EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Il viaggio verso il successo di Sonya Yoncheva: "È importante superare i limiti"

In collaborazione con
Il viaggio verso il successo di Sonya Yoncheva: "È importante superare i limiti"
Diritti d'autore euronews
Diritti d'autore euronews
Di Katharina Rabillon
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articolo
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Di recente il soprano bulgaro si è esibito a Milano e Vienna in due dei ruoli più ambiti: Maddalena di Coigny nell'Andrea Chénier di Giordano e Cio Cio-san nella Madama Butterfly di Puccini. Euronews l'ha seguita per vedere come si prepara per il debutto in un ruolo

Sonya Yoncheva è uno dei più grandi soprani del nostro tempo. Di recente si è esibita a Milano e Vienna, interpretando due dei ruoli più ambiti nel repertorio di un soprano. "Penso che per un artista sia sempre importante superare i propri limiti e cercare sempre nuove parti", ha detto il soprano bulgaro a Euronews, che l'ha seguita dietro le quinte per scoprire come si prepara al debutto in un ruolo.

"Imparo le mie partiture praticamente da sola - dice Yoncheva -. Mi piace questo processo. Vado nel mio piccolo studio e suono la partitura al pianoforte, mi aiuta molto. È un momento molto intimo perché posso provare diversi colori". Alla Scala di Milano Yoncheva ha interpretato un'eroina tragica, Maddalena di Coigny, nell'opera Andrea Chénier di Umberto Giordano. La prima è stata preceduta da un intenso programma di prove.

Euronews
Sonya Yoncheva è uno dei più celebri soprani al mondo: a lanciare la sua carriera la vittoria nell'edizione 2010 di OperaliaEuronews

Una delle tappe di avvicinamento più importanti è la prima prova con l'orchestra in uno studio. "È molto importante per tutti noi - dice Yoncheva -. Quando sei sul palco e vedi l'orchestra laggiù, con il maestro, non si ha lo stesso contatto che si ha nello studio, dove si possano provare i diversi colori e i diversi modi di respirare. Lo studio invece è un luogo sicuro, possiamo permetterci di sbagliare e di non essere perfetti. Questa è una prova molto importante".

La fase successiva è quella delle prove sul palcoscenico. I cantanti prendono confidenza con il set e si esercitano nelle entrate e nelle uscite. Il dramma racconta la storia del poeta rivoluzionario Andrea Chénier, che si innamora di Maddalena. "Sono davvero colpita dal suo modo di amare - dice il soprano -. Il suo amore per quest'uomo è puro, lo ama con tutto il suo cuore. Alla fine dell'opera vedremo che, fondamentalmente, ha scelto di non vivere senza di lui. Quindi muore con lui, anche se non avrebbe dovuto".

Nel 1896 il compositore italiano Umberto Giordano presentò con grande successo il suo capolavoro alla Scala. Il teatro milanese è un posto speciale anche per Sonya: è qui che ha vinto il concorso canoro Operalia, che l'ha portata alla celebrità nel 2010. Oggi è tra i più celebri soprani del mondo e canta un vasto repertorio.

Qualche settimana più tardi, mentre si stava ancora esibendo a Milano, Yoncheva ha cominciato a prepararsi per uno dei ruoli più ambiti nel repertorio di un soprano: Madama Butterfly di Puccini. Per immergersi nella storia di questo ruolo così impegnativo e trovare ispirazione il soprano ha visitato l'archivio storico Ricordi, considerato la più importante collezione della storia dell'opera italiana: raccoglie 200 anni di musica, da Verdi a Rossini e Puccini.

"La collezione di Puccini è probabilmente la più ricca e completa - dice Pierluigi Ledda, managing director dell'archivio -. Abbiamo le partiture autografe ma anche i disegni dei costumi e le scenografie, spesso delle prime mondiali delle sue opere. Quindi siamo davvero in grado di ricostruire come sono stati realizzati questi capolavori".

Euronews
Sonya Yoncheva ha interpretato Cio Cio-san, protagonista principale in Madama Butterfly di PucciniEuronews

"È molto interessante per me vedere le note del compositore che spiegano come devo stare in scena. Ora ho un'arma in più quando discuto con i direttori di scena: 'No, no, no: Pucchini ha detto così'". Madama Butterfly è uno dei ruoli fondamentali dell'opera: Yoncheva ha interpretato il ruolo della geisha Cio Cio-san al Teatro dell'Opera di Vienna.

"È molto difficile per me nascondere le lacrime quando leggo e studio questa opera dice Yoncheva -. Ho provato a cantarla molte volte a casa ed è stato impressionante vedere quanta emozione c'è. È estremamente fragile emotivamente, ma allo stesso tempo incredibilmente forte. Penso che per un artista sia sempre importante superare i limiti e cercare sempre nuove parti. Trovare nuovi colori. È fantastico".

Condividi questo articolo

Notizie correlate

Morto Tony Bennett, il crooner statunitense aveva 96 anni

Hankyeol Yoon ha vinto l'edizione 2023 del Premio Herbert von Karajan

Al Festival di Salisburgo un concorso unico per aspiranti direttori d'orchestra