ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Karabakh: gli azeri tornano ad Agdam, l'Hiroshima del Caucaso

euronews_icons_loading
Karabakh: gli azeri tornano ad Agdam, l'Hiroshima del Caucaso
Diritti d'autore  AP/Azerbaijan's Presidential Press Office
Dimensioni di testo Aa Aa

A due settimane dalla tregua tra Azerbaigian ed Armenia in Nagorno Karabakh, gli azeri gradualmente prendono possesso dei territori una volta controllati dagli armeni e ora passati sotto il controllo di Baku.

Anche a Dadivank, come in altri distretti, gli armeni lasciano le case in cui hanno vissuto per decenni. Alcuni scelgono di smantellare tutto e portano con sé ogni oggetto di valore. "Vivevamo qui da 25 anni - racconta Grigory Grigoryan - abbiamo costruito una casa. E ora è molto difficile per noi andarcene, lasciare questo villaggio dove i miei figli sono cresciuti e sono andati a scuola".

Vivevamo qui da 25 anni, abbiamo costruito una casa. E ora è molto difficile per noi andarcene, lasciare questo villaggio dove i miei figli sono cresciuti e sono andati a scuola
Grigory Grigoryan
armeno, residente di Dadivank

Le rovine di Agdam da importante centro culturale a Hiroshima del Caucaso

Altrove, là dove gli armeni lasciano i loro villaggi, ritornano gli azeri esattamente in quei luoghi da cui, a loro volta, fuggirono nel pieno del conflitto degli anni 90. Succede ad Agdam, ad esempio, città simbolo della distruzione, conosciuta come l'Hiroshima del Caucaso, città depredata e rasa al suolo dagli armeni durante la guerra di 3 decenni fa. Era un importante centro culturale, Khayal Agayev, rifugiato di Agdam, ci torna e non riconosce più nulla: dopo trent'anni le macerie sono ancora lì. Tra le rovine, un emblema duraturo della comunità azera; i minareti della moschea di Agdam. Gli azeri dicono che la maggior parte del sito è stata distrutta durante il dominio armeno per essere poi usato come fienile. Ora è stato ripulito e ha accolto una nuova chiamata alla preghiera dopo 28 anni.

Dopo aver rivendicato il controllo di Agdam, le autorità azere hanno avviato il compito di sminamento dell'area. Dicono che il lavoro di ricostruzione richiederà anni per essere completato. Nel frattempo, oltre 100.000 persone fuggite da Agdam decenni fa non vedono l'ora di tornare.

Il governo azero si è impegnato per un investimento iniziale di sei miliardi di dollari nella ricostruzione del Karabakh e delle aree circostanti.