EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Morto Tony Bennett, il crooner statunitense aveva 96 anni

Tony Bennett
Tony Bennett Diritti d'autore Evan Agostini/2019 Invision
Diritti d'autore Evan Agostini/2019 Invision
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Morto Tony Bennett, 96 anni. L'ultimo crooner statunitense. Nella sua lunga carriera ha vinto, tra gli altri premi, 20 Grammy Awards e ha realizzato più di 70 album

PUBBLICITÀ

Tony Bennett, il celebre crooner statunitense, la cui devozione alle canzoni classiche americane e l'abilità nel creare nuovi standard  hanno contraddistinto una carriera pluridecennale  è morto venerdì. Aveva 96 anni. Mancavano due settimane dal suo compleanno.

La pubblicista Sylvia Weiner ha confermato la morte di Bennett all'Associated Press, dicendo che è morto nella sua città natale, New York. Non c'è stata una causa specifica, ma a Bennett era stato diagnosticato l'Alzheimer nel 2016.

Ultimo dei grandi catanti da sala della metà del XX secolo, Bennett ha spesso affermato che la sua ambizione di sempre era quella di creare "un catalogo di successi piuttosto che dischi di successo". Ha pubblicato più di 70 album, che gli hanno fruttato 20 Grammy - tutti tranne due dopo i 60 anni - e ha goduto di un affetto profondo e duraturo da parte dei fan e degli altri artisti.

Il tenore che canta come un baritono

Quando si esibiva, Bennett non raccontava la sua storia, ma lasciava che fosse la musica a parlare: i Gershwin e Cole Porter, Irving Berlin e Jerome Kern. A differenza del suo amico e mentore Sinatra, interpretava una canzone piuttosto che incarnarla. Se il suo modo di cantare e la sua vita pubblica non avevano l'alta drammaticità di Sinatra, Bennett affascinava con un modo facile e cortese e una voce insolitamente ricca e durevole - "Un tenore che canta come un baritono", si definiva - che lo rendeva un maestro nell'accarezzare una ballata o nel ravvivare un numero up-tempo.

"Mi piace intrattenere il pubblico, fargli dimenticare i problemi", ha dichiarato all'Associated Press nel 2006. "Penso che le persone... si sentano toccate se ascoltano qualcosa di sincero e onesto e magari con un po' di senso dell'umorismo... Mi piace far sentire bene le persone quando mi esibisco".

Bennett è stato elogiato spesso dai suoi colleghi, ma mai in modo più significativo di quanto disse Sinatra in un'intervista del 1965 alla rivista Life: "Tony Bennett è il miglior cantante del settore. Mi emoziona quando lo guardo. Mi commuove. È il cantante che riesce a trasmettere ciò che il compositore ha in mente, e probabilmente anche qualcosa di più".

Le collaborazioni illustri

Non solo è sopravvissuto all'ascesa della musica rock, ma ha resistito così a lungo e così bene che ha guadagnato nuovi fan e collaboratori, alcuni abbastanza giovani da essere suoi nipoti. Nel 2014, all'età di 88 anni, Bennett ha battuto il suo stesso record di più anziano interprete vivente con un album al numero 1 della classifica Billboard 200 con "Cheek to Cheek,", il suo progetto di duetti con Lady Gaga.

Tre anni prima, aveva raggiunto la vetta delle classifiche con "Duets II", con la partecipazione di star contemporanee come Gaga, Carrie Underwood e Amy Winehouse, alla sua ultima registrazione in studio. Il suo rapporto con la Winehouse è stato immortalato nel documentario "Amy", candidato all'Oscar, che mostra Bennett mentre incoraggia pazientemente la giovane cantante insicura durante l'esecuzione di "Body and Soul".

Il suo ultimo album, "Love for Sale" del 2021, contiene duetti con Lady Gaga nella title track, in "Night and Day" e in altre canzoni di Porter.

Per Bennett, uno dei pochi interpreti a muoversi agevolmente tra pop e jazz, queste collaborazioni facevano parte della sua crociata per esporre un nuovo pubblico a quello che lui chiamava il Great American Songbook.

"Nessun Paese ha dato al mondo una musica così grande", ha detto Bennett in un'intervista del 2015 alla rivista Downbeat. "Cole Porter, Irving Berlin, George Gershwin, Jerome Kern. Queste canzoni non moriranno mai".

La lunga carriera

Ironia della sorte, il suo contributo più famoso è arrivato grazie a due sconosciuti, George Cory e Douglass Cross, che nei primi anni '60 fornirono a Bennett la sua canzone simbolo in un momento in cui la sua carriera era in fase di stallo. I due diedero al direttore musicale di Bennett, il pianista Ralph Sharon, alcuni spartiti che il pianista mise in un cassetto del comò e di cui si dimenticò fino a quando non fece i bagagli per una tournée che prevedeva una tappa a San Francisco.

Ralph vide alcuni spartiti nel cassetto delle sue camicie e in cima alla pila c'era una canzone intitolata "I Left My Heart In San Francisco". "Ralph pensò che sarebbe stato un buon materiale per San Francisco", racconta Bennett. "Stavamo provando e il barista del locale di Little Rock, in Arkansas, disse: "Se registrate questa canzone, sarò il primo a comprarla"".

Pubblicata nel 1962 come lato B del singolo "Once Upon a Time", la ballata riflessiva divenne un fenomeno di base rimanendo in classifica per più di due anni e facendo guadagnare a Bennett i suoi primi due Grammy, tra cui quello per il disco dell'anno.

All'inizio dei suoi 40 anni, era apparentemente fuori moda. Ma dopo aver compiuto 60 anni, un'età in cui anche gli artisti più popolari spesso si accontentano di accontentare i loro fan più anziani, Bennett e suo figlio e manager, Danny, hanno trovato modi creativi per far amare il cantante alla MTV Generation.

Ha fatto delle apparizioni come ospite al "Late Night with David Letterman" ed è diventato una celebrità ospite de "I Simpson". Indossò una maglietta nera e occhiali da sole come presentatore dei Red Hot Chili Peppers agli MTV Music Video Awards del 1993, e il suo video di "Steppin' Out With My Baby", tratto dal suo album tributo a Fred Astaire vincitore di un Grammy, finì sul "Buzz Bin" di MTV.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Il viaggio verso il successo di Sonya Yoncheva: "È importante superare i limiti"

Avviso ai naviganti: musica troppo alta in spiaggia? in Portogallo, multa fino a 36.000 euro

Alla poetessa romena Ana Blandiana il Premio Principessa delle Asturie 2023 per la letteratura