Commissione europea, più tutele per i consumatori e spinta alle energie rinnovabili

LA tree is surrounded by solar panels in Los Arcos, Navarra Province, northern Spain.
LA tree is surrounded by solar panels in Los Arcos, Navarra Province, northern Spain. Diritti d'autore Alvaro Barrientos/Copyright 2022 The AP. All rights reserved
Di Redazione di Bruxelles
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

La grande riforma strutturale del mercato elettrico, tuttavia, dovrà attendere

PUBBLICITÀ

Più tutele per i consumatori e spinta alle energie rinnovabili sono alcune delle misure che la Commissione europea sta mettendo sul tavolo per le tanto attese novità del mercato elettrico.

La grande riforma strutturale del mercato elettrico dovrà attendere: la Commissione europea ha optato per una revisione mirata delle regole esistenti per ridurre la volatilità dei prezzi.

L'idea principale è quella di proteggere i consumatori, introducendo il diritto di scegliere un contratto a lungo termine con un prezzo fisso.

Inoltre, i consumatori potrebbero optare per la soluzione di avere più contratti.

Mark Schiefelbein/Copyright 2022 The AP. All rights reserved
A woman uses her smartphone as she stands on a rocky outcropping in the channel of the Yangtze River in southwestern China's Chongqing Municipality.Mark Schiefelbein/Copyright 2022 The AP. All rights reserved

"I consumatori - dice Kadri Simson, commissario europeo per l'Energia - dovrebbero inoltre avere il diritto di optare per opzioni meno rischiose, vale a dire contratti a prezzo fisso e questo fa parte della proposta.

Inoltre faremo in modo che i consumatori abbiano diritto a diversi contratti, in modo da poter coprire i loro consumi con un prezzo fisso ma ricaricare il loro veicolo elettrico nelle ore in cui i prezzi sono bassi, sulla base di un contratto flessibile".

Chi va piano...

Con questa proposta, la Commissione europea ha ignorato gli appelli di alcuni Stati membri, come la Francia o la Spagna, che volevano disaccoppiare i prezzi del gas da quelli dell'elettricità per evitare la contaminazione da prezzi elevati dei combustibili fossili, come si è visto durante la perturbazione del mercato dello scorso anno.

Un eurodeputato socialista spagnolo pensa che la proposta vada nella giusta direzione, ma non sia sufficiente.

"Penso - dice Nicolás González Casares - che possiamo essere più ambiziosi, migliorare lavorando insieme e fare delle proposte che vadano nella giusta direzione, quando si tratta di dare un segnale molto importante, cioè che le rinnovabili dovrebbero essere quelle che finiranno per fare in futuro il prezzo dell'elettricità dell'Ue.

Ma penso anche che queste rinnovabili ricevano una remunerazione sufficiente che le renda redditizie e consenta loro di continuare a investire in esse".

La proposta della Commissione spinge anche per maggiori investimenti nelle energie rinnovabili, poiché la riduzione della dipendenza dal gas russo deve continuare, ma attribuisce un ruolo importante al settore dell'energia nucleare, il che è un modo per diventare più verdi.

Si attende un acceso dibattito tra gli Stati membri prima dell'approvazione del testo definitivo, cosa che probabilmente avverrà alla fine di quest'anno o all'inizio del prossimo.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Ucraina senza elettricità in inverno: è guerra di logoramento

La Francia teme di non avere abbastanza elettricità in inverno

Europa: dopo pandemia e guerra, quale futuro per i prezzi dell'elettricità?