ULTIM'ORA
This content is not available in your region

I talebani promettono un nuovo governo in tempi brevissimi

Access to the comments Commenti
Di Euronews
euronews_icons_loading
Soldati talebani verso l'aeroporto di Kabul, dopo la partenza delle forze americane
Soldati talebani verso l'aeroporto di Kabul, dopo la partenza delle forze americane   -   Diritti d'autore  Khwaja Tawfiq Sediqi/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved.
Dimensioni di testo Aa Aa

È una parata celebrativa, quella dei talebani a Kabul, che mostrano fieri I'arsenale ormai nelle loro mani. I loro leader hanno promesso un nuovo governo entro poche ore. "Senza alcun dubbio, sarà un governo islamico. Qualunque sia la combinazione, che sia islamico è garantito", ha dichiarato il portavoce dei talebani Zabihullah Mujahid, in un'intervista alla tv cinese.

Secondo alcuni media statunitensi, il modello istituzionale afghano sarà come quello attuale in Iran, con un leader supremo a capo di un Consiglio supremo. La Guida Suprema in Iran - che è un'autorità religiosa e allo stesso tempo, la massima carica dello Stato - detta la linea politica del Paese, annulla le leggi e rimuove il Presidente.

Già circolano voci su chi potrebbe ricoprire questo ruolo: Hibatullah Akhundzada, che ricopre il ruolo di guida suprema dei talebani dal 2016, in seguito all'uccisione del suo predecessore, Akhtar Mansour, morto in un attacco aereo statunitense. Il "Comandante dei Fedeli" finora non ha mai fatto un’apparizione pubblica e non si sa dove sia nascosto.

Chi farà veramene parte del governo?

Hanno voluto rassicurare in più occasioni sulla formazione di un'amministrazione inclusiva. Ma una figura di spicco ha già detto che le donne non occuperanno di sicuro posti di rilievo. "Potranno continuare a lavorare e occupare posti minori nel governo, ma potrebbero non esserci dei ruoli di primo piano", ha detto in merito.

Non è nemmeno chiaro se l'esecutivo includerà membri rappresentanti gli altri 13 gruppi etnici del Paese. Ma chiunque lo formerà, si troverà di fronte a un compito a dir poco complicato. L'economia afghana è in difficoltà da anni: secondo l'Onu, quasi la metà della popolazione ha bisogno di assistenza umanitaria per sopravvivere e un terzo sta affrontando l'insicurezza alimentare.

"Ci ritroviamo con un regime che non ha alcuna esperienza in politica, in un momento in cui c'è una grande crisi politica, aggravata dal fatto che la comunità internazionale sta per tagliare l'accesso ai fondi per il governo talebano. E come sempre è il popolo, il popolo afghano, che pagherà il prezzo più alto", spiega Michael Kugelman, vice direttore del programma Asia e Senior Associate per l'Asia meridionale al Wilson Center.

Il personale medico femminile di un ospedale di Kabul è determinato a continuare a curare i pazienti. Ma gli afghani temono che si ripeta quanto successe tra il 1996 e il 2001, quando i talebani erano al potere. Molti aspettano l'annuncio di un nuovo governo, per capire veramente in che direzione andrà l'Afghanistan.