EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Francia, coabitazione o governo di minoranza: un rischio per la stabilità dell'Ue

Il presidente francese Emmanuel Macron, a destra, parla con la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen durante una tavola rotonda in occasione di un vertice dell'UE a Bruxelles, giovedì giugno.
Il presidente francese Emmanuel Macron, a destra, parla con la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen durante una tavola rotonda in occasione di un vertice dell'UE a Bruxelles, giovedì giugno. Diritti d'autore Olivier Hoslet/Copyright 2024 The AP. All rights reserved.
Diritti d'autore Olivier Hoslet/Copyright 2024 The AP. All rights reserved.
Di Sergio Cantone
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

Il puzzle politico francese è destinato a influenzare l'arena politica dell'Ue. Una coabitazione o un governo di minoranza potrebbero rallentare gli impegni su questioni fiscali e altre misure urgenti. Bisogna vedere se l'asse franco-tedesco reggerà

PUBBLICITÀ

Le elezioni legislative francesi avranno un impatto sulla politica dell'Ue negli anni a venire.

La vittoria dell'estrema destra, la sconfitta elettorale della maggioranza del presidente Emmanuel Macron e la relativa crescita del Nuovo Fronte Popolare (Nfp), appena formatosi dopo il primo turno elettorale di domenica scorsa, hanno aperto interrogativi sulla composizione del prossimo governo francese, in particolare sulla sua capacità di attenersi a una politica comunitaria costruttiva.

La coabitazione forzata tra Macron e un primo ministro di un altro colore politico o un governo di minoranza sono entrambe soluzioni che difficilmente rassicurerebbero i partner della Francia nell'Unione, in particolare la Germania.

Le altre coabitazioni nella storia della politica francese

Eppure, non sarebbe la prima volta che la Francia ha una coabitazione tra un presidente e un primo ministro rivali. È già successo tre volte. Tra il 1986 e il 1988, il presidente era il socialista François Mitterand, mentre il primo ministro era il neogollista Jacques Chirac, che all'epoca non era proprio un euro-entusiasta.

Nonostante i rapporti piuttosto conflittuali sulle competenze del presidente e del primo ministro in materia di politiche internazionali ed europee, alla fine la Francia riuscì a cooperare con successo con i suoi partner dell'allora Comunità europea per creare il mercato unico. Mitterand prevalse sul suo rivale Chirac nelle elezioni del 1988.

Fu sempre Mitterand a presiedere la seconda coabitazione tra il 1993 e il 1995, con il neogollista Édouard Balladur come premier.

Il presidente era un socialista e il primo ministro un conservatore; tuttavia, raramente entrarono in conflitto, soprattutto sulle questioni politiche dell'Ue. Mitterand era malato e questa seconda coabitazione avvenne alla fine del suo ultimo mandato e della sua carriera politica.

Il presidente francese Jacques Chirac, il ministro degli Esteri Hubert Vedrine e il primo ministro francese Lionel Jospin, da sinistra a destra
Il presidente francese Jacques Chirac, il ministro degli Esteri Hubert Vedrine e il primo ministro francese Lionel Jospin, da sinistra a destraJEROME DELAY/AP

Poi, tra il 1997 e il 2002, la Francia entrò in un altro periodo di coabitazione, quando il campo conservatore di Chirac perse le elezioni parlamentari dopo uno scioglimento tattico della camera bassa del Parlamento. Chirac rimase presidente e il socialista Lionel Jospin divenne premier dopo aver conquistato la maggioranza parlamentare con la Sinistra Plurale, una coalizione che comprendeva i comunisti e i verdi.

I due uomini erano spesso in conflitto. Entrambi partecipavano ai vertici del Consiglio dell'Ue, creando una sorta di eccezione à la française, in cui un presidente e un primo ministro dello stesso Paese sedevano insieme alla tavola rotonda.

Ci sono stati ostacoli costituzionali riguardanti la ripartizione delle competenze tra il capo di Stato e il governo sulle questioni di politica estera e comunitaria e una costante campagna elettorale tra Chirac e Jospin. Ciononostante, la coabitazione francese del 1997-2002 ha contribuito al lancio dell'euro, alla creazione di due importanti trattati Ue - Amsterdam nel 1997 e Nizza nel 2000 - e all'avvio dei negoziati per il più grande allargamento della storia dell'Ue.

Perché questa volta la coabitazione in Francia sarebbe diversa

Innanzitutto, c'è una profonda frattura ideologica. Attualmente, il ruolo dei partiti radicali è più forte rispetto alle esperienze passate e l'arena politica è profondamente polarizzata.

In caso di coabitazione, il liberale europeista Emmanuel Macron dovrà condividere le decisioni sugli orientamenti politici della Francia o con l'estrema destra, se domenica 7 luglio il Fronte Nazionale otterrà la maggioranza assoluta, o con alcuni elementi radicali del Nuovo Fronte Popolare in caso di una vittoria elettorale con un minore vantaggio dell'estrema destra.

Entrambe le forze politiche sono lontane dall'essere partiti mainstream. E lo spazio dell'azione presidenziale in caso di coabitazione è politicamente e tecnicamente limitato.

"Una particolarità di questa coabitazione, rispetto alle tre precedenti, è che una volta che il governo è in carica, sa che Macron non può provocare un altro secondo scioglimento dell'Assemblea nazionale prima dell'estate 2025. Quindi, questo limita davvero il potere del presidente sul primo ministro, perché Macron non potrà premere di nuovo il pulsante nucleare dello scioglimento per bloccare il primo ministro, almeno per un anno", spiega a Euronews Sébastien Maillard, analista della fondazione Jacques Delors di Parigi.

Sostenitori dell'estrema destra francese DI Marine Le Pen dopo la pubblicazione delle proiezioni basate sull'effettivo conteggio dei voti in alcune circoscrizioni 30/06/2024
Sostenitori dell'estrema destra francese DI Marine Le Pen dopo la pubblicazione delle proiezioni basate sull'effettivo conteggio dei voti in alcune circoscrizioni 30/06/2024Thibault Camus/Copyright 2024 The AP. All rights reserved.

Inoltre, il presidente e il primo ministro non potrebbero partecipare insieme ai Consigli dell'Ue. Il Domaine Reservé è una pratica francese che consente al presidente di gestire la politica estera, ma non è una prerogativa costituzionale. Pertanto, la partecipazione ai vertici internazionali e ai Consigli europei potrebbe essere motivo di conflitto tra il presidente e il capo del governo.

PUBBLICITÀ

"Non immagino che Macron lasci il posto al primo ministro. Tuttavia, egli sa che secondo le regole del Consiglio europeo deve esserci una sola persona nella sala in rappresentanza di ogni Stato membro. Macron manterrebbe il suo posto e credo che si farebbe sentire", afferma Sébastien Maillard.

Altri Paesi dell'Ue potrebbero chiedere lo stesso diritto. In Polonia, ad esempio, c'è una coabitazione tra il primo ministro del Ppe Tusk e il presidente di Diritto e Giustizia (Ecr) Duda, due diretti rivali sia nell'arena politica interna polacca che a livello europeo.

Tuttavia, le politiche del presidente saranno compatibili con gli interessi del potenziale primo ministro rivale? Tutte le forze politiche coinvolte nel processo avranno come obiettivo primario le elezioni presidenziali del 2027.

Il cancelliere tedesco Olaf Scholz, a destra, e il presidente francese Emmanuel Macron nel giardino della foresteria del governo tedesco a Meseberg, in Germania
Il cancelliere tedesco Olaf Scholz, a destra, e il presidente francese Emmanuel Macron nel giardino della foresteria del governo tedesco a Meseberg, in GermaniaEbrahim Noroozi/Copyright 2024 The AP. All rights reserved

L'Ue è stata fonte di aspre controversie negli anni di Macron.

PUBBLICITÀ

Il Green Deal, il pacchetto asilo, la legislazione sulla migrazione e le riforme dell'agricoltura sono tutte politiche dell'Ue che devono ancora essere attuate. Nel caso di una coabitazione con un primo ministro di estrema destra, la loro adozione potrebbe innescare grandi conflitti istituzionali e politici all'interno delle istituzioni francesi, mettendo il processo dell'Ue in una situazione di stallo.

"Potrebbero esserci molto più che semplici divergenze con la Commissione. Sarebbe un po' un atteggiamento alla Orban, soprattutto se il governo (quello potenziale di estrema destra) non rispetterà il primato del diritto dell'Ue sul diritto nazionale", afferma Sebastien Maillard.

La questione fiscale potrebbe essere un test mortale per il prossimo governo francese

La settimana scorsa la Commissione europea ha proposto una procedura per deficit eccessivo nei confronti della Francia e di sei Paesi come Italia, Belgio e altri. Secondo Eurostat, il deficit pubblico francese è aumentato dal 4,8 per cento del Pil nel 2022 al 5,5 per cento nel 2023.

L'organo esecutivo dell'Ue ha dichiarato che gli sforzi delle finanze pubbliche sono stati finora adeguati per contenere il debito pubblico, ma la Francia deve ancora impegnarsi. Sembra un avvertimento contro la prossima instabilità governativa. I problemi di finanza pubblica potrebbero diventare una fonte di tensioni tra la maggioranza presidenziale indebolita e un governo di destra o di sinistra.

PUBBLICITÀ

La crisi politica francese, legata a una travagliata convivenza con la destra o la sinistra o a un governo di minoranza in cerca di voti casuali in parlamento, potrebbe ritardare alcune riforme e politiche chiave riguardanti le strategie economiche e monetarie dell'Ue negli anni a venire. Secondo Wouters Wolf, docente di Politica dell'Ue presso la Ku Leuven: "Nei prossimi anni saranno necessari molti investimenti in Europa. La domanda è: i leader europei avranno il coraggio di fare questi investimenti e di trovare i meccanismi, i soldi, per assicurare questi investimenti?".

"Se avete leader che sono sotto pressione nei loro Paesi, che sono anche sotto pressione in termini di bilancio, di risorse finanziarie, soprattutto in Francia, risponderanno a un'aspettativa con molta incertezza politica, che metterà sotto pressione le finanze pubbliche francesi".

Euro
Euro MATTHIAS RIETSCHEL/AP2009

Le politiche di rilancio dell'economia dell'Ue richiederanno maggiori investimenti pubblici in molti settori, dall'industria della difesa a quella manifatturiera ad alta tecnologia e all'ambiente. Per finanziare politiche così ambiziose, l'Ue dovrà cambiare il proprio modello di finanza pubblica.

Gli Stati membri dell'Ue, in particolare Francia e Germania, dovranno rafforzare ulteriormente la loro tradizionale cooperazione.

PUBBLICITÀ

"Un tale compromesso e una posizione comune sono ancora possibili in un contesto politico in cui sia il governo tedesco che quello francese sono sotto pressione? Il cancelliere tedesco, Olaf Scholz, farà qualche concessione quando si sentirà minacciato da altri partiti anche nelle elezioni regionali?".

"Un governo tecnocratico potrebbe effettivamente depoliticizzare alcune di queste questioni, forse assumersi la responsabilità anche di alcune riforme che devono essere fatte, e quindi penso che sarebbe lo scenario migliore. Il problema è, ovviamente, che la Francia non ha necessariamente una tradizione di questo tipo. E la domanda è fino a che punto ciò sia possibile. Questo sarà possibile solo dopo un paio di mesi di instabilità, credo, e di incapacità di arrivare a una soluzione politica specifica. Ma alla fine dei conti, questo potrebbe essere lo scenario migliore per la Francia e per l'Europa nel suo complesso", conclude Wouters Wolf.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Francia: le politiche dell'opposizione potrebbero mettere in discussione gli impegni in Ue

La sinistra francese si mobilita in vista del secondo turno delle legislative

Elezioni legislative francesi: futuro incerto per Macron dopo umiliante sconfitta