EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Il giornalista Usa Evan Gershkovich sarà processato in Russia con l'accusa di spionaggio

Il giornalista del Wall Street Journal detenuto in Russia, Evan Gershkovich
Il giornalista del Wall Street Journal detenuto in Russia, Evan Gershkovich Diritti d'autore Alexander Zemlianichenko/Copyright 2024 The AP. All rights reserved
Diritti d'autore Alexander Zemlianichenko/Copyright 2024 The AP. All rights reserved
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

Il Wall Street Journal nega le accuse contro di lui, così come il suo datore di lavoro, ma è comunque in carcere da oltre un anno

PUBBLICITÀ

Il giornalista statunitense Evan Gershkovich, in carcere da oltre un anno in Russia con l'accusa di spionaggio, sarà processato nella città di Ekaterinburg, sui Monti Urali, hanno dichiarato giovedì le autorità.

L'accusa nei confronti del giornalista del Wall Street Journal è stata finalizzata e il suo caso è stato depositato presso il Tribunale regionale di Sverdlovsky nella città a circa 1.400 chilometri a est di Mosca, secondo l'ufficio del procuratore generale russo.

Le accuse della Russia contro Gershkovich

Gershkovich è accusato di aver "raccolto informazioni segrete" su ordine della Cia riguardo a Uralvagonzavod, un impianto nella regione di Sverdlovsk che produce e ripara attrezzature militari, ha dichiarato l'ufficio del procuratore generale in un comunicato, rivelando per la prima volta i dettagli delle accuse contro di lui.

I funzionari non hanno fornito alcuna prova a sostegno delle accuse. Non si sa quando inizierà il processo. Gershkovich è stato arrestato nel marzo 2023 mentre era in viaggio per un reportage a Ekaterinburg e accusato di spionaggio per gli Stati Uniti. Il reporter, il suo datore di lavoro e il governo statunitense hanno negato le accuse e Washington lo ha definito detenuto ingiustamente.

Il Servizio di Sicurezza Federale (Fsb), all'epoca, aveva affermato che il giornalista aveva agito su ordine degli Stati Uniti per raccogliere segreti di Stato, ma non aveva fornito alcuna prova. L'Uralvagonzavod, una fabbrica statale di carri armati e ferroviari nella città di Nizhny Tagil, a circa cento chilometri a nord di Ekaterinburg, è diventata nota nel 2011-12 come un pilastro del sostegno al presidente Vladimir Putin.

Nel dicembre 2011, il caporeparto dello stabilimento Igor Kholmanskih è apparso nel programma telefonico annuale di Putin e ha denunciato le proteste di massa che si stavano svolgendo a Mosca in quel periodo come una minaccia alla "stabilità", proponendo di recarsi con i suoi colleghi nella capitale per aiutare a reprimere i disordini. Una settimana dopo, Putin ha nominato Kholmanskikh suo inviato nella regione.

Un accordo per lo scambio di prigionieri

Putin ha dichiarato di ritenere possibile un accordo per la liberazione di Gershkovich, lasciando intendere che sarebbe disposto a scambiarlo con un cittadino russo imprigionato in Germania, che sembra essere Vadim Krasikov. Quest'ultimo sta scontando una condanna all'ergastolo per l'uccisione nel 2019 a Berlino di un cittadino georgiano di origine cecena.

Interrogato la settimana scorsa dall'Associated Press su Gershkovich, Putin ha dichiarato che gli Stati Uniti stanno "prendendo provvedimenti energici" per assicurarne il rilascio. Ha dichiarato alle agenzie di stampa internazionali a San Pietroburgo che tali rilasci "non vengono decisi attraverso i mass media", ma attraverso un "approccio discreto, calmo e professionale".

"E certamente dovrebbero essere decisi solo sulla base della reciprocità", ha aggiunto alludendo a un potenziale scambio di prigionieri. Gershkovich rischia fino a venti anni di carcere se condannato.

È il primo giornalista statunitense arrestato con l'accusa di spionaggio dopo Nicholas Daniloff nel 1986, all'apice della Guerra Fredda. L'arresto di Gershkovich ha scioccato i giornalisti stranieri in Russia, anche se il Paese ha emanato leggi sempre più repressive sulla libertà di parola dopo l'invio di truppe in Ucraina.

Chi è Gershkovich e come si è evoluto il suo caso

Figlio di emigrati sovietici stabilitisi nel New Jersey, Gershkovich parlava correntemente il russo e si era trasferito nel Paese nel 2017 per lavorare per il quotidiano The Moscow Times, prima di essere assunto dal Journal nel 2022.

Dal suo arresto, Gershkovich è detenuto nel carcere Lefortovo di Mosca, una famigerata prigione di epoca zarista utilizzata durante le purghe di Josef Stalin, quando nei suoi sotterranei venivano eseguite le esecuzioni.

L'amministrazione Biden ha cercato di negoziare il suo rilascio, ma il Ministero degli Esteri russo ha dichiarato che prenderà in considerazione uno scambio di prigionieri solo dopo il verdetto del processo.

L'ambasciatore statunitense Lynne Tracy, che ha visitato regolarmente Gershkovich in prigione e ha assistito alle sue udienze in tribunale, ha definito le accuse contro di lui "inventate" e ha affermato che la Russia sta "usando i cittadini americani come pedine per raggiungere fini politici". Da quando sono state inviate le truppe in Ucraina, le autorità russe hanno arrestato diversi cittadini statunitensi e altri occidentali, rafforzando apparentemente questa idea.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

La Borsa di Mosca abbandona il dollaro e l'euro: la Russia risponde alle sanzioni Usa

Al via un'esercitazione nucleare congiunta tra Russia e Bielorussia

Francia, Joe Biden a Parigi: "Europa minacciata dalla Russia"