EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Elezioni europee: i conservatori hanno perso slancio? I dati in nove Paesi dell'Unione

Un uomo indossa un abito con i colori dell'UE mentre cammina fuori dal Parlamento europeo
Un uomo indossa un abito con i colori dell'UE mentre cammina fuori dal Parlamento europeo Diritti d'autore Virginia Mayo/Copyright 2024 The AP. All rights reserved.
Diritti d'autore Virginia Mayo/Copyright 2024 The AP. All rights reserved.
Di Sergio Cantone
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

I sondaggi di Euronews prevedono una vittoria elettorale per il Ppe, una crescita senza precedenti per gli ultraconservatori e un leggero aumento per i socialisti. I dati suggeriscono che la creazione della futura coalizione di governo potrebbe rivelarsi un enigma politico

PUBBLICITÀ

Secondo i sondaggi di Euronews, una cosa sembra certa: dopo le elezioni dal 6 al 9 giugno, il Parlamento europeo avrà una chiara maggioranza di destra.

Inoltre, le forze del campo conservatore, dal centrodestra all'estrema destra, dovranno superare profonde fratture e contraddizioni tra loro per creare un'alleanza funzionale. Nel frattempo, i gruppi conservatori difficilmente riusciranno a unire le loro forze in un'unica forte coalizione. I partiti socialisti sono in leggera e costante crescita da tre mesi, mentre i liberal-democratici di Renew Europe sono in rapido declino.

Infine, ecco una curiosità più che un dato politico: gli unici Paesi in cui si prevede che l'estrema destra avrà un'affluenza insignificante sono Cipro, Lussemburgo e Malta.

Abbiamo chiesto a Boyd Wagner, analista capo del Centro sondaggi di Euronews, di aiutarci a capire meglio i risultati del nostro ultimo sondaggio in nove Paesi rappresentativi dell'Ue.

In Germania, la più grande economia dell'Unione, i cristiano-democratici (Cdu) sono costantemente in testa nei sondaggi. Come commenta questo dato?

Il Ppe (Partito Popolare Europeo) continuerà a ricevere la spinta maggiore dalla coalizione tedesca, dal gruppo tedesco, dalla Cdu e dalla Csu (rispettivamente i cristiano-democratici tedeschi e bavaresi).

Secondo le nostre proiezioni, si attesteranno intorno al 30 per cento. E questo dovrebbe essere un grande boom per il gruppo del Ppe.

ll partito di estrema destra Alternativa per la Germania (AfD) sembra aver perso un po' del suo appeal sull'elettorato tedesco e potrebbe essere superato dai socialdemocratici (Spd) come secondo partito. Ciò è dovuto ai recenti scandali e alle accuse rivolte ad alcuni suoi membri di essere agenti di influenza russa e alle dichiarazioni di simpatia per le SS da parte del capo della lista elettorale del partito per il Parlamento europeo Maximilian Krah?

Quando i cittadini andranno a votare tra una settimana o giù di lì, in Germania, lo scandalo delle SS avrà un impatto maggiore. Quindi, il solo riverbero di questo scandalo avrà un effetto su tutto ciò che si giocherà a lungo termine.

In Francia, la vittoria schiacciante di Jordan Bardella, del Rassemblement National di Marine Le Pen, è scontata. L'avvincente gara è per la seconda posizione tra due candidati fortemente pro-Ue, Valérie Hayer di Renaissance e Raphaël Glucksman del Partito Socialista. Non è così?

Il partito socialista in Francia sta guadagnando molto terreno alle spalle di Rennaissance. Penso che questo diventerà la loro maggiore preoccupazione per Macron e il gruppo. Penso che Renaissance non possa permettersi di cercare di avvicinarsi al Rassemblement National in questo momento, deve assicurarsi di rimanere al secondo posto e non lasciare che i socialisti si avvicinino alle loro spalle".

Il Partito Socialista di Glucksman è una vera minaccia per la cosiddetta "maggioranza presidenziale" sia in Francia che in Europa?

La Rennaissance non dovrebbe lasciare avvicinare i socialisti si alle loro calcagna, come stanno facendo in questo momento, a poco più di una settimana dalle elezioni. Secondo gli ultimi sondaggi la lista di Macron è al 16,6 per cento, mentre i socialisti sono appena sotto il 14 per cento. Quindi ora i due partiti sono molto, molto, vicini.

L'Italia è l'altro pezzo importante del campo ultraconservatore di estrema destra dell'Ue. La premier Giorgia Meloni occupa stabilmente la prima posizione. Nelle ultime due settimane abbiamo assistito a un cauto avvicinamento tra Giorgia Meloni (il suo partito è membro dell'Ecr) e la numero uno dell'opposizione francese, Marine Le Pen (il suo partito è affiliato a Identità e Democrazia). Pensa che potrebbero essere tentate di unire le loro forze, creare un nuovo gruppo e abbandonare il progetto di una coalizione conservatrice "pro-von der Leyen" (senza Le Pen)?

Non credo che Giorgia Meloni escluda questa possibilità. Se includiamo tutti, ed escludo l'AfD - ora che è stato escluso dal gruppo di Identità e Democrazia - si hanno dai 60 ai 65 seggi dell'Id e oltre 80 seggi dell'Ecr. Insieme diventano un formidabile numero due, potenzialmente il numero due. Potrebbero essere più numerosi dell'S&D nel Parlamento europeo. E questo significherebbe che c'è una destra forte che deve essere presa in considerazione.

Il Ppe cosa farà? Dovranno considerare un'eventuale alleanza. E alla fin dei conti, avere tanti seggi dell'opposizione a destra non è abbastanza. O il Ppe decide di entrare in coalizione con i conservatori, o saranno i conservatori a formare un governo tra loro.

Passiamo ora alla Spagna. Secondo il sondaggio di Euronews, il Partido Popular è leggermente in testa ai sondaggi, seguito dal Partito socialista Psoe. La Spagna è l'ultimo bastione dei partiti mainstream della tradizione politica europea?

Il Partito socialista operaio spagnolo è il partito più grande. È il partito di governo in questo momento in Spagna. Non pensiamo che sia il partito vincente. Ma non è che si stia assistendo all'emergere di un partito di destra che prenda il suo posto. Non stiamo assistendo all'ascesa di Vox come avremmo potuto pensare.

Invece, la lotta si sta risolvendo in una sorta di confronto tra i due partiti di establishment, il Partido Popular e il Psoe. E, secondo i dati in nostro possesso, sembra che sarà il Partido Popular ad essere in testa, ma è ancora tutto da decidere.

Secondo le nostre proiezioni, in Spagna ci saranno 25 eurodeputati per il Ppe e il Pp, e solo 20 per il Psoe e l'S&P. Anche in questo caso, si tratta di un caso unico.

Il gruppo del Ppe sarà un affare tedesco-polacco-spagnolo. Qual è la sua analisi in merito?

È molto chiaro che sarà guidato dai tedeschi e dagli spagnoli. E, credo, al terzo posto ci saranno probabilmente i polacchi. Credo che lei abbia ragione. Il Ppe trarrà vantaggio dal fatto di essere il fianco orientale dell'Europa.

Penso che sul versante orientale dell'Europa, molti dei partiti più tradizionali stiano accumulando più voti di quanti ne avessero prima. Quindi penso che il Ppe farà meglio lì. Ma alla fine dei conti, in alcuni di questi Paesi non ci sono più tanti europarlamentari e seggi al Parlamento europeo. Quindi dovranno essere sostenuti dagli spagnoli, dai tedeschi e dai polacchi.

La Romania è un altro interessante esercizio dell'arte di progettare coalizioni politiche. Il prossimo Parlamento europeo potrebbe ispirarsi alla struttura dell'attuale coalizione al governo in Romania?

Sembra proprio di sì. Secondo le nostre proiezioni, il Ppe sarà il leader con circa 11 membri nel prossimo Parlamento europeo. Il gruppo dei Socialisti e Democratici (S&D) dovrebbe seguiresubito dopo, con nove membri. Ci sono sette membri per l'Ecr. E poi ci sono cinque membri per il gruppo Renew Europe.

Anche in questo caso, è più difficile monitorare in Romania proprio per il fatto che sono in corsa anche per le elezioni del parlamento nazionale.

PUBBLICITÀ

Passerei ai Paesi Bassi. Confermeranno i risultati delle recenti elezioni nazionali?

I Paesi Bassi sono una pista interessante perché hanno avuto le loro battaglie interne durate anni e sembra che stiano arrivando ad una conclusione.

Sembra che, a tempo debito, confermeranno il loro governo. Quindi, per come la mettiamo ora, ci sono nove eurodeputati olandesi per l'Id, una osizione forte della destra nazionale.

E il Belgio? Anche loro terranno le elezioni federali lo stesso giorno delle elezioni europee.

Il Belgio è sempre molto difficile da inquadrare. Si pensi alla posizione dei membri del Parlamento europeo che siederanno in Belgio. Si nota anche una forte ascesa della destra, proprio come nei Paesi Bassi e in Francia.

Sarà molto ben proporzionato. Nelle Fiandre (regione di lingua olandese), vedremo la maggior parte degli elettori di destra. Mentre in Vallonia (regione francofona) si vedrà una percentuale maggiore di elettori di sinistra.

Per quanto riguarda gli elettori di destra, in Ungheria il partito ultraconservatore Fidesz del primo ministro Viktor Orbán è in testa ai sondaggi, ma per la prima volta un nuovo partito di opposizione sembra essere in ascesa. Il movimento di Péter Magyar potrebbe diventare una minaccia politica per Orbán?

In questo momento li troviamo a quasi il 20 per cento nei sondaggi. È un dato molto forte per un gruppo che non è tecnicamente un'opposizione unita. Due anni fa, quando l'Ungheria ha tenuto le ultime elezioni parlamentari nazionali, si sono presentati come opposizione unita e sono riusciti a ottenere oltre il 30 per cento dei voti. Tuttavia, non sono riusciti a ottenere una vittoria su Orbán. Quindi il 20 per cento non porterà grandi risultati in termini di movimento complessivo. .

PUBBLICITÀ

Voglio dire, prevediamo ancora che (Fidesz) ottenga oltre il 40 per cento dei voti in Ungheria. Manterranno la loro posizione leader e potrebbero addirttura raddoppiare. Se si guarda a Magyar, credo che la maggior parte dei suoi elettori provenga da altri partiti dell'ex opposizione o altri partiti di opposizione.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Paesi Bassi: ultimo atto prima delle elezioni europee, l'estrema destra è data per vincente

Polonia: il progetto di coalizione conservatrice Ppe-Ecr sulla strada del fallimento

Elezioni europee: il sondaggio di Euronews, possibile nascita di un gruppo populista di sinistra