EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Borrell: via libera a 1,4 miliardi di euro di aiuti all'Ucraina dagli asset russi

L'Ucraina ha sollecitato gli alleati occidentali ad aumentare le consegne di armi e munizioni.
L'Ucraina ha sollecitato gli alleati occidentali ad aumentare le consegne di armi e munizioni. Diritti d'autore Oleg Petrasiuk/Press service of 24 Mechanised brigade
Diritti d'autore Oleg Petrasiuk/Press service of 24 Mechanised brigade
Di Euronews
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

Il Consiglio Ue riunito a Lussemburgo ha approvato il quadro giuridico che consentirà di versare 1,4 miliardi di euro di aiuti all'Ucraina provenienti dagli utili generati dal congelamento dei beni della Banca centrale russa

PUBBLICITÀ

L'Unione Europea invierà 1,4 miliardi di euro di aiuti all'Ucraina: dopo mesi di discussioni, lunedì i ministri degli Esteri dell'Ue hanno siglato un accordo che aggira il veto dell'Ungheria, assente al voto.

"Se uno Stato membro non ha partecipato alla decisione di usare questi beni, non ha diritto di partecipare alla decisione di come allocarli", ha dichiarato l'Alto rappresentante Ue per la politica estera Josep Borrell nella conferenza stampa al termine del Consiglio Esteri a Lussemburgo.

I beni russi "saranno utilizzati nel modo più sicuro possibile a beneficio dell'Ucraina. 1,4 miliardi saranno disponibili nel corso del mese prossimo e un altro miliardo entro la fine dell'anno", ha precisato Borrell. Questi saranno assegnati all'Ucraina ma per questi tre scopi, munizioni di difesa aerea e supporto dell'industria ucraina, superando o aggirando questa difficoltà strutturale che abbiamo avuto l'ultimo anno".

European Peace Facility, resta il veto di Budapest

Resta invece il no di Budapest all'uso dei fondi, circa 6 miliardi di euro, dello European Peace Facility, lo strumento fuori bilancio che l'Ue usa per finanziare gli aiuti militari a Kiev.

La Russia di Vladimir Putin, ha aggiunto Borrell, attacca l'Ucraina per "dimostrare che è vulnerabile", ma l'Ue deve "dimostrare" che è pronta ad aiutare Kiev.

A Lussemburgo i ministri degli Esteri dell'Ue hanno chiesto anche di rinnovare gli sforzi per un cessate il fuoco a Gaza, tre settimane dopo una proposta dell'amministrazione Biden per il rilascio degli ostaggi israeliani in cambio di una tregua.

Borell ha denunciato che fornire assistenza umanitaria significativa all'interno di Gaza è diventato quasi impossibile e che la gente sta morendo di fame.

Micheal Martin, ministro degli Esteri dell'Irlanda (uno dei Paesi che di recente ha riconosciuto lo Stato di Palestinese) ha sottolineato ai colleghi alcune delle violazioni internazionali che si stanno verificando nella Striscia

"È chiaro che Israele sta violando il diritto umanitario internazionale su base sistemica", ha detto Martin citando il caso del palestinese ferito e legato alla jeep dai militari isreliani, "tutto questo deve finire, abbiamo bisogno del rilascio degli ostaggi e di un cessate il fuoco umanitario".

Le Nazioni Unite lamentano che non sono ancora ammessi nella Striscia abbastanza camioni di aiuti e che a volte questi vengono attaccati dagli ultranazionalisti israeliani o saccheggiati una volta dentro Gaza prima di raggiungere gli obiettivi designati.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Ucraina, il semestre di presidenza Ue dell'Ungheria mette a rischio l'adesione

Ue, accordo per dare all'Ucraina i proventi dei beni russi congelati

Gli eurodeputati chiedono di sequestrare i beni russi congelati