EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Migranti, tensione tra Irlanda e Regno Unito: "Non accettiamo rimpatri" dice Sunak

Il segretario per l'Irlanda del Nord, Chris Heaton-Harris, a sinistra, e il vice premier irlandese Micheál Martin in conferenza stampa a Londra (29 aprile 2024)
Il segretario per l'Irlanda del Nord, Chris Heaton-Harris, a sinistra, e il vice premier irlandese Micheál Martin in conferenza stampa a Londra (29 aprile 2024) Diritti d'autore Yui Mok/Press Association
Diritti d'autore Yui Mok/Press Association
Di Gabriele Barbati
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

L'Irlanda cerca una soluzione di emergenza per affrontare gli arrivi dal Regno Unito. Per quanti sono ora accampati a Dublino, il motivo della partenza è stato il rischio di essere mandati in Ruanda. Il primo ministro britannico Sunak conferma la bontà dell'accordo sui richiedenti asilo

PUBBLICITÀ

Si alza la tensione nella crisi dei migranti tra Irlanda e Regno Unito, dopo una riunione tra rappresentanti dei due governi lunedì a Londra.

"Non accetteremo rimpatri dall'Irlanda quando l'Unione Europea non accetta rimpatri in Francia, da dove provengono i migranti illegali" ha detto lunedì il primo ministro britannico, Rishi Sunak.

"Sono determinato a far funzionare il nostro accordo con il Ruanda perché voglio un deterrente" contro l'immigrazione illegale e traversate rischiose della Manica, ha aggiunto Sunak.

L'Unione Europea ha deciso di recente una riforma delle proprie regole di accoglienza e redistribuzione dei richiedenti asilo tra i Paesi membri.

Migranti, nessuna decisione tra Irlanda e Regno Unito su piano Ruanda

Il vice primo ministro irlandese, Micheál Martin, e il segretario britannico per l'Irlanda del Nord, Chris Heaton-Harris, hanno cercato di minimizzare spaccature nella conferenza intergovernativa di lunedì, che ha affrontato questa e altre questioni. 

I due governi si sono impegnati congiuntamente a "proteggere l'area comune da abusi", ha dichiarato Heaton-Harris.

Il governo irlandese dovrebbe discutere a breve una legge d'emergenza per trovare comunque una soluzione all'alto numero di migranti che sta lasciando il Regno Unito nel timore di incappare nelle deportazioni in Ruanda per espletare lì le formalità della richiesta di asilo.

La scorsa settimana la Corte Suprema irlandese ha stabilito che, in virtù del meccanismo previsto dall'accordo con il Ruanda, la designazione del Regno Unito come "Paese terzo sicuro" per il rimpatrio dei richiedenti asilo è contraria al diritto dell'Unione Europea.

"Ho sentito dire da molte persone che ti manda in Ruanda. Quindi avevo molta paura che lo facessero anche con me" ha spiegato all''Associated Press uno dei richiedenti asilo arrivati a Dublino, Jad Al Hamarneh.

La situazione dei migranti non piace a buona parte degl irlandesi, che hanno tenuto diverse manifestazioni contro la loro accoglienza, l'ultima delle quali lunedì a Dublino.

Secondo la ministra irlandese della Giustizia, Helen McEntee, oltre l'80 per cento dei nuovi arrivi in Irlanda ha attraversato il confine che separa la Repubblica d'Irlanda dall'Irlanda del Nord.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Il ministro dell'Interno britannico in Italia: "Soluzioni innovative per fermare i migranti"

Irlanda, migranti: richiedi asilo e finisci in tenda, "condizioni disumane" secondo l'opposizione

L'Ue convoca Israele per la sentenza della Corte internazionale di giustizia su Rafah