In Turchia è l'ora delle indagini per i responsabili delle case sbriciolate dal terremoto

Dopo il terremoto continuano le indagini sui responsabili di illecito edilizio in Turchia
Dopo il terremoto continuano le indagini sui responsabili di illecito edilizio in Turchia Diritti d'autore AP Photo
Di Gianluca Martucci
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Sono oltre 200 gli arresti, gli indagati per illecito edilizio antisismico sono almeno il triplo

PUBBLICITÀ

Dotati di elmetto protettivo e mascherine chirurgiche le squadre di avvocati che stanno indagando sulle responsabilità dei 46 mila morti del terremoto che ha colpito la Turchia meridionale raccolgono quanti più elementi possibili dalle macerie ancora presenti in strada. Sono almeno 600 le persone indagate per illecito edilizio antisismico, e sono per la maggior parte imprenditori edili e proprietari di immobili.

Diversi giovani avvocati si sono resi volontari per la raccolta del materiale fotografico e l'identificazione delle prove, tutto materiale mandato all'Ordine degli avvocati e messo in archivio per i procedimenti giudiziari. Si corre contro il tempo e si opera prima che le macerie vengano rimosse come lo è stato già in molti casi per diverse ragioni. 

Mentre si opera su più fronti, e soprattutto su quello umanitario, si sopporta lo sciame delle scosse di assestamento ancora in corso. Anche dopo settimane dalla drammatica scossa la regione continua a subire altre scosse minori ma potenti abbastanza da continuare a provocare morti e feriti. Turchia e Siria hanno bisogno di verità, ma anche di pace.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Turchia, attacco terroristico al tribunale di Istanbul: tre morti e sei feriti

Terremoto in Turchia, 700mila ancora senza casa

Turchia: due militanti pro-Gaza prendono ostaggi in una fabbrica del gruppo Procter & Gamble