ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Afghanistan: i timori delle giornaliste dopo l'arrivo dei talebani a Kabul

Access to the comments Commenti
Di Euronews
Un gruppo di afghani a bordo di un motocarro
Un gruppo di afghani a bordo di un motocarro   -   Diritti d'autore  Hamed Sarfarazi/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved.
Dimensioni di testo Aa Aa

Dopo che i talebani hanno preso il controllo di Kabul le giornaliste e le attiviste che hanno lavorato per dare voce alle donne in Afghanistan ora temono per le loro vite. Molte giornaliste si sono nascoste dopo che è stato detto loro di tornare a casa quando Kabul è stata presa dal gruppo armato.

"Sono molto, molto triste, piango di cuore per le donne afghane", ha detto una giornalista a Euronews, parlando in forma anonima perché teme per la sua sicurezza. "Le donne afghane non saranno libere", ha detto sottolineando che, sotto i talebani, le donne non potranno lavorare o ricevere un'istruzione.

"I talebani lapideranno le donne, i giornalisti e gli attivisti civili", ha affermato. La prima donna vice presidente del parlamento afghano, Fawzia Koofi, ha detto lunedì che le strade di Kabul erano vuote: "La storia si ripete così rapidamente".

Quando i talebani hanno preso il controllo di Kabul, ci sono state scene di disperazione mentre gli afghani cercavano di fuggire dal paese. Diversi video postati sui social media mostrano centinaia di persone che provano in tutti i modi ad imbarcarsi sugli aerei in decollo dall'aeroporto. I paesi occidentali hanno evacuato le loro ambasciate, ma molti giornalisti afghani non avranno la possibilità di partire e temono ritorsioni.

Domenica, in una lettera aperta al governo, i media hanno scritto che i giornalisti dovrebbero essere evacuati dal paese perché rischiano ritorsioni per il loro lavoro. "Editori tedeschi, redazioni, emittenti e società di media chiedono che sia istituito un programma di emergenza per i visti dei dipendenti afghani dei media tedeschi", si legge nella lettera.

Le organizzazioni hanno detto che la lettera era un "grido d'aiuto" in quanto i cittadini afghani sono stati fondamentali per la loro sicurezza nel paese negli ultimi vent'anni. "La vita a Kabul è diventata estremamente rischiosa per i dipendenti delle organizzazioni internazionali dei media - si legge ancora nella lettera -. Dopo il ritiro delle truppe internazionali, compresi i tedeschi, ci sono crescenti preoccupazioni che i talebani possano commettere atti di vendetta contro i nostri dipendenti".

Una giornalista afghana ha detto a Euronews di temere che i cittadini che hanno lavorato per i media occidentali vengano uccisi, affermando che "i talebani li odiano perché sono i simboli degli ultimi venti anni in Afghanistan".

Una situazione in rapida evoluzione

La giornalista ha raccontato a Euronews di aver scoperto che i talebani erano a Kabul quando ha cercato di ritirare del denaro dopo il lavoro. "Il cambiavalute mi ha detto: 'Devi andare a casa, sono arrivati i talebani'", ha raccontato a Euronews. Le è stato detto che non poteva stare fuori perché non era accompagnata da un uomo e non indossava il burqa.

"Sono arrivate delle auto dal ponte Kote Sangi a Kabul. Hanno detto che i talebani stavano arrivando. Tutti stavano fuggendo. Sono tornata a casa", ha raccontato. Un'altra giornalista, che è andata in Iran per delle cure mediche con il suo bambino di 10 anni, ha detto che non sapeva cosa fare e si sentiva "disperata".

"Mi sento davvero disperata. Abbiamo perso tutto quello che abbiamo ottenuto in questi vent'anni in un batter d'occhio. Nessuno può nemmeno immaginare", ha detto a Euronews, aggiungendo che non è stata in grado di raggiungere la sua casa in Afghanistan. "Non ho niente. Non ho soldi, casa, lavoro, non ho niente. Sono preoccupata per il mio paese".