EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Kenya, altre proteste e violenze in varie città: morti e feriti secondo ong e media locali

Le proteste e le violenze in Kenya sono proseguite ancora giovedì 27 giugno nonostante il ritiro della contestata finanziaria da parte del governo
Le proteste e le violenze in Kenya sono proseguite ancora giovedì 27 giugno nonostante il ritiro della contestata finanziaria da parte del governo Diritti d'autore Brian Inganga/Copyright 2023 The AP. All rights reserved
Diritti d'autore Brian Inganga/Copyright 2023 The AP. All rights reserved
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Proteste nella capitale e in altre città nonostante il ritiro della legge deciso dal presidente Ruto. La polizia ha aperto di nuovo il fuoco sui manifestanti: feriti e morti secondo testimoni. Ong decunciano un massacro martedì in un sobborgo di Nairobi

PUBBLICITÀ

Ci sono altre vittime in Kenya giovedì, dopo che la polizia si è scontrata con i manifestanti a Nairobi e in altre città, come accaduto martedì scorso quando le proteste contro la nuova legge finanziara sono sfociate in violenze.

Lo ha segnalato la ong Commissione nazionale per i diritti umani del Kenya (Knhrc) che ha parlato di disordini giovedì nella capitale, dove la polizia cerca di tenere i dimostranti lontani dal palazzo presidenziale, e in altre città come Migori (dove ci sarebbero feriti), Kisumu e Mombasa.

In quest'ultima, nel sud del Paese, anche la Bbc ha riportato saccheggi e sassaiole. Video on line mostrano sparatorie.

L'annunciata marcia verso il centro di Nairobi e i palazzi istituzionali, per chiedere le dimissioni del presidente e ricordare le persone decedute in questi giorni, non ha visto una partecipazione comparabile ai giorni precedenti, secondo il sito web dell'emittente britannica.

Ma media locali hanno riferito di disordini in altre zone della capitale ed è stata bloccata anche un'autostrada. Nell'ovest del Kenya invece, a Homa Bay, diversi feriti sono stati ricoverati con ferite d'arma da fuoco.

Le vittime accertate finora in Kenya sono 23e almeno 165 i feriti. È stato dispiegato anche l'esercito.

ll presidente del Kenya Ruto ha deciso di ritirare la legge

La decisione del presidente William Ruto mercoledì di non promulgare la legge, contestata soprattutto dai kenyoti più giovani per l'aumento delle imposte su vari beni di consumo, non ha fermato le manifestazioni.

In un discorso alla nazione, il secondo in pochi giorni, Ruto ha anche rivendicato gli interventi del governo kenyano per abbassare il costo di beni essenziali come i fertilizzanti agricoli.

Il segretario di Stato Usa, Antony Blinken, ha parlato mercoledì con Ruto, ringraziandolo per aver preso provvedimenti per ridurre le tensioni.

Ruto è stato eletto nel 2022 con un programma pieno di promesse per la classe media e bassa, ma da allora il suo governo ha introdotto e aumentato diverse tasse, rendendolo impopolare.

Massacro a Githurai: la denuncia dei media kenyani

Il quotidiano locale The Standard riporta le denuncia di testimoni e attivisti locali di un "numero imprecisato" di vittime da parte della polizia martedì notte a Githurai, una località a nordovest di Nairobi.

Le testimonianze citate da questo e altri media hanno riferito di uccisioni indiscriminate da parte degli agenti, che secondo la polizia si stavano invece difendendo da una folla di migliaia di persone che aveva bloccato una strada e il mezzo dei poliziotti.

La Knhrc ha denunciato almeno 30 morti e 100 feriti a Githurai. L'ong Law Society of Kenya ha chiesto l'avvio di un'indagine indipendente sull'accaduto.

Il media locale Kenyans segnala vittime giovedì anche a Ongata Rongai, un altro sobborgo a sud della capitale.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Kenya: parlamento in fiamme e violenti scontri tra polizia e manifestanti a Nairobi

Kenya, il capo delle forze armate muore in uno schianto in elicottero: tre giorni di lutto

Il presidente del Kenya a Strasburgo: "Un posto a tavola per l'Africa"