EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Ostaggi uccisi dall'Idf a Gaza: "avevano alzato bandiera bianca", protestano le famiglie

ostaggi israeliani uccisi a Gaza
ostaggi israeliani uccisi a Gaza Diritti d'autore AP/AP
Diritti d'autore AP/AP
Di Greta Ruffino
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Tre ostaggi sono stati uccisi per errore dall'esercito israeliano durante un'operazione a Gaza. Secondo una prima ricostruzione, avevano alzato bandiera bianca. Protestano le famiglie

PUBBLICITÀ

Tre ostaggi sono stati uccisi dall'esercito israeliano venerdì a Gaza. Si tratta di Yotam Haim e Alon Shamriz, rapiti a Kfar Aza il 7 ottobre, e Samer Talalka rapito a Nir Amlo stesso giorno. Secondo un'indagine preliminare dell'esercito israeliano, i tre avevano innalzato un bastone con un pezzo di stoffa bianca. Lo ha detto una fonte dell'esercito sabato in un briefing con i giornalisti. Secondo la stessa indagine, le truppe non "hanno seguito le regole d'ingaggio dell'esercito".

La fonte dell'esercito ha poi detto che uno dei soldati che si trovava sul palazzo di fronte ai tre "si è sentito minacciato" e ha sparato verso il gruppo. "Due ostaggi sono stati colpiti e sono caduti a terra, mentre il terzo - ha aggiunto - è riuscito a scappare in un edificio vicino". La fonte dell'esercito ha poi spiegato che "mentre i soldati si avvicinavano all'edificio, hanno cominciato a sentire grida in ebraico che chiedevano il loro aiuto". A quel punto, l'ostaggio israeliano che si nascondeva all'interno dell'edificio è uscito ma subito dopo è rientrato.

La fonte ha proseguito affermando che i soldati hanno ritenuto che "fosse un membro di Hamas che cercava di attirarli in una trappola". "Sono entrati nell'edificio dove - ha concluso - hanno ucciso l'ostaggio". Quando i soldati hanno recuperato i tre corpi, "hanno notato segni identificativi che hanno fatto sospettare che si trattasse effettivamente di ostaggi israeliani riusciti a fuggire". 

Protestano le famiglie degli ostaggi israeliani

Venerdì sera è scoppiata una protesta a Tel Aviv dopo che Israele ha riferito di aver ucciso per errore i tre ostaggi a Gaza. Dopo essersi radunati di fronte a un quartier generale, centinaia di manifestanti hanno raggiunto l'incrocio della via Kaplan, una delle principali arterie della città, bloccando la strada. I manifestanti hanno chiesto un accordo immediato per il ritorno a casa degli ostaggi tenuti nella Striscia, gridando "ora, ora". 

Sabato le famiglie degli ostaggi si sono riunite a Tel Aviv presso la sede del loro comitato per discutere le prossime misure da adottare. Ancora una volta sono tornate a chiedere al governo israeliano di porre fine ai combattimenti e di avviare negoziati per il lororilascio. "Stiamo solo recuperando cadaveri. Vogliamo che fermiate i combattimenti e avviate i negoziati", ha detto Noam Perry, figlia di un israeliano rapito, durante un raduno di famiglie di ostaggi a Tel Aviv. Robby Chen, padre di un soldato 19enne ostaggi, ha espresso la sua rabbia tenendo una clessidra in mano. "Cosa state aspettando? Di farli tornare nelle bare? Chiediamo al governo di parlare con noi oggi e spiegare quale proposta hanno sul tavolo".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Israele: le famiglie dei rapiti al festival Supernova insieme per ricordare le vittime

Gaza: Israele apre alla tregua in cambio di 40 ostaggi, il leader di Hamas Haniyeh atteso in Egitto

Gaza, Netanyahu vuole continuare la guerra fino alla distruzione di Hamas