EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Il Partito popolare europeo non cercherà un accordo con l'Ecr di Meloni

Durante la campagna elettorale, Ursula von der Leyen ha corteggiato pubblicamente Giorgia Meloni.
Durante la campagna elettorale, Ursula von der Leyen ha corteggiato pubblicamente Giorgia Meloni. Diritti d'autore European Union, 2024.
Diritti d'autore European Union, 2024.
Di Shona MurrayJorge Liboreiro
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

Il Green Deal è stato "guidato ideologicamente" e deve essere ripensato per enfatizzare "l'aspetto della concorrenza", afferma Thanasis Bakolas

PUBBLICITÀ

Il Partito Popolare Europeo di centrodestra non cercherà di stringere un accordo formale con Giorgia Meloni e il suo gruppo di destra Conservatori e Riformisti Europei (Ecr), né per rieleggere Ursula von der Leyen né per sostenere una maggioranza di governo nel prossimo mandato, ha dichiarato il segretario generale del Ppe un giorno dopo le elezioni.

I sondaggi hanno visto il Ppe conquistare 186 seggi, molto più dei 135 ottenuti dal gruppo dei Socialisti e Democratici (S&D) e dei 79 del gruppo liberale Renew Europe.

L'intervista al segretario generale del Partito popolare europeo

"Il Ppe cercherà di formare una maggioranza nel Parlamento europeo con gli amici e gli alleati con cui abbiamo già lavorato in passato, con i socialisti, con i liberali e, speriamo, anche con i verdi. I numeri per una maggioranza del genere ci sono, e questo è positivo", ha dichiarato Thanasis Bakolas a Euronews lunedì pomeriggio.

Ma, ha aggiunto Bakolas, quando si tratterà di "leggi importanti, ci rivolgeremo a deputati disposti ad ascoltare e a votare per noi". Questa cooperazione dipenderà dal fatto che i legislatori più a destra siano pro Europa e pro-Ucraina, ha detto, riecheggiando i criteri principali che la von der Leyen ha stabilito durante la sua campagna.

"Gli eurodeputati di Giorgia Meloni potrebbero voler votare per noi. E credo che sarebbe fantastico. Ma non vedo alcun accordo istituzionale o più formalizzato (al di là di questo)", ha aggiunto.

Alla domanda se questo riavvicinamento, anche se su base individuale, possa aiutare a normalizzare le politiche retrograde, Bakolas ha elogiato l'approccio della Meloni alla politica europea.

Il primo ministro italiano è un "leader molto apprezzato e rispettato nel Consiglio (europeo), non solo dai leader del Ppe ma anche da altri leader. È molto costruttiva. Lavora bene al Consiglio e questo è importante per l'Europa perché viene da un grande Paese, l'Italia. Questo è il fatto", ha detto Bakolas. "A questo punto, Giorgia Meloni è un attore molto costruttivo sulla scena europea".

Il Ppe non ha bisogno dei conservatori per la maggioranza

Una possibile alleanza Ppe-Ecr ha dominato il ciclo elettorale e alimentato continue speculazioni sulla futura direzione del Parlamento europeo. Alla Von der Leyen è stato chiesto più volte se avrebbe accettato o rifiutato i voti della Meloni, rispondendo ogni volta in modo più esplicito che li avrebbe di fatto accolti.

Ma quando i risultati provvisori sono diventati ufficiali domenica sera, la von der Leyen ha improvvisamente cambiato tono e ha teso la mano a socialisti e liberali per costruire una forte maggioranza centrista per i prossimi cinque anni, senza alcun riferimento a Giorgia Meloni. "Il centro tiene", ha detto von der Leyen.

La presidente in carica ha anche rifiutato di dire se i Verdi, scesi da 71 a 53 eurodeputati, faranno parte di questa maggioranza pro Ue, limitandosi a notare che la sua priorità saranno S&D e Renew e che la porta rimane "aperta" per altri.

Nella sua intervista a Euronews, Bakolas ha parlato dei Verdi come possibili partner per una grande coalizione che possa "andare a lungo termine e che possa anche crescere". "Il cordone sanitario reggerà", ha previsto.

Il Green Deal non è morto

I 27 leader si riuniranno il 17 giugno e il 27 giugno per discutere la distribuzione dei posti di lavoro più importanti, dove sarà messa in discussione la candidatura di von der Leyen alla rielezione. Dopo essere stata nominata a capo della Commissione europea per altri cinque anni, dovrà affrontare un'udienza di conferma al Parlamento europeo. Lì avrà bisogno di almeno 361 voti a favore. Nel 2019 ha superato la prova per soli nove voti.

Mentre l'approvazione dei leader sembra quasi garantita, il percorso in Parlamento sarà "complicato e difficile", ha ammesso Bakolas. L'ambizioso Green Deal della Von der Leyen ha alienato alcuni dei suoi compagni del Ppe, in particolare i Républicains francesi, che l'hanno denunciata per aver abbracciato "politiche di decrescita promosse dalla sinistra".

"Il lavoro deve essere fatto politicamente per motivare i nostri europarlamentari a seguire la linea voluta dai leader. È molto importante, a mio avviso, che il Parlamento agisca in modo strategico e molto politico, perché solo così possiamo mantenere una coalizione centrista", ha detto Bakolas. "Siamo un grande partito, una grande tenda", ha aggiunto. "Dobbiamo passare attraverso le mozioni".

La retorica sempre più antagonista del Ppe contro il Green Deal, incapsulata nella feroce battaglia per abbattere la legge sul ripristino della natura, ha fatto infuriare i progressisti, che sostengono che i conservatori vogliano mettere in pausa, o addirittura invertire, gli sforzi fatti per raggiungere la neutralità climatica. Alcune delle affermazioni esplosive usate dal Ppe per contestare la legge sul ripristino della natura sono state descritte dalle Ong come disinformazione.

"Come partito politico, vogliamo che il Green Deal abbia successo e, in ultima analisi, è quello che vogliono i cittadini", ha dichiarato Bakolas. "Non siamo negazionisti del clima". "Ma penso che ci sia stato un fallimento collettivo, in un certo senso, quando si è trattato del Green Deal perché era troppo guidato ideologicamente. E anche noi del Ppe abbiamo una responsabilità perché abbiamo permesso che fosse guidato dall'ideologia", ha aggiunto. A suo avviso, il tassello mancante era l'"angolo della concorrenza".

I suoi commenti sull'"ideologia" ambientale assomigliano agli argomenti che Meloni e i suoi alleati di destra hanno usato per denunciare il Green Deal. Il manifesto dell'Ecr promette di ribaltare l'iniziativa su più fronti. "Siamo intenzionati a proteggere i cittadini, gli agricoltori e le imprese dagli impatti negativi dell'attuale politica climatica verde troppo ideologica", si legge nel manifesto.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Elezioni europee: vincitori e vinti, l'Ue vira verso l'estrema destra

Elezioni europee 2024: quali sono i possibili scenari

Ucraina e Moldova avviano colloqui formali di adesione con l'Unione europea