EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

G7 Istruzione a Trieste, Valditara: fondamentale la ricostruzione delle scuole in Ucraina

Una scuola distrutta in Ucraina
Una scuola distrutta in Ucraina Diritti d'autore AP
Diritti d'autore AP
Di Euronews
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

In corso a Trieste, in Italia, il G7 Istruzione. Presente anche l'ambasciatore ucraino. Il ministro italiano Valditara: aiuteremo la ricostruzione delle scuole in Ucraina

PUBBLICITÀ

Conclusa la prima giornata del G7 dell’istruzione a Trieste in programma il 28 e 29 giugno nel capoluogo di provincia del Friuli-Venezia Giulia. Presieduto dal ministro dell'Istruzione italiano Giuseppe Valditara, al vertice partecipano gli omologhi dei Paesi del G7 e di 17 delegazioni, insieme anche la Commissaria europea all' Istruzione Iliana Ivanova, i vertici dell' Unione Africana, i rappresentanti delle principali organizzazioni internazionali competenti in materia (Ocse, Unesco, Unicef) e la Global Partnership for Education.

Valditara al G7 Istruzione: fondamentale la ricostruzione delle scuole in Ucraina

Oltre ai delegati dei Paesi aderenti al G7 presente anche l’ambasciatore dell’Ucraina Oksen Lisovyi.** "Anche in condizioni di guerra non possiamo fermare lo sviluppo dell'istruzione - ha dichiarato Oksen Lisovyi - e stiamo facendo di tutto per garantire che ogni bambino abbia accesso a un'istruzione di qualità". Per questo, ha aggiunto il ministro, "sono grato a tutti i nostri partner, compresi i paesi del G7 e l'Unione Europea, che sono già diventati veri amici del nostro Paese".

"È stata importante la testimonianza del ministro ucraino, che ha sottolineato come per la libertà, lo sviluppo, il futuro dell'Ucraina sia fondamentale la ricostruzione del tessuto scolastico", ha detto Valditara. Il ministro dell'Istruzione italiano ha poi ricordato la necessità di ricostruire le scuole del Paese perchè i ragazzi dell'Ucraina possano avere un futuro di libertà che passa anche attraverso la cultura.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

A Shepetivka, in Ucraina, il doposcuola tra armi e addestramento militare

Meloni chiude il G7: "Supporto all'Ucraina e al piano Mattei, nessuna polemica sull'aborto"

Ucraina, bambini e giovani con il trauma della guerra: a scuola tra lezioni antimine e terapia