This content is not available in your region

Bce annuncia scudo anti-spread: borse in rialzo, scende il differenziale

Access to the comments Commenti
Di Euronews  Agenzie:  ANSA
11 marzo 2021, un uomo cammina davanti alla scultura dell'Euro a Francoforte, in Germania
11 marzo 2021, un uomo cammina davanti alla scultura dell'Euro a Francoforte, in Germania   -   Diritti d'autore  Michael Probst/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved

Sono stati pressoché immediati gli effetti del vertice d'emergenza tenuto in mattinata dalla BCE, che ha riunito i suoi governatori per mettere una toppa alla deflagrazione selvaggia dello Spread, che nelle ultime settimane si era andato allargando senza sosta. 

Tra le 15:00 e le 16:00, ora italiana, il differenziale tra Btp italiani e Bund decennali tedeschi è sceso prima a 220 e poi ancora a a 218,9 punti, dopo l'annuncio del mandato conferito ai tecnici per mettere a punto un nuovo scudo 'anti-spread'. In calo di 39 punti il rendimento annuo italiano, che scende al 3,773%.

Nel corso del vertice, la Banca Centrale ha incaricato gli uffici tecnici di "accelerare il completamento di un nuovo strumento anti-frammentazione" da sottoporre poi al Consiglio direttivo. Una risposta che - come riferito dal governatore della Banca centrale portoghese e consigliere BCE Mario Centeno - i Governatori hanno ritenuto "adeguata".

Ieri sera dopo un balzo degli spread e dei rendimenti dei titoli pubblici, specie quelli italiani, Isabel Schnabel, membro del comitato esecutivo della Bce, aveva detto che la banca non avrebbe tollerato "cambiamenti alle condizioni finanziarie che vadano oltre i fondamentali e minaccino la trasmissione della politica monetaria"

 Ma, dopo il vertice, Centeno, in un apparente cenno alla discrepanza fra una svolta nel segno della normalizzazione monetaria e la necessità di continuare a sostenere i debiti con interventi espansivi, ha detto che la politica monetaria "lavora per il medio termine".

I governatori erano stati convocati per sottoscrivere la decisione di usare, in risposta alla deflagrazione dello spread, i reinvestimenti del programma pandemico Pepp (Programma di acquisto per l’emergenza pandemica),  avviato nel marzo 2020 per contrastare l'impatto della crisi sanitaria, mettendo imprese e cittadini in condizioni di ottenere fondi per far fronte all'emergenza- 

Dopo il vertice di oggi, il governatore della Banca d'Olanda e consigliere BCE Klaas Knot ha dichiarato che proprio i reinvestimento del programma Pepp rappresentano ora "la prima linea di difesa contro i rischi di frammentazione finanziaria" evidenziati dagli spread: secondo Knot, la decisione del Consiglio della Bce di chiedere agli uffici tecnici un'accelerazione su uno strumento anti-spread serve per avere opzioni nel caso in cui il programma pandemico non basti.

Intanto, l'annuncio è stato seguito da un immediato allungamento di passo delle principali borse europee: Milano (+2,4%) è la migliore, seguita da Madrid, Francoforte e Londra., in crescita dell'1,2% circa, mentre Parigi resta indietro (+0,99%)