ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Bulgaria: le mille incognite del voto anticipato. Ago della bilancia lo showman Trifonov

Access to the comments Commenti
Di Debora Gandini  & Damian Vodenitcharov Agenzie:  ANSA
euronews_icons_loading
Bulgaria
Bulgaria   -   Diritti d'autore  Diritti d'autore Valentina Petrova/AP
Dimensioni di testo Aa Aa

Manca meno di una settimana dalle elezioni parlamentari anticipate dell'11 luglio prossimo in Bulgaria. Dopo i risultati del voto di aprile e l'impossibilità di formare una nuova maggioranza di governo, si torna alle urne con tutte le misure anti-Covid. Ago della bilancia e grande favorito è il partito "C'è un popolo come questo" fondato dallo showman Slavi Trifonov.

Il celebre conduttore televisivo è rimasto lontano dalle luci delle ribalta dell’agone politico. Ma la sua voce si è fatta sentire tra il popolo. Il suo partito invece ha usato metodi più tradizionali per raggiungere gli elettori, come i classici comizi nelle città. A Razgrad gli spin-doctor di Trifonov hanno elaborato strategie più dettagliate per il governo. Il suo gruppo viene spesso criticato per mancanza di obiettivi e iniziative chiare. Ma una cosa è certa: punta su una netta divisione tra i partiti nuovi e quelli tradizionali.

Toshko Yordanov, vicepresidente del partito “C'è un popolo come questo” chi spiega che gli altri partiti anti-establishment non dovrebbero essere disposti a lavorare con i partiti conservatori. Noi non lo faremmo mai. Gerb, il Partito Socialista, il Movimento per i Diritti e le Libertà, tutti questi partiti non dovrebbero accettare una coalizione con altre formazioni.”

Dopo le elezioni di aprile, la formazione politica “C'è un popolo come questo” non ha voluto tentare di formare il governo a causa di alleanze troppo complicate. Intanto secondo i sondaggi il parlamento resterà decisamente diviso e frammentato anche dopo il voto di questo fine settimana.

"Il punto di forza di un governo è essere in grado di svolgere il suo lavoro”, prosegue Toshko Yordanov . “Io non so cosa accadrà stavolta. Sono consapevole che tutti vogliono sapere quale sarà la nostra prossima mossa, ma prima dobbiamo vedere i risultati. Poi decideremo cosa fare".

Il celebre conduttore e ora politico Slavi Trifonov non si è candidato per il parlamento. Una mossa questa che aggiunge un’ulteriore incertezza sull’esito delle elezioni e sulle prospettive future del governo.

Un voto dalle mille incognite

Secondo le ultime stime, l'affluenza alle urne potrebbe attestarsi al 50-55%. Favorito nei sondaggi sembra essere di nuovo il partito conservatore Gerb dell'ex premier Boyko Borissov, che fino al 4 aprile era al governo da quasi dieci anni.

Gerb, in coalizione con il partito di destra "Unione delle forze democratiche" (Sds), avrebbe però poche probabilità di raccogliere i voti sufficienti per ottenere la maggioranza in parlamento. Quindi è poco probabile che riesca a formare una coalizione di governo con altri partiti. Al secondo posto i sondaggi collocano il neocostituito partito 'C'è un popolo come questo' dello showman televisivo Slavi Trifonov, seguito dal Partito socialista bulgaro (Bsp), tradizionale rivale del Gerb. Il mandato del parlamento bulgaro è di quattro anni.