EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Panama Papers: assolti i 28 imputati, prove insufficienti

Jürgen Mossack
Jürgen Mossack Diritti d'autore Agustin Herrera/AP - 8 APR 2024
Diritti d'autore Agustin Herrera/AP - 8 APR 2024
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Sono stati assolti i 28 imputati nello scandalo finanziario che fece tremare il mondo della politica e dello spettacolo nel 2016. Da allora, molte cose sono cambiate nel paradiso fiscale di Panama

PUBBLICITÀ

Otto anni dopo la diffusione del database noto come "The Panama Papers" dello studio legale panamense Mossack-Fonseca, sono stati assolti i 28 imputati del caso che ha scatenato uno scandalo finanziario internazionale, tra cui l'avvocato di origine tedesca Jürgen Mossack.

Secondo la motivazione del tribunale competente di Panama City, le prove non erano sufficienti per condannare gli imputati, accusati, tra l'altro, di riciclaggio di denaro attraverso la creazione di 215.000 società di comodo in paradisi fiscali.

Da un lato, la catena di prove era inaffidabile e, dall'altro, le prove erano insufficienti e inconcludenti, ha sentenziato il giudice.

Come sono nati i Panama Papers

I "Panama Papers" sono stati pubblicati nel 2016 da un gruppo di diverse centinaia di giornalisti. Lo scandalo che ne è scaturito ha messo in pericolo molte carriere politiche.

I dati sono stati trasmessi alla Süddeutsche Zeitung e all'International Consortium of Investigative Journalists (ICIJ), con sede negli Stati Uniti, nel 2015. Più di quattrocento giornalisti di oltre cento media hanno partecipato all'inchiesta, i cui risultati sono stati pubblicati nell'aprile 2016.

I documenti rilasciati comprendono 2,6 terabyte di dati. La loro elaborazione è stata avviata da giornalisti sotto il coordinamento dell'International Consortium of Investigative Journalists. I primi risultati sono stati pubblicati nella primavera del 2016 in articoli che hanno scatenato scandali e procedimenti penali in tutto il mondo.

I protagonisti dei Panama Papers

L'elenco comprendeva nomi di miliardari, stelle dello sport e politici. Numerose celebrità sono state coinvolte nello scandalo, tra cui il primo ministro islandese Sigmundur Gunnlaugsson e il primo ministro pakistano Nawaz Sharif.

Dopo la pubblicazione, sono state avviate innumerevoli indagini in tutto il mondo e il sistema bancario offshore panamense ha subito un duro colpo. Ci sono voluti otto anni perché il caso arrivasse in tribunale.

Tra gli imputati figurano Jürgen Mossack e il defunto Ramón Fonseca Mora, i due fondatori dello studio legale. Lo studio legale è sopravvissuto allo scandalo per tre anni ed è stato poi chiuso nel 2018.

Dopo lo scoppio dello scandalo, Panama ha approvato alcune leggi, ma il Paese centroamericano rimane nella lista nera dei paradisi fiscali dell'Unione europea. Dal 2019, l'evasione fiscale a Panama è punibile con pene detentive, ma solo se l'importo supera i 300mila dollari.

Netflix ha prodotto un film sullo scandalo con protagonisti Meryl Streep, Gary Oldman e Antonio Banderas nei ruoli principali.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Austria, un'ereditiera critica verso il sistema fiscale vuole distribuire 25 milioni

Cyprus Confidential, l'inchiesta giornalistica smaschera gli interessi russi nonostante le sanzioni

Alla scoperta di Hong Kong, hub finanziario e culturale