.

Dopo l'attacco che ha coinvolto le infrastrutture, provocando incendi, un silo è stato distrutto nel porto di Izmail, collocato su una delle diramazioni del delta del Danubio a confine tra Ucraina e Romania. Una replica di quanto osservato già nei giorni scorsi, e che conferma l'intensificazione degli attacchi ai porti ucraini dopo la mancata proroga dell'accordo che metteva salvaguardava le esportazioni di grano dalle bombe. 

Secondo quanto riportato dall'agenzia di stampa russa "Ria" gli altri obiettivi centrati dall'esercito russo includono anche un terminal petrolifero, un cantiere di riparazione navale e un edificio che ospitava forze militari straniere. Il ministro ucraino delle infrastrutture Oleksandr Kubrakov ha affermato che quasi 40 mila tonnellate di cereali destinati a Cina, Israele e Paesi africani sono state danneggiate.

Ammontano a 180 mila tonnellate, secondo quanto dichiarato il ministero degli Esteri di Kiev, le scorte di cereali perse negli ultimi dieci giorni dello scorso luglio. È anche per questa ragione che Ucraina e Croazia hanno raggiunto un accordo sull'utilizzo dei porti dell'Adriatico per il trasporto della merce.

I droni a Kiev

Nella notte di martedì 1 agosto sono stati abbattuti più di dieci droni russi che miravano alla capitale ucraina, provocando la caduta di detriti e causando danni materiali ma nessuna vittima, almeno secondo quanto riferito dalle autorità locali.

L'amministrazione militare di Kiev ha fatto sapere che gruppi di droni esplosivi "Shahed" di fabbricazione iraniana provenienti da diverse direzioni sono entrati simultaneamente nei cieli sopra la capitale. "Tutti gli obiettivi sono stati individuati e distrutti in tempo", ha dichiarato su Telegram, il capo dell'amministrazione militare Serguii Popko.

I detriti dei droni abbattuti sono caduti sui quartieri di Solomyansky,Golosiivsky e Svyatoshynsky. "Ci sono danni ai locali non residenziali e alle superfici stradali, ma non ci sono gravi distruzioni o incendi", ha aggiunto l'amministrazione militare. Il sindaco di Kiev, Vitali Klitschko, ha confermato che i detriti sono caduti in diversi quartieri e che ci sono stati danni materiali. "Non ci sono morti o feriti nella capitale", ha scritto su Telegram.

Intanto la Russia ha affermato di aver sventato un'ondata di attacchi aerei e marittimi con droni contro Mosca, la Crimea e la flotta russa nel Mar Nero. Un grattacielo nel quartiere finanziario della capitale è stato colpito per la seconda volta in pochi giorni.

Nero, marinai russi chiedono l'evacuazione

Le forze ucraine hanno intercettato le comunicazioni dell'equipaggio del Ka-29 sull'evacuazione dei marinai russi nel Mar Nero. Lo riferisce Babel citando una fonte delle forze di difesa ucraine. I media online pubblicano trascrizioni audio della conversazione. La mattina del 1° agosto 2023, il Ministero della Difesa russo ha riferito di un attacco "fallito" da parte di tre droni navali delle navi pattuglia del Progetto 22160 della flotta del Mar Nero.

L'attacco è avvenuto a 340 km da Sebastopoli e tutti i droni sarebbero stati distrutti. Come notato, la conversazione intercettata ha coinvolto equipaggi di elicotteri Ka-29, che stanno partecipando all'evacuazione dei marinai russi.

Bombe, morti e feriti nel Sud

Due civili sono stati feriti in un bombardamento della città di Kherson durante la notte, stando a quanto ha dichiarato il governatore regionale Oleksandr Prokudin. Il giorno prima un medico aveva perso la vita nella stessa città in un attacco che ha colpito un ospedale e che ha ferito anche cinque membri del personale medico.

L'area intorno alla città di Nikopol, dall'altra parte del fiume rispetto alla centrale nucleare di Zaporizhzhia controllata dai russi, è stata bombardata tre volte, ha dichiarato il governatore Serhiy Lysak.

Nel Nord del Paese una donna di 91 anni è morta in un attacco a un villaggio nella regione di Kharkiv, secondo l'ufficio presidenziale. Nessun danno a persone e a infrastrutture è stato registrato in un bombardamento che ha coinvolto cinque insediamenti nella regione di Sumy.

Nella regione orientale di Donetsk, quattro persone sono state ferite, secondo il governatore Pavlo Kyrylenko.

Risorse addizionali per questo articolo • Agenzie Internazionali

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Ucraina, attacco di droni russi sul Danubio, paura sulla sponda romena

Lo strazio di Odessa colpita dalle bombe, l'Unesco: "Danni maggiori"

Guerra in Ucraina: almeno 9 morti e 29 feriti nel raid russo a Kryvyj Rih, la città di Zelensky