EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Putin offre pace in cambio di regioni occupate e Ucraina fuori da Nato, Kiev: offesa al buon senso

Il presidente russo Vladimir Putin
Il presidente russo Vladimir Putin Diritti d'autore AP
Diritti d'autore AP
Di Maria Michela Dalessandro
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Il presidente russo Vladimir Putin, in occasione di una riunione con gli alti funzionari del ministero degli Esteri russo, ha discusso la situazione in Ucraina dettando le condizioni per "per una proposta di pace": ritiro di Kiev dai territori occupati da Mosca e nessuna adesione alla Nato

PUBBLICITÀ

A un giorno dalla conferenza per la pace in Ucraina in programma in Svizzera, alla quale la Russia non è stata invitata, da Mosca il presidente russo Vladimir Putin ha parlato di quella che ha definito una "proposta reale di pace".

Non solo "un congelamento del conflitto ma della sua cessazione totale", dichiara Putin in merito alla proposta di negoziati, a condizione che gli ucraini si ritirino da quattro regioni ucraine - Donetsk, Lugansk, Kherson e Zaporizhia - e rinuncino a entrare nella Nato. "Noi esortiamo a voltare la tragica pagina della storia e ripristinare gradualmente le relazioni con l'Ucraina e l'Europa", ha aggiunto il presidente russo. Se l'Occidente e l'Ucraina rifiuteranno, ha avvertito Putin, si assumeranno la "responsabilità della continuazione dello spargimento di sangue".

La risposta di Kiev alle parole di Putin: "offendono il buon senso"

Le richieste avanzate dal presidente russo per sedersi a un tavolo e negoziare la pace nel conflitto in Ucraina "offendono il buon senso". Così il consigliere presidenziale ucraino Mykhailo Podolyak dopo le dichiarazioni di venerdì di Putin. "È tutta una finzione. Quindi, ancora una volta, sbarazzatevi delle illusioni e smettetela di prendere sul serio le 'proposte della Russia' che offendono il buon senso", ha scritto su X Podolyak.

Stoltenberg: proposta di Putin è di aggressione

Quella del presidente russo Vladimir Putin "non è una proposta di pace, è una proposta di maggiore aggressione e maggiore occupazione e dimostra in un certo senso che l'obiettivo della Russia è controllare l'Ucraina". Lo ha detto il segretario generale della Nato Jens Stoltenberg.

"Non spetta all'Ucraina ritirare le forze dal territorio ucraino, spetta alla Russia ritirare le proprie forze dal territorio ucraino occupato e questa proposta in realtà significa che la Russia dovrebbe avere il diritto di occupare ancora più territorio ucraino in tutte e quattro le province" secondo loro non ucraine.

Putin all'Occidente: l'egoismo e l'arroganza degli Stati occidentali hanno portato a una situazione estremamente pericolosa

In occasione della riunione con gli alti funzionari del ministero degli Esteri russo tenutasi venerdì mattina, Putin ha ribadito le relazioni tese con l'Occidente dicendo di essere arrivati inaccettabilmente vicini al punto di non ritorno.

Il capo del Cremlino ha inoltre parlato dell'utilizzo dei beni russi congelati alla Federazione Russa nei Paesi che hanno sanzionato il Paese definendo un furto qualsiasi tentativo di impossessarsene.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Ucraina, Stoltenberg: "Ancora non c'è accordo sui finanziamenti a lungo termine"

Svizzera, tutto pronto per la conferenza sulla pace in Ucraina

Russia, a Cuba sottomarino nucleare e navi: prova di forza di Putin per aiuti Usa all'Ucraina