This content is not available in your region

Solidarietà, ma fino a quando? Le sfide dell'accoglienza ai rifugiati ucraini

Access to the comments Commenti
Di Julian GOMEZ
euronews_icons_loading
Solidarietà, ma fino a quando? Le sfide dell'accoglienza ai rifugiati ucraini
Diritti d'autore  euronews

Ho affrontato questa storia con una certa apprensione. "Vai là fuori e racconta quello che succede quando la realtà si stabilizza", mi aveva detto il mio caporedattore. "Le cose belle e quelle brutte. La complessità del problema".

La situazione si è rivelata davvero complessa. Tre mesi dopo l'inizio della guerra in Ucraina, più di 5 milioni di rifugiati sono transitati nell'Unione europea. Alcuni sono tornati indietro, molti sono rimasti. Ho dovuto raccontare la quotidianità di coloro che sono rimasti: come si sentono? Come affrontano il lutto e il dolore? Quali sono i loro dolori, le loro paure e le loro speranze?

Ma, cosa altrettanto importante, ho dovuto raccontare anche i sentimenti della popolazione ospitante. I volontari hanno fornito un aiuto enorme. Continuano ad aiutare i rifugiati o iniziano a sentire la stanchezza? E se è così, perché? Qual è stato il punto di svolta?

E poi una domanda inquietante: che dire dei migranti provenienti da altri continenti che hanno ugualmente bisogno della nostra empatia e del nostro sostegno? Li trattiamo come trattiamo gli ucraini? Se no, perché?

Fin dall'inizio, la mia scelta è stata quella di andare in due Paesi dell'Unione europea molto diversi tra loro. Uno, la Slovacchia, con un confine diretto con l'Ucraina e con un'esperienza finora limitata nella gestione di un'enorme crisi di rifugiati. L'altro, la Francia, con una lunga storia di problemi di immigrazione e lontano dalla guerra.

In qualche modo ero impreparato a ciò che ho scoperto in Slovacchia. Il Paese si è dimostrato tremendamente generoso con il suo vicino: 80.000 rifugiati ucraini si sono finora stabiliti lì. Altri 360.000 sono transitati nel Paese.

Vicino a Bratislava ho incontrato la famiglia Karliuka: mamma, papà, tre bambini e il nonno. Vengono tutti da Kharkhiv. È stata offerta loro una casa gratuitamente, internet ed energia inclusi. La madre è stata aiutata a trovare un lavoro come insegnante; suo marito ha trovato lavoro come operaio. I figli maggiori frequentano una scuola locale. La Slovacchia, mi hanno detto, è stata incredibilmente generosa con loro. "Ci aiutano sempre. Giorno e notte", mi ha detto Olga, la madre.

Ma poi sono andato 550 km a est, proprio al confine con l'Ucraina. Lì la situazione è diversa. Ho incontrato gente del posto che si era offerta di aiutare subito dopo l'inizio della guerra. Ma ora sono in preda al risentimento. Accusano alcuni rifugiati di abusare della buona volontà delle persone, di fare affari loschi con i beni umanitari e di essere distaccati ed esigenti.

"Forse è un termine un po' duro, ma quello che c'è ora è avversione verso gli ucraini", mi ha detto Patrícia dietro il bancone del ristorante di cui è proprietaria, a meno di due chilometri dal confine. "La maggior parte delle persone qui cerca di non generalizzare o tracciare stereotipi. Dobbiamo assolutamente continuare ad aiutarli, ma non tutti meritano l'aiuto che stiamo offrendo loro".

La complessità che ho trovato in Francia è in qualche modo diversa. La regione Hauts-de-France, nel nord del Paese, incarna le contraddizioni della questione migratoria. Mi sono recato in un palazzetto dello sport dove 29 giovani atleti ucraini sono ospitati con grande attenzione. Si allenano, mangiano e dormono nel complesso. "Abbiamo tutto ciò di cui abbiamo bisogno", mi ha detto uno dei giovani atleti. "Sono condizioni da sogno per vivere e allenarsi".

Le ong qui hanno applaudito questa iniziativa, ma si chiedono perché a soli 100 chilometri di distanza, esattamente nella stessa regione, molti altri migranti, anch'essi in fuga da guerre e conflitti, non meritino le stesse possibilità. Così mi sono recato a Calais, dove i migranti provenienti dall'Eritrea, dal Sudan o dall'Afghanistan sopravvivono in condizioni durissime in campi di fortuna. 

Per uno scherzo del destino il giorno in cui sono andato a filmare molti di questi rifugiati stavano giocando a calcio in una landa desolata, un mondo completamente diverso dalle strutture sportive di lusso offerte agli ucraini. "Anche noi stiamo scappando da una guerra", mi ha detto un migrante del Sudan meridionale. "Ma qui passiamo anni per strada".

Per quanto diverse possano sembrare le loro situazioni, entrambi i Paesi mi sono sembrati porre alcune domande pertinenti sulle realtà e sui limiti dell'accoglienza dei rifugiati da parte dell'Ue nel contesto attuale. Quanto può durare la solidarietà senza destabilizzare le nostre società, in un modo o nell'altro? Siamo inclini a una doppia empatia a seconda dell'origine del migrante e/o del rifugiato? In definitiva, sono queste le domande a cui il reportage che potete vedere nel player in alto cerca di dare una risposta.