EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Riportate tutti a casa: Migliaia di persone a Tel Aviv chiedono il rilascio degli ostaggi di Hamas

Persone protestano contro il governo del primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu e chiedono la liberazione degli ostaggi detenuti a Gaza a Tel Aviv, 15 giugno 2024
Persone protestano contro il governo del primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu e chiedono la liberazione degli ostaggi detenuti a Gaza a Tel Aviv, 15 giugno 2024 Diritti d'autore Maya Alleruzzo/Copyright 2024 The AP All rights reserved
Diritti d'autore Maya Alleruzzo/Copyright 2024 The AP All rights reserved
Di Euronews Agenzie:  AP
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

Dall'inizio dell'offensiva israeliana a Gaza, più di 100 ostaggi sono stati rilasciati durante una tregua di una settimana nel novembre dello scorso anno. Ma gli sforzi per trovare un nuovo accordo di tregua che includa uno scambio di ostaggi israeliani con prigionieri palestinesi si sono arenati

PUBBLICITÀ

Migliaia di persone hanno protestato a Tel Aviv per chiedere al governo israeliano di fare di più per garantire il rilascio degli ostaggi ancora detenuti da Hamas a Gaza.

Le proteste settimanali hanno anche una componente antigovernativa: molti chiedono che il primo ministro Benjamin Netanyahu convochi nuove elezioni e si faccia da parte.

"Non sono pronto a vivere in un mondo pieno di morte. Non sono pronto a vivere in un Paese con un governo che ci manda a stabilirci nei confini e a combattere nelle guerre e alla fine ci abbandona. Non sono pronto a vivere senza un padre", ha detto Ofer Kalderon, figlio di Rotem Kalderon, uno degli ostaggi catturati da Hamas.

Hamas ha lanciato un'incursione nel sud di Israele lo scorso ottobre, uccidendo circa 1.200 persone e prendendone altre 250 in ostaggio.

Nessun accordo tra Israele e Hamas per liberare gli ostaggi all'orizzonte

Da quando Israele ha lanciato la sua offensiva militare a Gaza, più di cento ostaggi sono stati liberati grazie a uno scambio con i prigionieri palestinesi detenuti nelle carceri israeliane, durante una tregua di una settimana nel novembre dello scorso anno.

Ma gli sforzi per trovare un nuovo accordo di tregua che includa uno scambio di ostaggi israeliani con i prigionieri palestinesi si sono finora arenati.

Uno degli obiettivi dichiarati della campagna militare di Israele era quello di liberare gli ostaggi detenuti a Gaza, ma in otto mesi ne sono stati liberati solo sette grazie alle operazioni dell'esercito.

Altri tre sono stati uccisi per errore dalle forze israeliane dopo essere fuggiti da soli e Hamas afferma che altri sono stati uccisi negli attacchi aerei israeliani. Secondo le stime di Israele, circa 80 sono ancora detenuti da Hamas, insieme ai corpi di altri 40.

Non sono pronto a vivere in un Paese con un governo che ci manda a stabilirci alle frontiere e a combattere nelle guerre e alla fine ci abbandona
Ofer Kalderon
Figlio dell'ostaggio israeliano Rotem Kalderon

"Dite sì all'accordo, riportate tutti a casa; i vivi per la riabilitazione e le loro famiglie e i morti per una degna sepoltura nel loro Paese", ha detto Michal Lubnov, moglie dell'ostaggio Alex Lubnov.

L'offensiva israeliana a Gaza ha ucciso oltre 37mila palestinesi. Impossibile sapere quanti fossero i civili e quanti i militanti di Hamas ma secondo le stime delle Nazioni Unite è probabile che almeno due terzi fossero donne, anziani e minori.

L'azione di Israele inoltre scatenato un disastro umanitario a Gaza, dove oltre l'80 per cento della popolazione è stata sfollata e le restrizioni israeliane e i combattimenti in corso hanno ostacolato gli sforzi per far arrivare gli aiuti umanitari, alimentando la fame diffusa.

L'inconcludente guerra ha anche diviso l'opinione pubblica israeliana, con migliaia di persone che sono scese in piazza ogni sabato sera per chiedere al governo di raggiungere un accordo che riporti a casa gli ostaggi. Alcuni accusano Benjamin Netanyahu di dare priorità alla sua sopravvivenza politica rispetto alla vita degli ostaggi.

Nel frattempo, i palestinesi nel sud di Gaza hanno fatto la fila sotto il sole cocente per accedere all'acqua dai camion degli aiuti a Khan Younis, dove decine di migliaia di persone vivono principalmente in tende di plastica. Gli sfollati stanno lottando contro le alte temperature, la mancanza di cibo e acqua e la scarsità di forniture mediche.

Questo arriva un giorno dopo che un alto funzionario del Programma alimentare mondiale (Pam) ha dichiarato che nel sud di Gaza si sta verificando una "catastrofe idrica e igienico-sanitaria", aggravata dal numero crescente di sfollati dalla città più meridionale di Rafah.

"La gente si accampa per strada, sulla spiaggia, al massimo con qualche riparo. Ma, sapete, stavamo guidando attraverso fiumi di liquami", ha detto il vicedirettore esecutivo del Pam, Carl Skau.

Lo stesso giorno un portavoce dell'Unicef ha dichiarato alla Bbc che a uno dei loro convogli è stato negato l'ingresso nel nord di Gaza nonostante avesse tutti i documenti necessari.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Guerra a Gaza: colloqui in stallo, "catastrofe igienico-sanitaria"

Striscia di Gaza: raid israeliano su Khan Younis dopo ordine di evacuazione, decine di morti

Guerra a Gaza: decine di morti nel campo di Nuseirat, la Nuova Zelanda contro Israele