EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Putin chiede la produzione di missili a raggio intermedio vietati dal 1988

Vladimir Putin parla durante un incontro con i diplomati dell'Accademia presidenziale russa di economia nazionale e pubblica amministrazione in videoconferenza, il 28 giugno 2024.
Vladimir Putin parla durante un incontro con i diplomati dell'Accademia presidenziale russa di economia nazionale e pubblica amministrazione in videoconferenza, il 28 giugno 2024. Diritti d'autore Vyacheslav Prokofyev/Sputnik
Diritti d'autore Vyacheslav Prokofyev/Sputnik
Di Euronews Agenzie:  AP
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

Il presidente russo ha aperto alla produzione di missili a raggio intermedio vietati da un trattato con gli Stati Uniti nel 1988 e sospeso da Washington nel 2019. Intanto, montano le accuse di armi nordcoreane in Ucraina

PUBBLICITÀ

Il presidente russo Vladimir Putin ha suggerito di riprendere la produzione di missili a raggio intermedio, vietati dal trattato ormai defunto Inf (Intermediate-Range Nuclear Forces) con gli Stati Uniti. L'accordo vietava l'uso di missili nucleari e convenzionali basati a terra con una gittata compresa tra 500 e 5.500 chilometri.

Era considerato una pietra miliare per il controllo degli armamenti quando il leader sovietico Mikhail Gorbaciov e il presidente statunitense Ronald Reagan lo firmarono nel 1988. Ma Washington si è ritirata dal patto nel 2019, citando le violazioni russe.

"Dobbiamo avviare la produzione di questi sistemi d'attacco e poi, in base alla situazione reale, decidere dove collocarli, se necessario per garantire la nostra sicurezza", ha detto Putin durante una riunione del Consiglio di sicurezza nazionale russo.

Putin ha detto che la Russia non ha prodotto tali missili da quando il trattato è stato abolito nel 2019, ma che "oggi è noto che gli Stati Uniti non solo producono questi sistemi missilistici, ma li hanno già portati in Europa per le esercitazioni, in Danimarca. Recentemente è stato annunciato che si trovano nelle Filippine".

The Security Council meets on the topic of the arms proliferation and North Korea at United Nations headquarters, June 28, 2024
The Security Council meets on the topic of the arms proliferation and North Korea at United Nations headquarters, June 28, 2024Seth Wenig/Copyright 2024 The AP. All rights reserved.

Da quando si è ritirato dal trattato, l'esercito Usa è andato avanti con lo sviluppo di una capacità missilistica convenzionale, lanciata da terra e a medio raggio, chiamata Typhon, che sarebbe stata vietata dall'Inf.

Il Typhon spara due missili della Marina Militare, il Tomahawk Land Attack Missile e lo Standard Missile-6. L'esercito ha testato il sistema durante un'esercitazione nelle Filippine questa primavera.

L'ultimo patto di controllo degli armamenti rimasto tra Washington e Mosca è il Nuovo Trattato di Riduzione delle Armi Strategiche, che limita ciascun Paese a non più di 1.550 testate nucleari dispiegate e 700 missili e bombardieri schierati. La sua scadenza è prevista per il 2026 e la mancanza di dialogo su un accordo successivo ha preoccupato i sostenitori del controllo degli armamenti.

L'Onu discute dell'invio di armi dalla Corea del Nord alla Russia

La dichiarazione di Putin è arrivata nello stesso giorno in cui i trasferimenti di armi dalla Corea del Nord alla Russia sono stati al centro di una sessione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite.

Jonah Leff, rappresentante di Conflict Armament Research (CAR), ha dichiarato che la sua organizzazione ha dettagliato i componenti dei missili utilizzati contro l'Ucraina e che le prove dimostrano che provengono dalla Corea del Nord.

"Le prove, che la mia organizzazione ha osservato e accuratamente documentato in prima persona, stabiliscono in modo inconfutabile che il missile sparato su Kharkiv era effettivamente di origine nordcoreana. In una visita successiva, in cui io stesso mi sono recato con un team in Ucraina per un'ulteriore documentazione. Abbiamo osservato altre armi convenzionali fabbricate dalla Corea del Nord, che erano state sequestrate in prima linea e che non erano state osservate in precedenza sul campo di battaglia in Ucraina", ha dichiarato al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite.

Le risoluzioni del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite vietano il trasferimento di armi alla Russia.

"Negli ultimi mesi, ci sono state anche accuse di trasferimento di missili balistici e munizioni dalla Corea del Nord alla Federazione Russa, in violazione delle pertinenti risoluzioni del Consiglio di Sicurezza", ha dichiarato Izumi Nakamitsu, Alto Rappresentante per il Disarmo.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Media sudcoreani: Pyongyang vuole inviare personale in Ucraina, oggi Zelensky a Bruxelles

Putin in Corea del Nord da Kim Jong-un: sostegno sulla guerra in Ucraina e accordo di mutua difesa

Caldo estremo in Centro Italia, Croazia e Spagna: persiste il maltempo in Lombardia