EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Cresce l'estrema destra in Francia: alleanza elettorale nella campagna rurale

A Mornant, in Francia, gli elettori si riuniscono per ascoltare le parole del candidato dell'alleanza con l'estrema destra.
A Mornant, in Francia, gli elettori si riuniscono per ascoltare le parole del candidato dell'alleanza con l'estrema destra. Diritti d'autore Euronews
Diritti d'autore Euronews
Di Lauren Chadwick
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

Alcuni membri del partito di destra Les républicains si sono uniti all'estrema destra, creando una base di sostegno più ampia in tutta la Francia. Per alcuni, questo dimostra che il sostegno per bloccare l'estrema destra dal governo è più debole

PUBBLICITÀ

In una fattoria di una cittadina rurale alle porte di Lione, la nipote di Marine Le Pen Marion Maréchal,** figura di spicco dell'estrema destra, si è presentata per sostenere un candidato locale alle prossime elezioni legislative.

Alexandre Humbert Dupalais è uno dei 62 candidati della destra francese Les républicains (Lr) che si sono uniti al leader del partito Eric Ciotti in una controversa mossa di alleanza con il Rassemblement national (Rn) di estrema destra.

Ma in questo collegio elettorale a sud di Lione, un candidato di destra separato è sostenuto dalla destra storica e dal presidente della regione Laurent Wauquiez.

È un esempio locale del dramma che si è consumato a livello nazionale quando Les républicains hanno tentato di rimuovere Ciotti dopo che questi aveva cercato di allearsi con l'estrema destra in seguito al loro successo alle elezioni europee.

Alcuni degli elettori che si sono presentati giovedì per Humbert Dupalais hanno detto di aver ascoltato anche la candidata di destra, la ventenne Cindy Ferro, sostenuta dal sindaco della città di Mornant, dove si è tenuto l'incontro.

Altri erano lì per vedere Maréchal, che di recente è stata esclusa dal partito di estrema destra Reconquete di Eric Zemmour per aver tentato un'alleanza con il Rn, partito che ha lasciato nel 2017.

Alexandre Humbert Dupalais (left) and Marion Maréchal (right)
Alexandre Humbert Dupalais (left) and Marion Maréchal (right)Euronews

"Naturalmente ringrazio Eric Ciotti che ha permesso di rompere questo blocco sanitario per permetterci di riunirci anche se eravamo ancora separati, persino concorrenti, solo poche settimane fa", ha detto Maréchal a Euronews.

Ha detto che sono riusciti ad accordarsi su un programma che si concentra sulla politica dell'immigrazione, sul ritorno dell'autorità statale e sulla questione del potere d'acquisto.

"Penso che ci sia un grande momento di chiarezza per gli elettori di destra, che oggi vedono chiaramente che da un lato ci sono politici che continuano a scegliere un'alleanza con il centro e quelli che ora scelgono l'unione della destra con il Rassemblement national", ha aggiunto.

Il quotidiano francese Le Monde aveva precedentemente riferito che la lista di Ciotti comprendeva candidati vicini a Maréchal o del partito di Zemmour, mentre pochi provenivano da Lr.

Humbert Dupalais ha dichiarato a Euronews di aver fatto campagna per la destra tradizionale da quando aveva 16 anni e ha detto di aver pensato che i membri del partito Lr avrebbero seguito Ciotti. Invece, il partito ha tentato di sostituirlo per la sua scelta di allearsi con l'estrema destra.

Crescita dell'estrema destra "prevedibile"

Da anni in Francia si registra un aumento del sostegno al Rn, che è cresciuto da quando Marine Le Pen lo ha ribattezzato. Le Pen è arrivata due volte al secondo turno delle elezioni presidenziali contro Emmanuel Macron e ha aumentato notevolmente il suo punteggio nel 2022 con un record del 41 per cento dei voti.

Alle elezioni europee di questo mese, il partito, guidato dalla 28enne Jordan Bardella, è arrivato primo in oltre il 90 per cento delle città francesi e potrebbe ottenere il maggior numero di voti alle elezioni legislative del 30 giugno e del 7 luglio.

È una situazione molto lontana da quella in cui il padre di Le Pen, Jean-Marie Le Pen, che ha guidato il partito dagli inizi nel 1972 al 2011, ha ottenuto il 17 per cento dei voti nel 2002 rispetto all'82 per cento di Jacques Chirac.

L'anziano Le Pen è stato multato più volte per aver ignorato l'Olocausto e sua figlia lo ha escluso dal partito nel tentativo di "sdemonizzarlo". Le origini storiche del partito, tuttavia, sono riconducibili a un movimento neofascista francese.

PUBBLICITÀ

I Verdi francesi hanno recentemente chiesto al partito di Macron di bloccare l'estrema destra al secondo turno delle elezioni legislative con una strategia già utilizzata per eleggere il presidente, ma questo "blocco repubblicano" sembra indebolirsi.

Sin dalla presidenza di Nicolas Sarkozy, "alcuni leader di destra hanno esplicitamente detto che in caso di duello della sinistra contro il Fronte nazionale, che è diventato il Rassemblement nationa, non avrebbero chiamato a votare o parlato contro il Rn", ha detto Stéphane Cadiou, professore di scienze politiche all'Università di Lione 2. "Quindi le crepe nel blocco repubblicano al secondo turno delle elezioni legislative, con una strategia precedentemente utilizzata per eleggere il presidente, ma questo "blocco repubblicano" sembra indebolirsi.

"Quindi le crepe nel fronte repubblicano [per bloccare l'estrema destra] sono relativamente di lunga data", ha aggiunto.

"Per 20 anni abbiamo visto l'estrema destra crescere in piccole città, piccole città periurbane. Quindi era prevedibile che un giorno o l'altro il Rassemblement national avrebbe sfidato i partiti politici tradizionali per il primo posto", ha detto Cadiou.

PUBBLICITÀ

"Si sta ancorando sempre di più a un elettorato eterogeneo, cioè si sta spostando in un numero sempre maggiore di categorie della popolazione più diversificate, ed è questo che gli permette di avere una base molto più ampia di quella che aveva", ha aggiunto.

Gli elettori di sinistra di Lione hanno dichiarato a Euronews di essere molto spaventati dalla prospettiva che l'estrema destra sia così vicina al potere, citando l'origine del partito e le sue posizioni dure sull'immigrazione, ma hanno cercato di essere positivi sulle prospettive della nuova coalizione di sinistra, il Nuovo Fronte popolare, attualmente secondo nei sondaggi.

I sostenitori del Rn a Mornant non vogliono sentir parlare del loro candidato o del loro programma come "estremo", e la maggior parte di loro ha dichiarato di voler impedire a quello che considerano un partito di estrema sinistra di raggiungere la vetta dei sondaggi.

Molti sono anche stufi della politica di Macron, citando la crisi dei Gilet Gialli e l'impopolare riforma delle pensioni.

PUBBLICITÀ

"Credo che il Paese abbia bisogno di qualcosa, di un cambiamento", ha dichiarato Alexandre, un elettore di 48 anni di Beauvallon, la città più vicina.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Polonia, il Parlamento dice no alla depenalizzazione dell'aborto

Finlandia, sì del Parlamento alla legge che permette di respinge i migranti al confine con la Russia

In calo per la prima volta in 45 anni la percentuale di donne al Parlamento europeo