EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Terremoto in Turchia: Antiochia dubita delle promesse di Erdogan

Un uomo prega davanti alle macerie della moschea Habib Najjar di Antiochia, Turchia
Un uomo prega davanti alle macerie della moschea Habib Najjar di Antiochia, Turchia Diritti d'autore Hussein Malla/Copyright 2023 The AP. All rights reserved.
Diritti d'autore Hussein Malla/Copyright 2023 The AP. All rights reserved.
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

L'antica città è la più colpita dal devastante sisma dello scorso febbraio. Il presidente turco ha promesso di ricostruire tutto entro un anno. Ma molti non gli credono

PUBBLICITÀ

Antakya, o l'antica Antiochia, ha pagato il prezzo più elevato nel terremoto che ha devastato la Turchia sudorientale appena due mesi fa. La maggior parte della città è stata rasa al suolo, compreso il centro storico.

Con l'avvicinarsi delle elezioni, il leader turco Recep Tayyip Erdogan ha promesso di ricostruire le aree colpite entro l'inizio del prossimo anno.

Una promessa accolta con grande scetticismo da residenti come Ali Cimen, un operaio edile in pensione: "Non credo che la ricostruzione possa essere fatta in un anno, almeno qui. Forse altrove, non lo so. Ma qui, in queste condizioni... solo per sgomberare le macerie ci vorrà almeno un anno", dichiara l'uomo. 

L'ingegnere capo responsabile dei lavori dice che al momento la priorità è la demolizione degli edifici più pericolanti.

"Il governatorato ci ha chiesto di occuparci prima di quegli edifici che rappresentano un pericolo, quelli che stanno per crollare, quelli che si trovano in una situazione di emergenza", dichiara Murat Sirma. "È di questo che ci stiamo occupando ora. Quasi tutti gli edifici che vedete intorno a noi sono pesantemente danneggiati, quindi saranno distrutti".

Tredici milioni di persone vivono in aree disastrate. Il presidente turco si è impegnato a ricostruire più di 300mila case in un anno.

La sua permanenza alla guida del Paese verrà messa in gioco nelle elezioni legislative e presidenziali del 14 maggio, durante le quali se la vedrà con un'alleanza formata da sei partiti di opposizione, il cui candidato unico sarà il 74enne leader del Chp, Kemal Kilicdaroglu.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Viaggio in Turchia, nelle zone del sisma che due mesi fa ha ucciso 50mila persone

Mitsotakis e Erdogan ad Ankara: continuano i colloqui per normalizzare i rapporti tra i Paesi

Turchia, incidente in funivia: un morto e sette feriti, passeggeri bloccati per circa un giorno