EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Verso la cannabis legale in Germania: qual è la posizione del resto d'Europa sull'uso della marijuana?

Un dipendente mostra una pianta di cannabis o canapa in crescita in una scatola al Museo della Cannabis di Berlino, Germania
Un dipendente mostra una pianta di cannabis o canapa in crescita in una scatola al Museo della Cannabis di Berlino, Germania Diritti d'autore Markus Schreiber/AP Photo
Diritti d'autore Markus Schreiber/AP Photo
Di Lauren ChadwickCornelia Trefflich
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

La marijuana terapeutica sta diventando sempre più disponibile in Europa, ma la cannabis a scopi ricreativi rimane illegale nella maggior parte dei Paesi dell'Ue.

PUBBLICITÀ

La Germania sarà il secondo Paese dell'Ue, dopo Malta, a legalizzare la cannabis per uso ricreativo, un'iniziativa che potrebbe influenzare altri Paesi a seguirne l'esempio.

Ma nella maggior parte dell'Europa la cannabis rimane illegale e alcuni Paesi dell'Ue prevedono addirittura pene legali che includono il carcere per il possesso di marijuana.

Alcuni Paesi stanno anche avviando programmi pilota per la marijuana terapeutica, che è sempre più accessibile.

Pionieri della marijuana

Malta ha attualmente le leggi più tolleranti dell'UE in materia di coltivazione, consumo e possesso di cannabis.

Gli adulti possono portare con sé fino a 7 g di cannabis e coltivare fino a quattro piante a casa, in base alla legislazione approvata nel 2021. Fumare marijuana in pubblico, tuttavia, è ancora vietato.

La Germania, tuttavia, potrebbe presto avere le leggi più permissive di tutti i Paesi dell'Ue, perché il governo ha approvato piani per legalizzare il possesso di 25 g di cannabis per uso personale e la coltivazione di un massimo di tre piante. Questa legge deve ancora essere votata dal Bundestag.

Sebbene i Paesi Bassi siano spesso considerati come particolarmente tolleranti nei confronti della marijuana, la coltivazione, la vendita e il possesso di droga sono illegali. La vendita è "tollerata" nei famosi coffee shop del Paese e il possesso di non più di 5 g di cannabis è depenalizzato.

In Portogallo la cannabis è stata depenalizzata dal 2001, e il consumo e il possesso di piccole quantità è considerato un reato amministrativo; in Spagna, il consumo privato non è vietato ma è considerato un reato in pubblico, punibile con multe.

In Lussemburgo, il consumo privato è tollerato così come la coltivazione di quattro piante di cannabis a partire da quest'anno, mentre il possesso di cannabis in pubblico è depenalizzato.

Sebbene molti Paesi dell'UE abbiano ora depenalizzato la cannabis, in alcune parti dell'Ue è ancora legalmente punibile con l'incarcerazione.

Secondo l'Osservatorio europeo delle droghe e delle tossicodipendenze (OEDT), le leggi sulla cannabis sono spesso legate alla quantità di sostanza psicoattiva delta-9-tetraidrocannabinolo (THC).

Programmi pilota per la marijuana a scopi terapeutici

La cannabis a scopi terapeutici è diventata sempre più disponibile nei Paesi europei, ma il mercato è ancora in fase di sviluppo.

Alcuni Paesi hanno lanciato programmi che potrebbero portare a un maggiore accesso alla marijuana per uso terapeutico, che ha dimostrato in diversi studi di avere alcuni benefici terapeutici per i pazienti affetti da cancro, AIDS, sclerosi multipla (SM) e dolore cronico, tra gli altri.

Nel 2018 è entrato in vigore in Danimarca un programma pilota che consente ai medici di prescrivere prodotti che in precedenza non erano legali nel Paese.

"Lo scopo del programma pilota è quello di offrire ai pazienti un modo lecito di testare il trattamento con la cannabis terapeutica se non hanno tratto alcun beneficio dai farmaci autorizzati", ha dichiarato il governo.

PUBBLICITÀ

In Irlanda, nel 2019 è stato lanciato un programma pilota di cinque anni per facilitare l'accesso ai prodotti a base di cannabis per uso medico. Il programma è destinato a pazienti affetti da sclerosi multipla, nausea e vomito associati alla chemioterapia ed epilessia grave.

Anche la Francia ha avviato un progetto pilota sulla cannabis medica nel 2021 e l'agenzia governativa per i farmaci sta attualmente definendo regole più specifiche per la futura produzione francese di prodotti a base di marijuana medica.

Sebbene la marijuana terapeutica possa essere prescritta da un medico in molti Paesi, il suo utilizzo rimane piuttosto limitato, poiché alcuni Paesi importano piccole quantità di prodotti medici disponibili o non dispongono di un programma per il loro approvvigionamento.

Inoltre, mentre nella Repubblica Ceca e in Germania i pazienti possono essere rimborsati per la cannabis a , in altri Paesi il costo è coperto esclusivamente dal paziente.

PUBBLICITÀ

Il direttore medico di Curaleaf International, un'azienda produttrice di marijuana medica, ha scritto quest'anno sulla European Pharmaceutical Review che l'Europa è rimasta indietro rispetto a Canada, Australia e Stati Uniti.

"In molti Paesi, la cannabis medica viene utilizzata come terapia solo quando i farmaci autorizzati si sono dimostrati inefficaci", ha scritto Mikael Sodergren.

Nel 2019 il Parlamento europeo ha adottato una risoluzione che chiede regole a livello europeo sulla cannabis terapeutica e una maggiore ricerca scientifica sui suoi effetti.

Lo status giuridico internazionale sta cambiando

La Commissione delle Nazioni Unite sugli stupefacenti ha votato nel 2020 per rimuovere la cannabis dall'elenco IV della Convenzione unica sugli stupefacenti, dove era stata classificata insieme agli oppioidi e all'eroina.

PUBBLICITÀ

Le droghe della Tabella IV sono soggette a maggiori controlli, tra cui il divieto di "produzione, fabbricazione, esportazione e importazione, commercio, possesso o uso di tali droghe" e sono considerate prive di benefici terapeutici.

La rimozione della cannabis da questo elenco ha aperto la porta a livello internazionale al riconoscimento dei suoi possibili usi medici.

L'unico Paese dell'Ue che ha votato contro la rimozione della cannabis dall'elenco IV della Convenzione del 1961 è stata l'Ungheria. Quest'anno la Commissione Europea ha persino deferito l'Ungheria alla Corte di Giustizia dell'UE per il voto, affermando che andava contro la posizione del blocco.

L'Ungheria è uno dei pochi Paesi dell'UE in cui la cannabis è ancora illegale sia per uso ricreativo che medico.

PUBBLICITÀ

Ma anche nelle aree in cui i medici possono prescrivere la marijuana per uso medico, l'accesso può essere limitato.

In Svezia, ad esempio, per uso ricreativo non c'è differenza tra droghe pesanti e leggere, il che significa che la cannabis e l'eroina sono classificate come stupefacenti, con una politica di tolleranza zero nei confronti delle droghe nel Paese. La marijuana per uso medico è consentita solo in circostanze specifiche, approvate dall'Agenzia svedese per i prodotti medici e da un medico.

Negli ultimi decenni, tuttavia, la giustizia si dirige lentamente verso una posizione più indulgente nei confronti della droga in generale: in Europa la maggior parte dei Paesi hanno ridotto le pene per il possesso di droga e sono diventati più aperti al suo possibile uso medico o terapeutico.

Risorse addizionali per questo articolo • Rita Palfi

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

New York apre il mercato della marijuana a concorrenti più grandi, i rivenditori temono di essere tagliati fuori

Germania, un passo avanti per i diritti delle persone transgender

Cinque oggetti comuni da evitare per ridurre l'esposizione ai Pfas