EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Media sudcoreani: Pyongyang vuole inviare personale in Ucraina, oggi Zelensky a Bruxelles

I soldati ucraini della 43a brigata di artiglieria, regione di Donetsk, Ucraina, giugno 2024
I soldati ucraini della 43a brigata di artiglieria, regione di Donetsk, Ucraina, giugno 2024 Diritti d'autore AP Photo/Evgeniy Maloletka
Diritti d'autore AP Photo/Evgeniy Maloletka
Di Maria Michela Dalessandro
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Funzionari del governo sudcoreano hanno affermato che la Russia non dovrebbe “commettere errori” che potrebbero danneggiare le relazioni tra i due Paesi: giovedì Maria Zakharova "ha messo in guardia la Corea del Sud" contro possibili forniture di armi all'Ucraina

PUBBLICITÀ

Se la Corea del Nord decidesse di inviare truppe a combattere per la Russia in Ucraina, le sue forze sarebbero usate come carne da macello. Lo ha detto il portavoce del Pentagono, il generale Pat Ryder, in un briefing. Le dichiarazioni arrivano dopo la notizia trapelata dai media sudcoreani secondo i quali Pyongyang prevede di inviare forze di ricostruzione e di ingegneria nei territori ucraini occupati dalla Russia già a partire da luglio.

"Se fossi la dirigenza del personale militare nordcoreano, metterei in dubbio la mia scelta di inviare le mie forze come carne da cannone in una guerra illegale contro l'Ucraina. E abbiamo visto il tipo di vittime delle forze russe", ha detto Ryder. All'inizio di giugno il presidente russo Vladimir Putin e il leader nordcoreano Kim Jong-un hanno firmato un trattato di partenariato strategico globale che impegna entrambi i Paesi a fornirsi reciproca assistenza militare in caso di attacco. In particolare, come ha riportato l'emittente televisiva sudcoreana Tv Chosun citando un funzionario del governo sudcoreano, le forze di Pyongyang dovrebbero aiutare a ricostruire le infrastrutture nella città occupata di Donetsk.

Ucraina: la Russia ha inviato al fronte circa 10mila immigrati naturalizzati

La Russia ha inviato al fronte in Ucraina circa 10mila immigrati recentemente naturalizzati come è previsto dalla Costituzione. Lo ha reso noto giovedì il capo del comitato investigativo della Federazione Russa, Oleksandr Bastrykin, come riporta Interfax. Bastrykin ha spiegato che più di 30mila stranieri a cui è stata recentemente concessa la cittadinanza russa non si sono registrati per il servizio militare. "Circa 10mila di loro sono già stati inviati nella zona operativa militare speciale", ha continuato Bastrykin precisando che queste persone vengono inviate in unità lontane dalla prima linea.

Zelensky a Bruxelles in occasione del Consiglio europeo

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky è arrivato giovedì al Justus Lipsius Building di Bruxelles dove alle 14 ha preso il via il Consiglio europeo. Ad accoglierlo il presidente Charles Michel: "la nostra determinazione a supportare l'Ucraina è forte come non mai". Il presidente ucraino incontrerà tra gli altri anche il segretario generale della Nato Jens Stoltenberg nel quartier generale dell'Alleanza nella capitale belga.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Ucraina, "colpiti militari stranieri" dice la Russia: Mosca minaccia "escalation" per armi a Kiev

Guerra in Ucraina: Kiev e Mosca scambiano novanta prigionieri di guerra

Ue: Moldova e Ucraina avviano formalmente i negoziati di adesione al blocco