EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Esportazioni di grano, accordo tra Ucraina e Croazia per l'uso dei porti

Un edificio residenziale colpito in Ucraina
Un edificio residenziale colpito in Ucraina Diritti d'autore Libkos/Copyright 2023 The AP. All rights reserved.
Diritti d'autore Libkos/Copyright 2023 The AP. All rights reserved.
Di Euronews
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

I ministri degli Esteri di Zagabria e Kiev hanno annunciato un accordo per l'uso dei porti sul Danubio e l'Adriatico per le esportazioni di grano

PUBBLICITÀ

I porti croati sul Danubio e sull'Adriatico saranno utilizzati per veicolare le esportazioni di grano ucraino. A stabilirlo è un accordo che è stato siglato dai ministri degli Esteri di Zagabria e Kiev. Secondo alcune stime, soltanto nel mese di luglio, e in particolare nel giro di nove giorni, gli attacchi da parte della Russia hanno provocato la distruzione di 180mila tonnellate di grano. Proprio due settimane dopo il mancato rinnovo da parte di Mosca di un accordo che finora aveva permesso le esportazioni di derrate alimentari attraverso il mar Nero. Un'intesa che era stata mediata lo scorso anno dalle Nazioni Unite e dalla Turchia, e che aveva scongiurato problemi di approvvigionamento in molti Paesi di tutto il mondo.

Colpito un edificio residenziale in Ucraina: 60 i feriti

"Abbiamo concordato la possibilità di utilizzare i porti croati sul Danubio e sull'Adriatico per trasportare il grano ucraino - ha confermato il  ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba -. Ora lavoreremo per costruire rotte più efficienti verso questi porti e sfruttare al meglio questa opportunità. Ogni contributo allo sblocco delle esportazioni, ogni porta aperta è un aiuto reale ed efficace alla sicurezza alimentare mondiale".

Nel frattempo la Russia sta intensificando gli attacchi missilistici. Nella giornata di lunedì 31 luglio, 60 persone sono rimaste ferite in un raid che ha colpito un edificio residenziale. Le Nazioni Unite hanno inoltre precisato che le necessità umanitarie da parte dell'Ucraina sono sempre maggiori. 

Previsto un vertice per la pace in Arabia Saudita

"Il nostro piano di sostegno - ha spiegato Denise Brown, coordinatrice umanitaria dell'Onu in Ucraina - è finanziato solo per il 30%. Sta cominciando il mese di agosto, ma in Ucraina farà freddo molto presto. Abbiamo migliaia di case danneggiate all'ultimo inverno, il che aumenta i problemi che dobbiamo affrontare rispetto all'anno scorso".

Gli Stati Uniti parteciperanno ad un vertice per la pace in Ucraina in Arabia Saudita previsto a Gedda nel corso del mese di agosto. La Russia non è invitata, ma la speranza è che possa giungere una delegazione dalla Cina.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Mar Nero, le rotte alternative delle navi ucraine cariche di grano

Il segretario di Stato Usa all'Onu: "Aggressione alla sicurezza alimentare mondiale da Mosca"

Ucraina: attacchi a infrastrutture energetiche, Usa impongono un raggio di azione per colpire Mosca