EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Corte dei conti Ue: "I controlli sulla spesa per la coesione sono inefficaci"

Zahara de la Sierra, Spagna
Zahara de la Sierra, Spagna Diritti d'autore Unsplash/David Vives
Diritti d'autore Unsplash/David Vives
Di Paula Soler
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

I fondi di coesione mirano a ridurre le disparità sociali ed economiche tra le regioni, ma secondo i revisori sia la Commissione che gli Stati membri non riescono a supervisionare adeguatamente la loro spesa

PUBBLICITÀ

La Corte dei conti europea ha espresso un duro giudizio sui controlli effettuati dalla Commissione europea e dagli Stati membri sulla spesa per la coesione. Si tratta di fondi specifici destinati allo sviluppo e al rilancio dei territori, che rappresentano un terzo del budget pluriennale dell'Ue (oltre 400 miliardi di euro nel periodo 2014-2020).

Secondo la corte il sistema di controllo dell'Ue non è riuscito negli ultimi anni a contenere in modo significativo gli errori di spesa, il che significa che i fondi per la coesione non vengono spesi secondo le norme comunitarie e nazionali. "I sistemi di controllo della Commissione e degli Stati membri non sono abbastanza solidi", ha dichiarato a Euronews Helga Berger, il principale revisore dei conti.

Nel ciclo di bilancio 2014-2020 il tasso di errore complessivo nella spesa per la coesione è sceso dal 6% al 4,8%: un miglioramento, ma ancora ben al di sopra della soglia del 2%. "Il sistema dovrebbe prevenire gli errori, ma se gli errori si verificano il sistema dovrebbe aiutare a rilevarli e a correggerli", ha osservato Berger, indicando un sostanziale margine di miglioramento nella politica di coesione.

Esistono tre livelli di controllo sui fondi di coesione dell'Ue. In primo luogo la spesa per la coesione viene controllata dalle autorità di gestione nazionali, poi dalle autorità di audit degli Stati membri e infine dalla Commissione, che è responsabile in ultima istanza dell'attuazione del bilancio dell'Ue.

Nonostante questi livelli di supervisione, i revisori esterni della Corte dei conti europea hanno riscontrato altri 171 casi di errori, 170 dei quali avrebbero potuto essere evitati dalle autorità di controllo. Spagna, Germania e Portogallo hanno riscontrato un numero sproporzionato di errori rispetto ai fondi ricevuti. "Riteniamo che questi tre Stati membri in particolare debbano rafforzare la capacità di individuazione delle loro autorità di audit, con il sostegno della Commissione", si legge nel rapporto.

I revisori dell'Ue hanno individuato tre cause alla base delle irregolarità nella spesa per la coesione: gestione inadeguata da parte degli Stati membri, negligenza o sospetta inadempienza intenzionale da parte dei beneficiari e problemi di interpretazione delle norme. "Le autorità di gestione sono decisive in questo caso", ha sottolineato Berger. I revisori hanno stimato che le autorità di gestione nazionali avrebbero potuto evitare più di un terzo degli errori riscontrati tra il 2017 e il 2022.

La Commissione europea ha del" lavoro da fare"

Durante la campagna per il secondo mandato la presidente della Commissione Ursula von der Leyen si è impegnata a semplificare il bilancio dell'Ue, eliminare le ridondanze e migliorare l'efficienza. Von der Leyen ha persino accennato alla possibilità di collegare le centinaia di miliardi di fondi di coesione alle riforme economiche.

Tuttavia, i revisori dei conti dell'Ue hanno avvertito che la Commissione deve migliorare i suoi strumenti per individuare, prevenire e correggere gli errori nella spesa per la coesione, in modo da rendere questi fondi più efficaci.

I revisori, ad esempio, raccomandano di fornire indicazioni più chiare agli Stati membri, di semplificare le regole e di effettuare maggiori controlli di conformità. "La Commissione attualmente si sta concentrando sui controlli a tavolino", ha detto Berger, sottolineando che questi sono insufficienti per individuare le spese errate.

Per Berger serve un maggior numero di controlli di conformità. "Sia la Commissione che gli Stati membri dovrebbero lavorare fianco a fianco con tutti gli attori del settore per migliorare il sistema", ha concluso il capo revisore.

L'esecutivo dell'Ue non è tenuto a dare una risposta ufficiale alla revisione, come fa con i suoi rapporti di audit, ma i revisori sostengono che, nonostante qualche disaccordo sulla solidità del sistema di controllo, la Commissione concorda sul fatto che il tasso di errore è superiore alla soglia del 2%.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Deficit di bilancio eccessivo, la Commissione europea avverte sette Paesi (tra cui l'Italia)

Elezioni Europee 2024, dibattito candidati leader su bilancio, difesa comune e commercio con la Cina

Francia, la candidata di Renaissance Yaël Braun-Pivet rieletta presidente dell'Assemblea nazionale