EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Il rapporto dell'Ue sui contenuti terroristici online è stato rinviato al 2025

Il regolamento sui contenuti terroristici online è entrato in vigore nel giugno 2022.
Il regolamento sui contenuti terroristici online è entrato in vigore nel giugno 2022. Diritti d'autore Anupam Nath/AP2011
Diritti d'autore Anupam Nath/AP2011
Di Cynthia Kroet
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

La valutazione della Commissione era inizialmente prevista per giugno di quest'anno

PUBBLICITÀ

La pubblicazione del rapporto della Commissione europea sull'efficacia delle norme per combattere i contenuti terroristici online è stata posticipata al 2025 per includere l'attacco di Hamas contro Israele del 7 ottobre dello scorso anno. Lo ha fatto sapere l'esecutivo dell'Ue durante un'interrogazione parlamentare.

Il regolamento sui contenuti terroristici online, entrato in vigore nel giugno 2022, mira a contrastare l'uso improprio dei social media e del dark web da parte dei terroristi per radicalizzare, reclutare e incitare alla violenza.

Rispondendo alle domande di Patrick Breyer, europarlamentare tedesco dei verdi, la commissaria europea per gli Affari interni Ylva Johansson ha dichiarato che l'adozione della relazione di valutazione, inizialmente prevista per giugno, è ora prevista per il secondo trimestre del 2025.

La relazione farà seguito all'adozione del programma di attuazione e monitoraggio, che è stata ritardata, ha sottolineato Johansson, a causa della trasmissione tardiva alla Commissione di informazioni chiave da parte degli Stati membri e dei fornitori di servizi di hosting. "Abbiamo anche ritenuto importante riflettere sull'applicazione del regolamento a seguito dell'attacco terroristico perpetrato da Hamas contro Israele il 7 ottobre 2023", ha aggiunto il Commissario.

In base al regolamento le piattaforme online devono adottare misure per prevenirne l'uso improprio. La normativa Ue è stata ispirata da eventi come gli attacchi terroristici in livestreaming del 2019 a Christchurch, in Nuova Zelanda, e a Buffalo, negli Stati Uniti, nel maggio 2022.

I fornitori di servizi Internet devono rimuovere i contenuti terroristici online entro un'ora dalla ricezione di un ordine di rimozione da parte di un'autorità governativa nazionale. Le autorità possono anche sanzionare le piattaforme in caso di non conformità.

La Commissione ha anche il potere di rimuovere i contenuti in base al Digital Services Act, che è diventato applicabile alle piattaforme online di grandi dimensioni nell'agosto 2023. A dicembre l'esecutivo dell'Ue ha avviato un'indagine su X in seguito alla diffusione di contenuti illegali nel contesto degli attacchi di Hamas contro Israele.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

La spunta blu di X è ingannevole e violerebbe il Dsa, Musk: Da Commissione accordo segreto illegale

La Germania bandisce componenti cinesi dalle reti 5G

Apple apre l'accesso ai pagamenti sugli iPhone e risolve i problemi di concorrenza dell'Ue