Pianura Padana: l'inquinamento causa gravi rischi per la salute di oltre 16 milioni di italiani

Le mani di Valentina sul tavolo della cucina.
Le mani di Valentina sul tavolo della cucina. Diritti d'autore Daniel Harper
Diritti d'autore Daniel Harper
Di Daniel Harper
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

Il cuore industriale dell'Italia ha una lunga strada da percorrere per raggiungere l'obiettivo dell'Ue di azzerare l'inquinamento atmosferico. Oltre 16 milioni di cittadini sono a rischio

PUBBLICITÀ

Seduta al tavolo della sua cucina a Modena, nella provincia italiana dell'Emilia Romagna, Valentina ripercorre la storia medica della sua famiglia e di quella del marito.

Valentina (54 anni) ha sconfitto un tumore al seno diversi anni fa e suo marito Andrea (55 anni) ha avuto una recente remissione per un tumore al midollo osseo. "È probabile che questa situazione sia aggravata dall'inquinamento", racconta Valentina a Euronews Green.

La Pianura Padana, dove la coppia vive, è uno dei luoghi più inquinati d'Europa in termini di qualità dell'aria. Grandi città come Milano e Torino sono fortemente inquinate dal traffico e dal riscaldamento interno a legna, oltre che da industrie come l'agricoltura, la meccanica e la ceramica. "La nostra famiglia è toccata da questa situazione. Probabilmente se vivessimo in un'altra contea senza questa distribuzione industriale, sarebbe diverso".

I legami tra inquinamento atmosferico e cattiva salute

Il biossido di azoto, l'ozono e il particolato inalabile (PM) - in particolare il PM10 e il PM2,5 - sono tra i prodotti più dannosi dell'atmosfera. Sono causa di gravi rischi per la salute degli oltre 16 milioni di italiani che vivono nella Pianura Padana.

Secondo i dati diffusi dall'Agenzia europea dell'ambiente (Aea), nel 2021 l'Italia ha registrato 11.282 decessi prematuri dovuti all'esposizione al biossido di azoto, il dato più alto in Europa.

Ilcancro è anche la seconda causa di morte nel Paese, con il cancro ai polmoni che rappresenta il maggior numero di decessi per uomini e donne.

A tobacconist in Modena. Cancer rates are higher in the north of Italy, though people smoke less than in the south.
A tobacconist in Modena. Cancer rates are higher in the north of Italy, though people smoke less than in the south.Daniel Harper

Tasso di mortalità più alto nel Nord Italia

Anche se il Nord è economicamente più ricco, ha un'alimentazione migliore, ha meno fumatori e meno persone in sovrappeso rispetto al sud del Paese, la regione padana mostra un tasso di mortalità più alto per il cancro, ha evidenziato un rapporto dell'Università di Bologna.

"Tutti gli studi affermano in modo inequivocabile che esiste una connessione diretta tra il vivere in un'area altamente inquinata e gli elevati rischi di degenerazione della salute", afferma il professor Signorelli, presidente dell'Associazione delle Scuole di Sanità Pubblica della Regione Europea (ASPHER).

I centri urbani sono particolarmente a rischio: secondo l'AEA, la città di Cremona in Lombardia ha la quarta più alta concentrazione di PM2,5 in Europa.

Anche città come Verona, Padova e Vicenza hanno registrato un aumento del PM2,5 tra il 2018 e il 2022, secondo un rapporto dell'European Data Journalism Network.

Una lotta in salita per le regioni del Po

La geografia che ha permesso all'Italia di industrializzare il Nord è la stessa che ha causato il degrado della qualità dell'aria. Le sue pianure forniscono il 35 per cento della produzione agricola del Paese e ospitano fabbriche di tegole e mattoni.

Circondata dalle Alpi a nord e dalla catena degli Appennini a sud, gli inquinanti atmosferici rimangono intrappolati nella valle. Nelle sue città densamente popolate si forma una concentrazione insalubre.

"La Pianura Padana è caratterizzata da alti livelli di urbanizzazione e da condizioni meteorologiche generalmente sfavorevoli alla dispersione degli inquinanti", spiega Secondo Barbero, direttore generale dell'Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale (ARPA) del Piemonte.

Ciò è particolarmente vero durante l'inverno, quando c'è poco vento e l'aria più fredda e densa si muove più lentamente, intrappolando gli inquinanti nell'atmosfera. Questo maggiore ristagno significa anche che le persone sono esposte a questi inquinanti per un tempo più lungo rispetto all'estate.

"Quindi, ridurre i livelli di inquinamento al di sotto dei limiti stabiliti dalla legislazione europea richiede nella Pianura Padana uno sforzo molto maggiore rispetto ad altre aree", afferma Barbero.

Negli ultimi 20 anni, tuttavia, si sono registrati alcuni miglioramenti. L'abbandono dei combustibili fossili nei trasporti e nei sistemi di riscaldamento domestico ha visto un leggero calo degli inquinanti nell'atmosfera della valle.

Il 2023 ha visto addirittura la quantità di PM10, PM2,5 e biossido di azoto rientrare nei limiti raccomandati a livello nazionale, rendendolo uno degli anni migliori in termini di livelli minimi di PM10 e PM2,5 nell'atmosfera.

È necessaria una campagna di informazione migliore

Come molti, Beatrice Bos vuole vedere un cambiamento. Capogruppo dell'organizzazione Our Youth 4 Climate Milano, si occupa di educare i giovani alle tematiche ambientali a Milano e in Lombardia.

PUBBLICITÀ

"Milano è una città con grandi problemi di inquinamento, ma nessuno è veramente consapevole del suo stato critico, soprattutto rispetto ad altre zone d'Europa", spiega.

L'importanza della regione non può essere sottovalutata. Con un terzo della popolazione italiana e quasi la metà del Pil generato lì, non c'è da stupirsi che le istituzioni nazionali e le aziende private non siano ansiose di sottolineare quanto questa produttività possa essere dannosa per la popolazione del Po.

Ma l'azione climatica richiede un cambiamento. Secondo un rapporto di una commissione del ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, è necessario un investimento aggiuntivo di 16 miliardi di euro per ridurre le emissioni del 55% entro il 2030 e raggiungere lo zero netto entro il 2050.

"Sicuramente la maggior parte della popolazione è consapevole dei pericoli di questo inquinamento", afferma Barbara Meggetto, presidente della sezione Lombardia di Legambiente.

Legambiente è la più grande onlus ambientale in Italia, che finanzia la ricerca e promuove politiche ambientali più ambiziose all'interno del governo regionale e nazionale.

PUBBLICITÀ

"La comunicazione istituzionale ha sempre evitato di mettere i cittadini di fronte alle cause, proprio per non incidere sui comportamenti d'acquisto e sulle abitudini di mobilità", afferma l'esperta, "fornendo di fatto una sorta di alibi istituzionale rispetto alla necessità di sviluppare una mobilità più sostenibile di persone e merci".

La segretaria della sezione Emilia Romagna di Legambiente, Paola Fagioli, concorda sul fatto che "è necessaria una migliore campagna di informazione".

In seguito all'approvazione della direttiva sulla qualità dell'aria ambiente, avvenuta a febbraio da parte dell'Ufficio europeo dell'ambiente, l'Ue mira ora a ridurre il più possibile l'inquinamento atmosferico, fino a raggiungere lo zero netto entro il 2050.

La Pianura Padana italiana sta lottando contro i suoi vincoli geologici, meteorologici, politici ed economici per riuscirci.

A Modena, Valentina bacia Andrea, che ha lavorato come ingegnere elettrico per la maggior parte della sua vita ed è da poco uscito da due anni di visite in ospedale per il suo cancro.

PUBBLICITÀ

"È difficile dimostrare il legame tra l'inquinamento e il nostro cancro. Se dimostrassero questo legame, dovrebbero chiudere molte aree", dice.

Valentina alza le spalle con un mezzo sorriso: "Non c'è abbastanza ricerca".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

L'inquinamento atmosferico influenza la concentrazione dei bambini

Quanto sono verdi i programmi dei partiti in lizza alle elezioni europee

Svezia, il futuro del clima e dell'energia rinnovabile passa dalle turbine eoliche in legno