Elezioni Ue, il manifesto dell'Alleanza libera europea per i diritti delle minoranze

Alleanza libera europea per i diritti delle minoranze
Alleanza libera europea per i diritti delle minoranze Diritti d'autore ALE/EFA
Di Aida Sanchez Alonso
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Principio di autodeterminazione e tutela delle minoranze: sono alcune delle principali istanze del manifesto politico di Alleanza libera europea, presentato dopo un'assemblea di due giorni a Bruxelles, in Belgio

PUBBLICITÀ

L'obiettivo dell'Alleanza libera europea (Efa) per le elezioni europee del giugno 2024 è garantire il rispetto dei diritti delle minoranze nell'Unione europea e il diritto all'autodeterminazione. 

Queste sono alcune delle principali istanze del suo manifesto, presentato venerdì dopo un'assemblea di due giorni a Bruxelles, in Belgio.

All'evento hanno partecipato i suoi due principali candidati o spitzenkandidaten, Maylis Rossberg e Raül Romeva, presentati lo scorso ottobre. Il partito ha chiesto la nomina di un commissario europeo per la difesa dei diritti delle minoranze.

La difesa dei diritti delle minoranze in Europa

"Ritengo che le minoranze nazionali siano uno degli elementi fondamentali dell'Unione europea", ha dichiarato Rossberg, appartenente alla minoranza danese in Germania. Ha aggiunto che esse sono "la diversità dell'Ue". Chiede "protezione e misure per sviluppare i loro diritti". 

Il manifesto del gruppo - che raggruppa 43 partiti e movimenti in 19 Stati - sollecita anche una riforma che consenta al Comitato europeo delle Regioni di influenzare e modificare la legislazione europea. Attualmente questa istituzione ha solo un ruolo consultivo.

L'altro candidato o spitzenkandidat è l'ex europarlamentare catalano Raül Romeva, condannato a 12 anni di carcere per la sua partecipazione al referendum sull'indipendenza della Catalogna del 2017. Romeva è stato in detenzione per quasi tre anni e successivamente graziato, ma è politicamente fuori gioco fino al 2030. La candidatura del leader pro-indipendenza è principalmente simbolica.

"Nell'Ue deficit di rappresentatività"

"È fondamentalmente un modo per inviare un messaggio", ha spiegato il politico catalano. Romeva ritiene che l'Unione europea abbia "importanti deficit di rappresentatività, non solo in termini di nazione ma anche di lingue, minoranze, opzioni".

Non è la prima volta che l'EFA ha un candidato di spicco che è stato condannato per gli eventi legati al referendum catalano. Alle elezioni europee del 2019 ha schierato Oriol Junqueras, all'epoca in carcere. 

Chi è lo spitzenkandidat

Il candidato leader o spitzenkandidat è la persona che ogni partito europeo nomina come possibile presidente della Commissione europea. Dopo le elezioni, i presidenti e i primi ministri dei Paesi dell'Ue devono scegliere il prossimo leader dell'esecutivo comunitario.

Nel 2014 è toccato a Jean-Claude Juncker, dopo aver partecipato alla campagna elettorale per la carica. Nel 2019 è stata scelta Ursula von der Leyen. Alle prossime elezioni, von der Leyen si candida per il Partito popolare europeo. Correrà contro, tra gli altri, il candidato socialdemocratico e attuale commissario europeo per i diritti sociali Nicolas Schmit.

Il partito Alleanza libera europea è uno dei partiti meno rappresentati al Parlamento europeo, con un totale di 10 eurodeputati. La maggior parte di essi siede al Parlamento europeo in coalizione con i Verdi. I tre membri del partito nazionalista fiammingo siedono con il gruppo di estrema destra.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Gli sport da combattimento sono davvero utili per l'autodifesa delle donne?

Euronews ti racconta le elezioni europee che decideranno un'epoca

Impossibile lavorare con gli "amici di Putin" dopo le elezioni europee, dice von der Leyen