Droga: aumenta l'offerta, sempre più difficile la lotta dell'Ue contro il narcotraffico

La marijuana in Thailandia
La marijuana in Thailandia Diritti d'autore AP
Diritti d'autore AP
Di Aida Sanchez Alonso
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in spagnolo

Narcotraffico: la maggiore disponibilità e purezza delle droghe, in particolare della cocaina, è alla base dell'aumento della violenza tra cartelli concorrenti

PUBBLICITÀ

Secondo l'Eu Drug Markets Review 2024, sono sempre più disponibili diversi tipi di droghe e molte di esse sono di qualità superiore. Il documento, prodotto dall'Osservatorio europeo delle droghe e delle tossicodipendenze (OEDT) e da Europol, afferma che questo fenomeno si accompagna a una maggiore efficienza nel trasporto e a una "notevole resistenza alle crisi globali, all'instabilità e a significativi cambiamenti politici ed economici".

Questa risultanza rappresenta anche una minaccia per la prevenzione. L'associazione belga Infor Drogues & Addictions riceve 2.000 chiamate all'anno da parte di consumatori e familiari preoccupati per una possibile dipendenza. Sebbene si occupino di tutti i tipi di droghe, la responsabile della comunicazione, Fanny Bétermier, spiega che la maggior parte delle domande riguarda la marijuana.

L'eterna querelle sulla legalizzazione della marijuana

Nella maggior parte dei Paesi dell'Ue il consumo di cannabis è illegale. Ma la Germania si è recentemente mossa verso la legalizzazione della cannabis per uso ricreativo. Questo potrebbe avere un impatto sulla prevenzione. "Sarebbe molto più facile ridurre i rischi per il pubblico in generale", afferma Bétermier. "Sarebbe più facile per le persone venire da noi perché non si vergognerebbero più di ammettere, non che hanno un problema, ma che fanno uso di una droga illegale", spiega.

Ma per il direttore dell'OEDT, Alexis Goosdeel, il "reale impatto" di queste misure è ancora sconosciuto. In un'intervista a Euronews, Goosdeel riconosce che con queste strategie c'è un "tentativo di tagliare l'accesso delle organizzazioni criminali al mercato della cannabis", ma ritiene che "sarà necessario che i Paesi adattino le loro politiche e strategie".

Non tutti i Paesi dell'Ue hanno una legislazione permissiva sulla marijuana. Per ora, l'unico ad averne legalizzato l'uso è Malta. Ma Lussemburgo, Spagna, Portogallo e Paesi Bassi consentono o tollerano il consumo privato.

Un mercato dominato da cannabis e cocaina

Il valore totale del mercato europeo della droga ammonta a 31 miliardi di euro. Secondo i dati rivelati nel rapporto, la cannabis è la droga con la maggiorequotadi mercato. Rappresenta il 39% del totale e 12,1 miliardi di euro, ed è anche la sostanza illegale più utilizzata nell'Unione europea. Secondo la Relazione europea sulle droghe 2023, l'8% degli adulti europei ha fatto uso di marijuana nell'ultimo anno. Inoltre, l'1,3% degli europei la usa quotidianamente.

La maggior parte della cannabis consumata nell'Ue è prodotta in Spagna. L'analisi dell'OEDT e di Europol evidenzia "un significativo impatto ambientale attraverso l'uso di energia e acqua, nonché l'inquinamento chimico".

Il suo consumo è seguito da vicino da quello della cocaina, con il 37% del totale e 11,6 miliardi di euro. Ma secondo l'analisi, il mercato del consumo di cocaina è "in crescita", potenzialmente influenzato dalla "disponibilità senza precedenti di cocaina a basso costo e ad alta purezza".

Inoltre, l'Ue, che tradizionalmente è stata il punto di arrivo della cocaina, potrebbe subire un cambiamento nel suo ruolo globale. Secondo il documento, ciò si può notare nel "crescente utilizzo dell'Ue come punto di transito per le spedizioni di cocaina verso altre regioni". Ma il blocco potrebbe anche essere usato come laboratorio per alcune delle fasi di produzione della cocaina.

Aumento della violenza legata alla droga

Con un numero maggiore di droghe disponibili, i narcotrafficanti devono affrontare una maggiore concorrenza per immettere i loro prodotti sul mercato. Questo può essere pericoloso per i cittadini. "L'aumento della violenza legata alla droga è generale in tutta Europa", spiega Goosdeel.

"C'è un'enorme pressione sui diversi attori del mercato delle droghe illecite", afferma. Ma la situazione non è nuova. "La violenza legata alla droga è iniziata lentamente ma inesorabilmente 10-15 anni fa intorno al mercato della cannabis in Europa", osserva Goosdeel.

Secondo i dati dell'OEDT e dell'Europol, il mercato illecito delle droghe è fortemente interconnesso con il traffico di armi e il riciclaggio di denaro. "Il fatto che ci siano più gruppi in competizione per lo stesso mercato e la connessione del mercato della droga con quello del traffico di armi si riflette nel fatto che la criminalità si avvale anche di kalashnikov, nelle strade di Anversa o Amsterdam", spiega Goosdeel.

Questo aumento della violenza si sta verificando anche in Belgio. Negli ultimi mesi la violenza legata alla droga è aumentata e solo a febbraio ci sono state circa 10 sparatorie nella capitale belga, una delle quali con esito mortale.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Colombia, sequestrate 195 tonnellate di cocaina in maxi operazione antidroga

"La droga è dappertutto": l'allarme dell'Osservatorio europeo

Stato dell'Unione: i problemi che alimentano la rabbia antidemocratica