ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Il coronavirus arriva in Francia

euronews_icons_loading
Il coronavirus arriva in Francia
Diritti d'autore
Euronews
Dimensioni di testo Aa Aa

Confermato un terzo caso di coronavirus in Francia.

Oltre 40 i casi mortali finora registrati della malattia che allarma il mondo. Già diverse centinaia gli infetti in Cina.

il numero di casi aumenta con le ore

Sono stati forniti alcuni dati come il fatto che la persona infetta a Bordeaux fosse effettivamente passata dalla città di Wuhan. Malgrado le assicurazioni però, sembbra mancare una coordinazione globale e ogni paese cerca di ffar fronte al rischio in modo diverso. In Italia o Germania ad esempio, alle persone provenienti da certe località viene misurata la temperatura per cercare di prevenire i rischi di contaminazione.

Anche le affermazioni della ministra della salute francese non lasciano spazio a dubbi: "Faremo tutto il possibile per contenere l'epidemia, ma sappiamo che è possibile, amzi probabile che ci saranno altri casi in Europa. Per il semplice fatto che non siano stati registrati non vuol dire che non esistano".

Intanto Wuhan, primo focolaio della malattia, è diventata un luogo-fantasma. Una città di oltre dieci milioni di abitanti sembra essersi spopolata anche se la gente cerca di vivere in modo normale.

Dice una donna: "Non ho paura Cercherò di non uscire per qualche giorno, ma visto che la città è in quarantena ritengo che sia qualcosa di serio".

Un uomo aggiunge: "Dobbiamo cercare di vivere normalmente e trovare cibo".

Quello che inquieta è il fatto che, malgrado il relativamente basso numero di contaminati, la Cina abbia deciso di mettere in quarantena oltre cinquanta milioni di abitanti e costruire, in appena dieci giorni, un ospedale con migliaia di posti letto per arginare l'epidemia. D'altro canto il fatto che la malattia non venga ancora qualificata come pandemia è però un fatto positivo.

Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.